Sto­ria di Ma­ri­nel­la Il Va­jont vi­sto da una bam­bi­na

I gio­chi, gli scher­zi, la scuo­la, gli ami­ci: la tre­vi­gia­na Ema­nue­la Da Ros ri­co­strui­sce e rac­con­ta l’ultimo gior­no di vi­ta di una bim­ba di die­ci an­ni Una fa­vo­la che na­sce dal­la real­tà e si tra­sfor­ma in un ro­man­zo di fan­ta­sia

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - di Fran­ce­sca Vi­sen­tin

«Q ue­sta di Ma­ri­nel­la è la sto­ria ve­ra...» Le bel­le pa­ro­le con cui ini­zia una del­le più no­te can­zo­ni di Fa­bri­zio De An­drè, rac­con­ta­no an­che il ro­man­zo del­la tre­vi­gia­na Ema­nue­la Da Ros, gior­na­li­sta e scrit­tri­ce. Una sto­ria ve­ra, ap­pun­to. Quel­la di Ma­ri­nel­la Cal­le­ga­ri, bam­bi­na di 10 an­ni, mor­ta nel­la tra­ge­dia del Va­jont. Un li­bro in­ten­so, gio­io­so, in cui l’ul­ti­ma gior­na­ta di vi­ta del­la bim­ba è lu­mi­no­sa, di­ver­ten­te. Nien­te fa­reb­be pen­sa­re a ciò che ac­ca­drà quel­la not­te, quan­do al­le 22.39 l’oro­lo­gio del mu­ni­ci­pio di Lon­ga­ro­ne si fer­ma e la va­lan­ga di ac­qua can­cel­la tut­to: per­so­ne e co­se. Ma­ri­nel­la muo­re nel suo let­to, con un nuo­vo ami­co, un ca­gno­li­no ap­pe­na «adot­ta­to», che con­ti­nua ad ab­ba­ia­re nel ten­ta­ti­vo di da­re l’allarme... Ma ciò che dif­fe­ren­zia que­sto ro­man­zo La sto­ria di Ma­ri­nel­la Una bam­bi­na del Va­jont (Fel­tri­nel­li Kids edi­to­re, 125 pa­gi­ne, 10 eu­ro), da ogni al­tro scrit­to sul­la tra­ge­dia, è che il dram­ma re­sta sul­lo sfon­do. E il rac­con­to si fo­ca­liz­za sul­la quo­ti­dia­ni­tà di una bam­bi­na di 10 an­ni, al­le­gra, sca­te­na­ta, «una pic­co­la pe­ste», co­me la de­fi­ni­sco­no parenti e ami­ci. La vo­glia di vi­ve­re del­la pic­co­la Ma­ri­nel­la è con­ta­gio­sa fin dal­la pri­ma pa­gi­na: le cor­se tra i pra­ti, la vi­ta all’aria aper­ta scru­tan­do le mon­ta­gne, le bur­le al suo ami­co Mar­co, la vo­glia di ri­de­re, ma an­che la ca­pa­ci­tà di ri­flet­te­re, i gio­chi con An­na e Van­na, le ami­che del cuo­re.

L’immaginazione di Ema­nue­la Da Ros ri­por­ta in vi­ta Ma­ri­nel­la, ogni det­ta­glio del­la sto­ria è di fan­ta­sia, ma l’am­bien­ta­zio­ne è pun­tua­le: la scrit­tri­ce con una lun­ga ri­cer­ca sto­ri­ca at­tra­ver­so i po­chi so­prav­vis­su­ti, ha ri­co­strui­to fe­del­men­te la Lon­ga­ro­ne di al­lo­ra, le stra­de, la scuo­la, i per­so­nag­gi. Un li­bro pen­sa­to per i bam­bi­ni, che si ri­vol­ge a lo­ro con lin­guag­gio fre­sco, im­me­dia­to, coin­vol­gen­te. Ma­ri­nel­la rac­con­ta di sè in pri­ma per­so­na. E at­tra­ver­so l’esca­mo­ta­ge del per­so­nag­gio , il li­bro fa co­no­sce­re ai più pic­co­li la tra­ge­dia del Va­jon­ti. An­che se in real­tà quel­lo di Ema­nue­la Da Ros è un bel­lis­si­mo ro­man­zo per adul­ti. Com’è na­ta l’idea di fa­re ri­vi­ve­re Ma­ri­nel­la? «Quat­tro an­ni fa in una vi­si­ta al­la te­che di For­to­gna, ho vi­sto que­sto qua­der­no di bam­bi­na ri­tro­va­to nel fan­go - spie­ga Ema­nue­la Da Ros - . C’era scrit­to “Il qua­der­no di Ma­ri­nel­la”, era aper­to su un te­ma scrit­to da lei, “La mia mam­ma”. Da lì il de­si­de­rio di sa­per­ne di più è cre­sciu­to, ho ini­zia­to a fa­re ri­cer­che su Ma­ri­nel­la e sui suoi ge­ni­to­ri, ori­gi­na­ri del­la pro­vin­cia di Rovigo, mor­ti tut­ti a Lon­ga­ro­ne il 9 ot­to­bre 1963».

Fa no­ta­re Ema­nue­la: «A For­to­gna, guan­cia­le ver­de ai pie­di del­le Do­lo­mi­ti bel­lu­ne­si, il si­len­zio sem­bra ave­re un’eco. I due­mi­la cip­pi di mar­mo che por­ta­no il no­me e il co­gno­me del­le vit­ti­me del Va­jont han­no di­ver­se da­te e luo­ghi di na­sci­ta. La da­ta e il luo­go del­la mor­te, in­ve­ce, è ugua­le per tut­ti».

Le ul­ti­me ore del­la sto­ria di Ma­ri­nel­la so­no se­re­ne, è nel suo let­ti­no: «Pie­ga le brac­cia e in­cro­cia le ma­ni die­tro la nu­ca. Le pia­ce ad­dor­men­tar­si co­sì, a pan­cia in­sù, guar­dan­do il sof­fit­to. Pri­ma di so­gna­re, so­gna a oc­chi aper­ti il suo fu­tu­ro: da gran­de di­ven­te­rà una mae­stra bra­vis­si­ma...». La sua uni­ca pre­oc­cu­pa­zio­ne, pri­ma di ad­dor­men­tar­si, è per il ca­gno­li­no: «Tre­mi tut­to Zuc­chi­no. Ma che hai? Spe­ria­mo non ti sia ve­nu­ta la feb­bre... De­vo ri­cor­dar­mi di di­re a Mar­co di por­tar­ti dal ve­te­ri­na­rio. Ora pe­rò dor­mi! Do­ma­ni de­vo al­zar­mi pre­sto! Vo­glio ar­ri­va­re pun­tua­le a scuo­la. Pri­ma di tut­te le mie com­pa­gne...». Que­sto al­le 22.15. Poi al­le 22.39 la fi­ne del mon­do. Del mon­do di Ma­ri­nel­la.

Ema­nue­la Da Ros pre­sen­ta La sto­ria di Ma­ri­nel­la Una bam­bi­na del Va­jont mer­co­le­dì 7 ot­to­bre nel­la ras­se­gna let­te­ra­ria «La Fie­ra del­le Pa­ro­le» di Pa­do­va, a Pa­laz­zo Mo­ro­ni, sa­la Pa­la­din (ore 9). E sem­pre a Pa­do­va, il 27 ot­to­bre sa­rà al­la li­bre­ria Fel­tri­nel­li (ore 10).

(Fo­to di Mi­che­la Gob­bi)

La bam­bi­na e la mon­ta­gna Una bel­la im­ma­gi­ne sim­bo­li­ca:, il pae­sag­gio, la gio­vi­nez­za, il fu­tu­ro. la vi­ta

Pa­gi­ne La co­per­ti­na del­la «Sto­ria di Ma­ri­nel­la» di Ema­nue­la Da Ros

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.