Ve­ne­re non è na­ta a Pon­ti­da

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - di MARCO BER­NAR­DI­NI

La na­tu­ra, ma­dre di noi tut­ti, è sag­gia. Non ope­ra di­stin­guo di razza o di pen­sie­ro. L’uo­mo, scel­le­ra­ta­men­te, lo fa. Eb­be­ne, sul fi­ni­re de­gli an­ni Ot­tan­ta, po­co pri­ma del­la ca­du­ta de­lMu­ro di Ber­li­no, una for­ma di or­ti­ca­rio­so ma­ni­chei­smo ideo­lo­gi­co di­la­ga­va nel mon­do. Da noi, in Ita­lia do­ve sia­mo sto­ri­ca­men­te vo­ca­ti al­le se­du­zio­ni con­tra­da­io­le, il fe­no­me­no del­la di­vi­sio­ne tra buo­ni e cat­ti­vi si pre­sen­ta­va ag­ghin­da­to in ma­nie­ra ad­di­rit­tu­ra de­men­zia­le. L’estre­miz­za­zio­ne al po­te­re pro­vo­ca­va di­bat­ti­ti de­ci­sa­men­te lu­na­ri, su te­mi adat­ti al tea­tro del «non sen­se», del­la se­rie il cioc­co­la­to al lat­te è di de­stra men­tre quel­lo fon­den­te è di si­ni­stra piut­to­sto che la doc­cia è un fe­no­me­no di ispi­ra­zio­ne li­ber­ta­ria ri­spet­to al ba­gno nel­la va­sca che ri­ve­la pe­ri­co­lo­se de­vian­ze oscu­ran­ti­ste. Ro­ba da mat­ti. Poi è ar­ri­va­ta la glo­ba­liz­za­zio­ne la qua­le, pur fa­cen­do dan­ni di al­tro ti­po, ha spaz­za­to via la za­vor­ra del­la di­ver­si­tà di­mo­stran­do che per­si­no la ge­stio­ne di un gran­de Pae­se co­me gli Usa po­te­va es­se­re af­fi­da­ta ad un pre­si­den­te ne­ro. In Ita­lia, pe­rò, le co­se non sem­bra­no vo­ler fun­zio­na­re co­me al­tro­ve e la re­si­sten­za ri­spet­to al rin­no­va­men­to del pen­sie­ro ri­ma­ne coc­ciu­ta, sep­pu­re ruf­fia­na­men­te ma­sche­ra­ta da­gli abili bu­rat­ti­nai del po­te­re. Il cuo­re del pro­ble­ma, in­fat­ti, non si tro­va più ra­di­ca­to nel ter­re­no del­la dif­fe­ren­za po­li­ti­ca (non par­ti­ti­ca, be­nin­te­so) in sen­so am­pio. Del re­sto ope­ra­re un di­stin­guo tra de­stra sto­ri­ca, ri­vi­si­ta­ta dal nuo­vo cor­so fi­nia­no, e si­ni­stra tra­di­zio­na­le, pra­ti­ca­men­te ine­si­sten­te dal­la scom­par­sa di Ber­lin­guer in avan­ti, sa­reb­be ope­ra­zio­ne di un’in­ge­nui­tà fan­ciul­le­sca. Cia­scu­no di noi, in­som­ma, avreb­be una gran vo­glia di schie­rar­si se­ria­men­te da una par­te o dall’al­tra, ma il fat­to è che nes­su­no ha la più va­ga idea di do­ve po­ter­si col­lo­ca­re tan­ta è la con­fu­sio­ne. Re­sta, in­ve­ce, sem­pre più al­to e sem­pre me­no va­li­ca­bi­le il nuo­vo Mu­ro, idea­le ma non per que­sto me­no or­ri­bi­le, che se­pa­ra il Sud dal Nord. Me­glio an­co­ra, il Cen­tro Sud e an­che una fran­gia del Nord Ove­st dal Nord Est. Ec­co, dun­que, in pro­po­si­to una levata di scu­di, sep­pu­re con il sor­ri­so sul­la boc­ca tan­to per non ri­me­dia­re la fi­gu­ra dei su­per­fi­cia­li per­di­gior­no, sul­la que­stio­ne na­zio­na­le le­ga­ta al­la ma­ni­fe­sta­zio­ne di Miss Ita­lia. La do­man­da, for­mu­la­ta con mal­ce­la­to so­spet­to, è: per qua­le stra­no in­cro­cio pla­ne­ta­rio le gio­va­ni bel­lez­ze pa­da­ne en­tra­te a far par­te del grup­po fi­na­li­sta di Sal­so­mag­gio­re so­no so­la­men­te sei sul­le duecentotrentaquattro se­le­zio­na­te? E an­co­ra: è mai pos­si­bi­le che le più bel­le to­po­lo­ne d’Ita­lia sia­no prin­ci­pal­men­te na­te da Fi­ren­ze in giù? E avan­ti con un bel ba­gno nel­le ac­que mal­mo­to­se del­la più bie­ca die­tro­lo­gia raz­zi­sta e del­la psi­co­si an­ti le­ghi­sta. Sal­vo ri­tro­va­re il lu­me del­la ra­gio­ne e ten­ta­re di for­ni­re all’even­to una ri­spo­sta ispi­ra­ta dal buon sen­so. E’ ve­ro, ci fu un tem­po in cui le ra­gaz­ze più bel­le d’Eu­ro­pa era­no a giu­di­zio pla­ne­ta­rio le «mu­le» trie­sti­ne. Ma poi le co­se cam­bia­no e per­si­no l’Ita­lia del cal­cio, fa­mo­sa per i suoi di­fen­so­ri, og­gi la­men­ta pe­nu­ria di ter­zi­ni e cen­tra­li di razza. La ve­ra ve­ri­tà e che Ve­ne­re, la dea del­la bel­lez­za e fi­glia di una na­tu­ra as­so­lu­ta­men­te im­par­zia­le, non è na­ta a Pon­ti­da. Hon­nye soit qui mal y pen­se. men­tre il mio so­gno era quel­lo di ve­de­re tut­te le zo­ne ugual­men­te rap­pre­sen­ta­te, ma ciò sa­reb­be sta­to in con­tra­sto con lo spi­ri­to del con­cor­so».

Ve­nen­do al­le due ve­ne­te in liz­za per il ti­to­lo di re­gi­net­ta ita­lia­na, l’umo­re è de­ci­sa­men­te di­ver­so ed il so­ste­gno dei fan cor­re su Fa­ceb­bok: «Per far­le vin­ce­re il ti­to­lo più am­bi­to, vo­tia­mo­la» re­ci­ta il grup­po na­to a so­ste­gno Giu­lia Ma­gro, che con­ta già 267 iscrit­ti. «Sia­mo scon­vol­te per­ché le re­gio­ni del Nord so­no ri­ma­ste con una o due fi­na­li­ste - di­ce Miss Ve­ne­to -. Il mo­ti­vo del suc­ces­so del Sud? Non la bel­lez­za, so­no più spi­glia­te». Per Giu­lia Ma­gro c’è già una no­mi­na­tion, una fa­scia che sa­rà as­se­gna­ta da­gli spon­sor del con­cor­so: «Sia­mo in 5 e sa­rei già fe­li­cis­si­ma co­sì». An­che la se­con­da Giu­lia in ga­ra, la noa­le­se Fras­son, ha una pro­pria teo­ria sul­le «pro­mos­se» del Sud: «So­no av­van­tag­gia­te per­ché han­no fat­to scuo­le di re­ci­ta­zio­ne, sfi­la­no, can­ta­no. Pun­ta­no mol­to sul­lo spet­ta­co­lo men­tre noi sia­mo più con i pie­di per ter­ra: si stu­dia per la­vo­ri più clas­si­ci. La fi­na­le? Con­fi­do nel mio ca­rat­te­re: so­no sem­pli­ce, ri­fles­si­va, e ho qual­che an­no in più di ma­tu­ri­tà che non gua­sta mai».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.