«Ban­che, un pia­no del­la so­cie­tà ve­ne­ta»

Il sot­to­se­gre­ta­rio: ta­vo­lo isti­tu­zio­na­le per Po­po­la­ri, Bcc e Fon­da­zio­ni

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di An­ge­la Pe­de­ri­va

VE­NE­ZIA «I ban­chie­ri non par­la­no mai dei clien­ti, né dei con­cor­ren­ti...». Con que­sta bat­tu­ta Gian Ma­ria Gros-Pie­tro, pre­si­den­te del con­si­glio di ge­stio­ne di In­te­sa San­pao­lo, ie­ri in vi­si­ta a Ve­ne­zia ha drib­bla­to ogni do­man­da sul ter­re­mo­to di Bp­vi. Ma sic­co­me il ruo­lo di Pier Pao­lo Ba­ret­ta è quel­lo di sot­to­se­gre­ta­rio all’Eco­no­mia, nel suo ra­gio­na­men­to non en­tra­no cer­to le ca­te­go­rie del­la clien­te­la e del­la con­cor­ren­za, quan­to piut­to­sto quel­le dei «ri­spar­mia­to­ri da tu­te­la­re» e del «pia­no del­la fi­nan­za di cui il Ve­ne­to de­ve do­tar­si».

Co­me si ri­par­te do­po il ca­so del­la Po­po­la­re di Vi­cen­za?

«Quel­lo a cui stia­mo as­si­sten­do in Ve­ne­to, con la vi­cen­da pri­ma di Ve­ne­to Ban­ca e ades­so di Pop Vi­cen­za, è il se­gna­le dell’esi­gen­za di un rias­set­to com­ples­si­vo del­la fi­nan­za ve­ne­ta. Ac­can­to a que­sto c’è poi la di­scus­sio­ne sul­la rior­ga­niz­za­zio­ne del­le Ban­che di cre­di­to coo­pe­ra­ti­vo, che l’Eu­ro­pa ci chie­de di com­ple­ta­re en­tro l’an­no, tan­to che le sol­le­ci­tia­mo nuo­va­men­te a pre­sen­tar­ci una lo­ro pro­po­sta uni­ta­ria di ri­for­ma. Ag­giun­go inol­tre che al­cu­ni me­si fa ab­bia­mo si­gla­to un pro­to­col­lo con le Fon­da­zio­ni ban­ca­rie che con­sen­te lo­ro di in­ter­ve­ni­re nel ca­pi­ta­le del­le Po­po­la­ri. Ec­co, se met­tia­mo in­sie­me que­sti tre ele­men­ti, ca­pia­mo di es­se­re di fron­te al­la ne­ces­si­tà di un pia­no che la so­cie­tà ve­ne­ta, e uso vo­lu­ta­men­te que­sto ter­mi­ne am­pio, de­ve fa­re e dar­si».

«So­cie­tà», ha det­to: cioè?

«Pre­mes­sa: ci dob­bia­mo por­re il pro­ble­ma di ga­ran­ti­re al Ve­ne­to un flus­so di fi­nan­zia­men­ti im­por­tan­ti, per­ché par­lia­mo del­la pri­ma re­gio­ne tu­ri­sti­ca d’Ita­lia e di una del­le pri­me eco­no­mie d’Eu­ro­pa, per cui dob­bia­mo so­ste­ne­re un pa­tri­mo­nio in­du­stria­le e com­mer­cia­le no­te­vo­le. Quan­do par­lo di “so­cie­tà” in­ten­do che a que­sto obiet­ti­vo de­vo­no con­cor­re­re tut­ti: da una par­te le isti­tu­zio­ni, pur nel ri­spet­to del­la li­ber­tà di mer­ca­to, dall’al­tra le im­pre­se, che so­no par­te in­te­gran­te del si­ste­ma ban­ca­rio tan­to che mol­ti im­pren­di­to­ri sie­do­no nei con­si­gli di am­mi­ni­stra­zio­ne. La pro­po­sta che lan­cio è di met­te­re in­sie­me at­tor­no ad un ta­vo­lo le Fon­da­zio­ni ban­ca­rie, il Cre­di­to Coo­pe­ra­ti­vo e le Po­po­la­ri, an­che quel­le più pic­co­le che non si tra­sfor­me­ran­no mai in Spa ma che so­no vi­ta­li».

Ma due Po­po­la­ri co­me Montebelluna e Vi­cen­za de­vo­no fon­der­si? C’è chi di­ce che due zop­pi, mes­si a cam­mi­na­re in­sie­me, ca­do­no pri­ma...

«...op­pu­re si so­sten­go­no a vi­cen­da, per cui può an­che es­se­re che re­sti­no in pie­di en­tram­bi. In ge­ne­ra­le ve­do be­ne in­te­gra­zio­ni e fu­sio­ni».

Ve­dreb­be be­ne an­che l’idea di un po­lo ban­ca­rio ve­ne­to, so­ste­nu­ta da Lu­ca Za­ia?

«Nell’at­tua­le con­di­zio­ne glo­ba­le di mer­ca­to, il pro­ble­ma non è ave­re una ban­ca ve­ne­ta, ma po­ter con­ta­re in Ve­ne­to su una ban­ca in cui gli in­ve­sti­to­ri e gli im­pren­di­to­ri ve­ne­ti pos­so­no di­re la lo­ro».

An­che quel­li che si so­no ri­tro­va­ti le azio­ni sva­lu­ta­te?

«So­prat­tut­to lo­ro, pic­co­li ri­spar­mia­to­ri che de­vo­no es­se­re tu­te­la­ti. Sic­co­me so­no tan­ti, è be­ne che si met­ta­no in­sie­me».

A pro­po­si­to di im­pre­se: con­fer­me­re­te gli sgra­vi sui neo-as­sun­ti?

«Per lo­ro na­tu­ra gli in­cen­ti­vi do­vreb­be­ro an­da­re pro­gres­si­va­men­te a scen­de­re, per cui nel­la re­da­zio­ne del­la leg­ge di Sta­bi­li­tà stia­mo va­lu­tan­do di ri­dur­ne la por­ta­ta. Non in ter­mi­ni geo­gra­fi­ci (la­scian­do­li so­lo al Sud, ndr.), al­tri­men­ti an­drem­mo in in­fra­zio­ne eu­ro­pea, ma di im­por­to».

Il ca­no­ne Rai scen­de­rà dav­ve­ro a 100 eu­ro e in bol­let­ta?

«La di­chia­ra­zio­ne del pre­mier è un pun­to di par­ten­za po­li­ti­ca­men­te non se­con­da­rio. Ve­dre­mo tec­ni­ca­men­te co­me fa­re».

Po­lo ban­ca­rio ve­ne­to Non ci ser­ve una ban­ca ve­ne­ta, ma una ban­ca in Ve­ne­to in cui pos­sa di­re la sua chi in­ve­ste Due zop­pi ca­do­no pri­ma? Ma­ga­ri in­ve­ce si so­sten­go­no. Per­ciò ve­do be­ne le fu­sio­ni

Al go­ver­no Pier Pao­lo Ba­ret­ta, na­to a Ve­ne­zia nel 1949, è sot­to­se­gre­ta­rio dell’Eco­no­mia e del­le Fi­nan­ze nel go­ver­no Ren­zi, co­me già nel go­ver­no Let­ta. Espo­nen­te del Par­ti­to De­mo­cra­ti­co, è sta­to se­gre­ta­rio ge­ne­ra­le ag­giun­to del­la Ci­sl

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.