GAY, IM­PRE­SE E CUL­TU­RA DIF­FU­SA

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Ste­fa­no Al­lie­vi

In una in­te­res­san­te in­ter­vi­sta a que­sto gior­na­le l’im­pren­di­to­re vi­cen­ti­no Gian­lu­ca Me­ch ha rac­con­ta­to la sua rea­zio­ne, du­ran­te l’as­sem­blea di Con­fin­du­stria a Vi­cen­za, a un in­ter­ven­to del sin­da­co Bru­gna­ro, che par­la­va – fuo­ri con­te­sto – del­le co­sid­det­te teo­rie gen­der. Men­tre Bru­gna­ro in­ter­ve­ni­va, nel suo sti­le vo­lu­ta­men­te bru­sco, su ute­ro in af­fit­to e ma­tri­mo­ni gay, Me­ch, omo­ses­sua­le di­chia­ra­to (una ra­ri­tà, nell’am­bien­te), si è av­vi­ci­na­to al pal­co, ha gri­da­to la sua per­so­na­le in­di­gna­zio­ne e ha poi abbandonato la sa­la (tra qual­che in­sul­to, va det­to). Una rea­zio­ne pla­tea­le a un in­ter­ven­to ir­ri­tua­le: che apre uno spac­ca­to in­te­res­san­te sul­la cul­tu­ra dif­fu­sa su que­sti te­mi, nel Nor­de­st. Non di­men­ti­chia­mo che stia­mo par­lan­do di clas­si di­ri­gen­ti, di eli­te, di per­so­ne be­ne­stan­ti che viag­gia­no, che espor­ta­no, che si con­fron­ta­no ad al­ti li­vel­li con un mon­do aper­to. E pro­prio per que­sto la co­sa fa ri­flet­te­re: si trat­ta di per­so­ne che vi­vo­no in un mon­do e tra men­ta­li­tà co­smo­po­li­te, con cui fan­no af­fa­ri; ma che su al­tri pia­ni non se ne fan­no con­ta­gia­re. An­che nel Nor­de­st, e nel­la stes­sa Vi­cen­za tea­tro del­la sce­na de­scrit­ta, co­me ovun­que, per­so­ne omo­ses­sua­li stan­no ai ver­ti­ci di im­pre­se, di isti­tu­zio­ni pub­bli­che e pri­va­te, so­no pre­sen­ti in po­li­ti­ca, nel gior­na­li­smo, nel mon­do del­la cul­tu­ra: ma, a dif­fe­ren­za che al­tro­ve, pre­fe­ri­sco­no spes­so non di­chia­rar­si ta­li, e que­sta na­tu­ral­men­te è una lo­ro li­be­ra scel­ta. Quel­lo che pe­rò do­vreb­be far ri­flet­te­re è il li­vel­lo di ipo­cri­sia a cui il di­scor­so dif­fu­so su que­sti te­mi ha ac­cet­ta­to di abi­tuar­si. Da un la­to una so­stan­zia­le tol­le­ran­za com­por­ta­men­ta­le: ognu­no fac­cia quel­lo che vuo­le, ba­sta che non ne par­li (ciò che va­le an­che per chi si fa una se­con­da fa­mi­glia con una ven­ten­ne do­ve ha de­lo­ca­liz­za­to la sua im­pre­sa, per chi fre­quen­ta pro­sti­tu­te o club di scam­bi di cop­pie, ma­ga­ri an­che per chi fa tu­ri­smo ses­sua­le in Thai­lan­dia o a Cu­ba, non par­lia­mo di chi tra­di­sce pla­teal­men­te il o la con­sor­te, in so­stan­za, per qua­lun­que com­por­ta­men­to de­vian­te ri­spet­to al mo­del­lo del­la fa­mi­glia tra­di­zio­na­le). Dall’al­tro un di­scor­so pub­bli­co che, in par­ti­co­la­re sull’omo­ses­sua­li­tà, è an­co­ra for­te­men­te stig­ma­tiz­zan­te, per cui il gay è sem­pli­ce­men­te la «chec­ca», il «fro­cio» e il «cu­lat­to­ne», su cui è le­ci­to fa­re bat­tu­te gre­vi e ri­fe­ri­men­ti gros­so­la­ni: an­che in con­te­sti do­ve non sa­reb­be ri­chie­sto. Non un di­scor­so mo­ra­le, quin­di, ma un mo­ra­li­smo di fac­cia­ta.

Se l’ipo­cri­sia, co­me di­ce­va La Ro­che­fou­cauld, è l’omag­gio che il vi­zio ren­de al­la vir­tù, e que­sto va­le ovun­que, nel di­scor­so pub­bli­co del Nor­de­st si è scel­ta spes­so an­che un’al­tra stra­da: la stig­ma­tiz­za­zio­ne di un com­por­ta­men­to (e uno so­lo, tra tan­ti) iden­ti­fi­ca­to co­me vi­zio, in no­me di una vir­tù di­chia­ra­ta ma po­co pra­ti­ca­ta – che ser­ve co­me ri­co­no­sci­men­to col­let­ti­vo di ap­par­te­nen­za, non co­me ri­fe­ri­men­to idea­le. In que­sto qua­dro le pa­ro­le di Me­ch so­no una ra­ri­tà di­rom­pen­te. Per­ché ha sot­to­li­nea­to l’ines­sen­zia­li­tà (il non bi­so­gno) di ri­fe­ri­men­ti a un’ap­par­te­nen­za co­mu­ne uf­fi­cial­men­te ete­ro­ses­sua­le lad­do­ve si par­la d’al­tro: che bi­so­gno c’è, di ri­mar­car­lo? non è for­se un’am­mis­sio­ne di de­bo­lez­za cul­tu­ra­le, sep­pur tra­ve­sti­ta da osten­ta­zio­ne di forza? E per­ché ha par­la­to di raz­zi­smo (di cui cer­to ma­chi­smo ete­ro è una for­ma ap­pe­na più blan­da, in una re­gio­ne che ne co­no­sce al­tri mol­to più espli­ci­ti, nei con­fron­ti de­gli stra­nie­ri), ri­cor­dan­do agli im­pren­di­to­ri che la cre­sci­ta non è so­lo eco­no­mi­ca: che c’è an­che una cre­sci­ta cul­tu­ra­le e ci­vi­le, di di­rit­ti e di ri­spet­to – e che for­se so­no col­le­ga­te. Se al­tri con­te­sti so­no più avan­ti sul pia­no eco­no­mi­co è an­che per­ché so­no cie­chi al­le dif­fe­ren­ze cul­tu­ra­li, raz­zia­li, re­li­gio­se, di opi­nio­ne po­li­ti­ca e di orien­ta­men­to ses­sua­le, e aper­ti al nuo­vo e all’al­tro da sé: che è lo spi­ri­to del­la mo­der­ni­tà, do­po tut­to. Su cui han­no scrit­to i gran­di clas­si­ci del­la so­cio­lo­gia e dell’eco­no­mia, co­me We­ber e Schum­pe­ter: iden­ti­fi­can­do nel­lo stra­nie­ro, nel di­ver­so e nel­la mi­no­ran­za – spes­so – l’in­no­va­to­re (e l’ideal­ti­po dell’im­pren­di­to­re, in­ci­den­tal­men­te), pro­prio per­ché non ha in­te­res­se al man­te­ni­men­to del­lo sta­tus quo. Il trion­fo del ca­pi­ta­li­smo, la sua forza, vie­ne an­che da lì. E non è ma­le ve­der­lo ri­cor­da­to an­che in un’as­si­se con­fin­du­stria­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.