Tor­na a 35 an­ni dal ra­pi­men­to «Do la cac­cia all’ultimo ban­di­to»

Nel 1980 la fi­glia dell’ora­fo bas­sa­ne­se fu se­que­stra­ta da cri­mi­na­li ve­ne­zia­ni Ora ha as­sol­da­to un team per tro­va­re il ba­si­sta. «Co­sì sa­rò dav­ve­ro li­be­ra»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - An­drea Prian­te © RIPRODUZIONE RISERVATA

BAS­SA­NO Gian­car­la Ba­le­stra (a de­stra in fo­to) nel 1980 ven­ne se­que­stra­ta da una ban­da che chie­se, per la sua li­be­ra­zio­ne, 200 chi­li d’oro. Og­gi è tor­na­ta nel­la sua cit­tà, Bas­sa­no, e ha as­sol­da­to una cri­mi­no­lo­ga per ria­pri­re le in­da­gi­ni sul suo ra­pi­men­to. «Vo­glio da­re la cac­cia a chi mi tra­dì: il ba­si­sta del­la ban­da non fu mai sco­per­to».

BAS­SA­NO DEL GRAP­PA (VI­CEN­ZA) Una pa­laz­zi­na di tre pia­ni a Maer­ne, non lon­ta­no da Me­stre. C’è una ra­gaz­za sul let­to, ben­da­ta. È il 4 mar­zo del 1980, e da 21 gior­ni l’Ita­lia è con il fia­to so­spe­so per le sor­ti di Gian­car­la Ba­le­stra, la fi­glia di uno dei più im­por­tan­ti in­du­stria­li ora­fi, ra­pi­ta la not­te di San Va­len­ti­no dal­la vil­la di fa­mi­glia a Bas­sa­no del Grap­pa. La ra­gaz­za sul let­to è in­ton­ti­ta dai son­ni­fe­ri e cal­man­ti che le han­no da­to i suoi car­ce­rie­ri. Chie­de: «Chi sie­te?». «Non pre­oc­cu­par­ti, sia­mo dal­la tua par­te». «Sie­te ca­ra­bi­nie­ri?». «Sì».

Do­ve­va fi­ni­re co­sì. Tut­to ciò che sa­reb­be ve­nu­to do­po - i fe­steg­gia­men­ti, i fla­sh dei fo­to­gra­fi, i pro­ces­si – do­ve­va ser­vi­re sol­tan­to a ce­le­bra­re la li­be­ra­zio­ne di quel­la di­cian­no­ven­ne che ave­va tra­scor­so tre set­ti­ma­ne nel­le ma­ni di una ban­da sen­za scru­po­li che ave­va abu­sa­to di lei e che, per ri­la­sciar­la, ave­va chie­sto un ri­scat­to di due­cen­to chi­li d’oro.

«In­ve­ce una par­te di me è ri­ma­sta pri­gio­nie­ra in quel­la stan­za, e non ne è mai più usci­ta». Tren­ta­cin­que an­ni do­po il suo se­que­stro, Gian­car­la Ba­le­stra an­co­ra si ri­tro­va a fa­re i con­ti con quel pas­sa­to ter­ri­bi­le. Og­gi è una don­na ener­gi­ca, che ado­ra in­dos­sa­re ve­sti­ti dai co­lo­ri sgar­gian­ti e gio­iel­li che lei stes­sa ha di­se­gna­to, i ca­pel­li tin­ti d’az­zur­ro. «So­no un’ar­ti­sta», di­ce di sé. Si mo­stra sor­ri­den­te, ma quel­la espe­rien­za l’ha se­gna­ta pro­fon­da­men­te.

Do­po la li­be­ra­zio­ne, an­che per sfug­gi­re al­la pres­sio­ne dei gior­na­li­sti, i ge­ni­to­ri la man­da­ro­no a Van­cou­ver, in Ca­na­da. E da al­lo­ra non ha smes­so di gi­ra­re il mon­do fi­nen­do per met­te­re ra­di­ci in Ger­ma­nia. Ma da cir­ca un an­no è tor­na­ta in Ita­lia, sta­bi­len­do­si a Mi­la­no.

Il mo­ti­vo? «So­no qui per da­re la cac­cia all’uni­co com­po­nen­te del­la ban­da che non è mai sta­to in­di­vi­dua­to», ri­ve­la. E co­sì, lei - che era sta­ta la pre­da - si tra­sfor­ma in in­se­gui­tri­ce. Lo met­te su­bi­to in chia­ro: «Ho le mo­ti­va­zio­ni giu­ste e i mez­zi, an­che eco­no­mi­ci, per riu­scir­ci». E in­fat­ti ha as­sol­da­to una cri­mi­no­lo­ga di fa­ma, Si­mo­na Ruf­fi­ni – l’esper­ta di cold ca­se che al­cu­ni an­ni fa, in­ve­sti­gan­do as­sie­me all’av­vo­ca­to Ste­fa­no Mac­cio­ni, spin­se la pro­cu­ra di Ro­ma a ria­pri­re l’inchiesta sul­la mor­te di Pier­pao­lo Pa­so­li­ni – e con la col­la­bo­ra­zio­ne di al­cu­ni le­ga­li ha co­min­cia­to a rac­co­glie­re te­sti­mo­nian­ze, mol­te del­le qua­li ine­di­te.

«Ne ri­ca­ve­rò un do­cu­men­ta­rio e ma­ga­ri an­che un li­bro spie­ga Ba­le­stra - ma per me è so­prat­tut­to una te­ra­pia: ho vis­su­to gran par­te del­la vi­ta pri­gio­nie­ra del so­spet­to che qual­cu­no mi aves­se tra­di­ta. E ora, do­po qua­si un an­no di in­da­gi­ni, ne ho la cer­tez­za: quel­la not­te di San Va­len­ti­no del 1980 la ban­da si ser­vì del­la col­la­bo­ra­zio­ne di un ba­si­sta, che non è mai sta­to in­di­vi­dua­to. È giun­to il mo­men­to di met­ter­lo di fron­te al­le sue re­spon­sa­bi­li­tà».

Nell’ar­co di po­che ore dal bli­tz che por­tò al­la sua li­be­ra­zio­ne, i ca­ra­bi­nie­ri ar­re­sta­ro­no no­ve per­so­ne, tra ban­di­ti e fian­cheg­gia­to­ri, ve­ri e pre­sun­ti. Fi­no a quel mo­men­to si pen­sa­va che a piom­ba­re ar­mi in pu­gno nel­la vil­la dell’im­pren­di­to­re Lui­gi Ba­le­stra fos­se­ro sta­ti com­po­nen­ti dell’Ano­ni­ma sar­da, e in­ve­ce si sco­prì che ad agi­re era un grup­po di cri­mi­na­li ve­ne­zia­ni ca­peg­gia­to da Pao­lo Cat­ta­rin, un qua­ran­ten­ne di Fos­sò il cui no­me, vent’an­ni do­po, sa­reb­be sal­ta­to fuo­ri an­che nell’in­da­gi­ne sul cla­mo­ro­so as­sal­to al­lo stu­dio di Gian­ni Cor­ra­di­ni, al­lo­ra am­mi­ni­stra­to­re del Ca­si­nò di Ve­ne­zia.

«I se­que­stra­to­ri - spie­ga Ruf­fi­ni - en­tra­ro­no da un in­gres­so po­ste­rio­re che co­no­sce­va­no sol­tan­to i fa­mi­lia­ri e po­chis­si­mi ami­ci. Inol­tre, pro­prio quel­la se­ra tut­ti i do­me­sti­ci era­no fuo­ri, vi­sto che era il lo­ro gior­no li­be­ro. Que­sti e al­tri ele­men­ti, co­me il fat­to che po­chi gior­ni pri­ma qual­cu­no aves­se ten­ta­to di av­ve­le­na­re il ca­ne dei vi­ci­ni, ci ha con­vin­to del fat­to che qual­cu­no mol­to vi­ci­no ai Ba­le­stra aves­se pas­sa­to le in­for­ma­zio­ni ai se­que­stra­to­ri».

Nel se­que­stro si in­se­rì an­che un al­tro dram­ma: il sui­ci­dio dell’av­vo­ca­to Ar­dui­no Nar­di­ni, che per al­cu­ni gior­ni fe­ce da me­dia­to­re tra i ge­ni­to­ri del­la ra­pi­ta e la ban­da. «For­se ave­va sco­per­to un “in­con­fes­sa­bi­le se­gre­to” - pro­se­gue la cri­mi­no­lo­ga - e non esclu­do pos­sa trat­tar­si pro­prio dell’iden­ti­tà del ba­si­sta».

Se Gio­van­na Ba­le­stra do­ves­se riu­sci­re nel suo obiet­ti­vo, è co­mun­que dif­fi­ci­le che gli ele­men­ti rac­col­ti pos­sa­no spin­ge­re la ma­gi­stra­tu­ra vi­cen­ti­na a ria­pri­re il ca­so. «So be­ne che, a 35 an­ni di di­stan­za, ogni rea­to sem­bra or­mai pre­scrit­to. Ma la ve­ri­tà è or­mai l’uni­ca co­sa che mi in­te­res­sa», spie­ga la don­na. E in­tan­to lan­cia un ap­pel­lo: «Chiun­que ab­bia in­for­ma­zio­ni uti­li si met­ta in con­tat­to con Si­mo­na Ruf­fi­ni. Aiu­ta­te­mi a sco­pri­re chi fu l’in­for­ma­to­re che aiu­tò i miei ra­pi­to­ri».

La cac­cia all’ultimo se­que­stra­to­re mes­sa in pie­di da que­sta don­na te­na­ce, pro­se­gue sen­za so­sta. «C’è una per­so­na che cer­ta­men­te sa co­me an­da­ro­no real­men­te le co­se - con­clu­de Gian­car­la Ba­le­stra - e che vor­rei in­ter­vi­sta­re per il mio do­cu­men­ta­rio: è Pao­lo Cat­ta­rin, il ca­po dell’or­ga­niz­za­zio­ne. Og­gi ha 75 an­ni, mol­ti dei qua­li tra­scor­si in pri­gio­ne. For­se an­che per lui è ar­ri­va­to il tem­po di li­be­rar­si la co­scien­za e di­re ciò che sa sul mio ra­pi­men­to».

Tra pau­re e co­rag­gio Gian­car­la Ba­le­stra og­gi si pre­sen­ta co­sì, i ca­pel­li tin­ti e gli abi­ti sgar­gian­ti. Si de­fi­ni­sce un’ar­ti­sta. Per tut­ta la vi­ta ha fat­to i con­ti col suo ra­pi­men­to

1

1) Gio­van­na Car­la Ba­le­stra, per tut­ti «Gian­car­la», nel­la fo­to dif­fu­sa dai fa­mi­lia­ri all’in­do­ma­ni del suo ra­pi­men­to, il 14 feb­bra­io del 1980, quan­do ave­va 19 an­ni. Ri­ma­se nel­le ma­ni dei se­que­stra­to­ri per 21 gior­ni, du­ran­te i qua­li ven­ne ben­da­ta e co­stret­ta ad as­su­me­re tran­quil­lan­ti. 2) La vil­la del­la fa­mi­glia di in­du­stria­li ora­fi Ba­le­stra, a Bas­sa­no del Grap­pa, do­ve en­trò in azio­ne la ban­da di se­que­stra­to­ri. 3) Par­te de­gli im­pu­ta­ti du­ran­te il processo di pri­ma gra­do in tri­bu­na­le a Bas­sa­no. Il ca­po del­la ban­da di ra­pi­to­ri fu in­di­vi­dua­to nel ve­ne­zia­no Pao­lo Cat­ta­rin, all’epo­ca qua­ran­ten­ne.

3

La cri­mi­no­lo­ga Si­mo­na Ruf­fi­ni, psi­co­lo­ga, scrit­tri­ce e cri­mi­no­lo­ga, con un suo li­bro-inchiesta (e un esposto in pro­cu­ra) ha ria­per­to il ca­so Pa­so­li­ni

2

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.