«Ma pro­lun­gar­li so­lo al Sud non sa­reb­be uno scan­da­lo»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Primo Piano -

VE­NE­ZIA «In tut­ti que­sti me­si non ho mai in­con­tra­to un im­pren­di­to­re che di­ca: io as­su­mo per­ché c’è il bo­nus». Lo as­si­cu­ra Ste­fa­no Dal­la Mut­ta, coor­di­na­to­re del­la Con­sul­ta de­gli Or­di­ni dei con­su­len­ti del la­vo­ro del Ve­ne­to, se­con­do il qua­le gli in­cen­ti­vi han­no sem­pli­ce­men­te ac­ce­le­ra­to cer­ti per­cor­si ma sen­za es­se­re de­ci­si­vi. «Ov­via­men­te con i van­tag­gi del­la de­con­tri­bu­zio­ne le im­pre­se han­no at­ti­va­to nuo­vi con­trat­ti più vo­len­tie­ri, ma si trat­ta di real­tà che, se af­fron­ta­no il pas­so, san­no con esat­tez­za di ave­re la ne­ces­si­tà di forza la­vo­ro in più». Dal­la Mut­ta fa due con­ti an­che su­gli scon­ti rea­li do­vu­ti al­la leg­ge di sta­bi­li­tà e so­stie­ne che, da­ti i li­vel­li di re­tri­bu­zio­ne, nel­la no­stra re­gio­ne l’ab­bat­ti­men­to dei ver­sa­men­ti pre­vi­den­zia­li è me­dia­men­te com­pre­so fra i 6 ed i 7 mi­la eu­ro l’an­no. «Sa­pe­re che si può ar­ri­va­re a 8 mi­la, ca­so che ab­bia­mo os­ser­va­to mol­to di ra­do, è più che al­tro un ele­men­to di va­len­za psi­co­lo­gi­ca». Nes­su­na ri­ser­va, inol­tre, sull’ipo­te­si di dif­fe­ren­zia­re il trat­ta­men­to a se­con­da del­le re­gio­ni. «In Ve­ne­to la di­soc­cu­pa­zio­ne è un po’ so­pra il 6%, la me­dia na­zio­na­le su­pe­ra il 12%. In cam­po fi­sca­le e tri­bu­ta­rio non è ra­ro tro­va­re re­go­le che cam­bia­no a se­con­da di do­ve l’azien­da ab­bia la sua se­de. Un ra­gio­na­men­to sull’usci­ta dal­la cri­si ha sen­so se svol­to a li­vel­lo na­zio­na­le e l’Ita­lia è lun­ga e stret­ta, per cui con­ser­va­re la de­con­tri­bu­zio­ne per le azien­de del Mez­zo­gior­no non sa­reb­be uno scan­da­lo».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.