Il pa­dre fu uc­ci­so dal­la ban­da Ma­nie­ro «Fa­rò il ma­gi­stra­to»

Par­la la fi­glia dell’agen­te Giaz­zon

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Tom­ma­so Quag­gio

VI­CEN­ZA — «Quan­do ho sen­ti­to che Fe­li­ce Ma­nie­ro ave­va chiu­so i suoi con­ti con la giu­sti­zia la mia rea­zio­ne è sta­ta di pu­ro scon­cer­to. Ma co­me, lui, il ca­po dell’or­ga­niz­za­zio­ne che mi ha por­ta­to via mio ma­ri­to, li­be­ro di fa­re quel­lo che più cre­de, di an­dar­se­ne in gi­ro? No, que­sta non è giu­sti­zia, non può es­se­re chia­ma­ta co­sì. Non può es­se­re ve­ro. Lui era la Ma­la del Bren­ta, do­ve­va pa­ga­re per que­sto. Co­sa pos­so di­re. A que­sto pun­to che dob­bia­mo fa­re pre­miar­lo? For­se ci si è di­men­ti­ca­ti di chi è in real­tà quell’uo­mo. So­no an­da­ta a tut­ti i pro­ces­si per cer­ca­re di ca­pi­re la ve­ri­tà, il per­ché di tut­to que­sto, e ades­so è co­me se mio ma­ri­to aves­se but­ta­to via la sua vi­ta per nul­la». Le pa­ro­le so­no quel­le di Chia­ra Fi­lip­pi, la ve­do­va di Lo­ris Giaz­zon, l’agen­te di po­li­zia vi­cen­ti­no che ha per­so la vi­ta nel­la san­gui­no­sa ra­pi­na al­la Ban­ca Po­po­la­re di Vi­cen­za di Ol­mo di Creaz­zo, il 20 apri­le del 1993. Un col­po mes­so a se­gno dal­la ban­da di Ma­nie­ro, com­po­sta per l’oc­ca­sio­ne da Pa­squa­li­no Cro­sta, Ste­fa­no Ghi­ro e dai co­gna­ti di «fac­cia d’an­ge­lo» En­nio e Mas­si­mo Ri­ga­to, con­dan­na­ti in to­ta­le a 94 an­ni di car­ce­re. Il più gran­de dei fra­tel­li, En­nio, quel gior­no fa­ce­va da pa­lo ed era con­si­de­ra­to nell’am­bien­te co­me uno dei più pericolosi e spie­ta­ti ra­pi­na­to­ri. Al­la vi­sta dei po­li­ziot­ti Lo­ris Giaz­zon e Mau­ri­zio Ce­sa­rot­to aprì il fuo­co con il suo ka­la­sh­ni­kov, la­scian­do a ter­ra mor­to il pri­mo e fe­ren­do gra­ve­men­te il se­con­do, og­gi co­stret­to in una se­dia a ro­tel­le. Giaz­zon all’epo­ca ave­va so­lo 27 an­ni e la mo­glie 26. Era di­ven­ta­to pa­dre da ap­pe­na due an­ni.

«Quan­do ho sa­pu­to del­la li­ber­tà con­ces­sa a quell’uo­mo in un pri­mo mo­men­to ho avu­to pau­ra - rac­con­ta la fi­glia Jes­si­ca, or­mai mag­gio­ren­ne - Ho pen­sa­to in­ge­nua­men­te che sa­reb­be ve­nu­to da me, o che po­trei in­con­trar­lo per ca­so. Co­se co­me que­ste mi fan­no per­de­re la fi­du­cia nel­lo Sta­to. Pe­rò col­ti­vo un so­gno nel cas­set­to, di­ven­ta­re ma­gi­stra­to o en­tra­re nel­la po­li­zia in­ter­na­zio­na­le. Mi han­no tol­to mio pa­dre e per noi la vi­ta non è sta­ta fa­ci­le sia­mo ri­ma­ste so­le con il no­stro do­lo­re». Quel po­me­rig­gio di 17 an­ni fa la vo­lan­te del­la po­li­zia sta­va per­cor­ren­do la sta­ta­le 11 in di­re­zio­ne Ve­ro­na. Al­la gui­da Giaz­zon, al fian­co il ca­po pat­tu­glia Giu­sep­pe Giu­di­ce, sul se­di­le po­ste­rio­re Ce­sa­rot­to. Que­st’ul­ti­mo era in ser­vi­zio per un ca­so. La mac­chi­na no­tò qual­co­sa di stra­no e do­po una bre­ve re­tro­mar­cia i tre ca­pi­ro­no che era in at­to una ra­pi­na. «Ave­vo 30 an­ni - rac­con­ta con un fi­lo di vo­ce Ce­sa­rot­to - trat­ten­go la rab­bia a sten­to og­gi. Mio fi­glio ave­va 12 an­ni. Mi vo­le­vo go­de­re so­lo lui, in­ve­ce tut­to è cam­bia­to. Ma­nie­ro non ha mai fat­to il car­ce­re, pos­sia­mo dir­lo, e ades­so lui è li­be­ro e chi ha sof­fer­to ri­ma­ne con un pu­gno di mo­sche. Lui ha scon­fit­to la Ma­la del Bren­ta? Ma non di­cia­mo scioc­chez­za lui era la Ma­la del Bren­ta. Non ho fat­to al­tro che pen­sa­re a quel­lo che mi è ca­pi­ta­to. Era­no ra­pi­na­to­ri di­spo­sti a tut­to. An­da­va­no sull’obiet­ti­vo con l’in­ten­zio­ne di spa­ra­re se aves­se­ro avu­to a che fa­re con po­li­zia o ca­ra­bi­nie­ri. Lui ades­so è li­be­ro, ha sem­pre fat­to quel­lo che vo­le­va e ades­so è pu­re li­be­ro di far­lo do­ve vuo­le. Vi­va la giu­sti­zia ita­lia­na».

Vi­te di­strut­te Chia­ra Fi­lip­pi, la ve­do­va dell’agen­te Lo­ris Giaz­zon, con la fi­glia Jes­si­ca. Ac­can­to a lo­ro, Mau­ri­zio Ce­sa­rot­to

Nor­ma­le cit­ta­di­no Fe­li­ce Ma­nie­ro ha scon­ta­to la sua pe­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.