Vec­chio­ni a Pa­do­va: te­mo tut­to ciò che vie­ne ban­di­to

Il can­tau­to­re a Pa­do­va per la ker­mes­se let­te­ra­ria. «Crea­re una can­zo­ne? La co­sa più dif­fi­ci­le al mon­do, più fa­ci­le scri­ve­re un ro­man­zo». E sul Ve­ne­to dei di­vie­ti “gen­der”: «Ho pau­ra di tut­to ciò che vie­ne mes­so al bando»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Ver­ni

Fol­la del­le gran­di oc­ca­sio­ni e sold out ie­ri se­ra per Ro­ber­to Vec­chio­ni, che ha in­can­ta­to il tea­tro Ver­di di Pa­do­va, nell’am­bi­to del­la Fie­ra del­le Pa­ro­le. E pri­ma del con­cer­to, il can­tau­to­re si è con­ces­so una gior­na­ta tut­ta pa­do­va­na

Quan­to è im­por­tan­te, og­gi, la pa­ro­la?

«La pa­ro­la è il mez­zo di co­mu­ni­ca­zio­ne più al­to che esi­sta nel­la sto­ria e nel­la vi­ta dell’uo­mo. Con la pa­ro­la si fan­no gli Sta­ti e gli sta­ti d’ani­mo, si fa il be­ne e il ma­le, la vir­tù e il vi­zio. La pa­ro­la è un va­lo­re al­tis­si­mo»

La pa­ro­la nel­la mu­si­ca e nel­la let­te­ra­tu­ra, ha lo stes­so va­lo­re?

«No. La pa­ro­la in mu­si­ca è in un cer­to sen­so schia­va del­la me­lo­dia. È uno spo­sa­li­zio in cui la pa­ro­la è la fem­mi­na e la mu­si­ca è il ma­schio, de­ve se­guir­lo, de­ve da­re più va­lo­re e raf­for­zar­lo. Nel­la can­zo­ne la pa­ro­la è un tor­ren­te, men­tre nel­la nar­ra­ti­va è un ma­re. Un ma­re ster­mi­na­to che puoi gi­ra­re, do­ve puoi en­tra­re in porto e uscir­ne, sco­pri­re un’iso­la. Nel­la can­zo­ne la pa­ro­la ha una cer­ta co­stri­zio­ne, ha i suoi spa­zi e tem­pi, men­tre in un ro­man­zo e in un rac­con­to ha mol­ta più li­ber­tà. In que­sto mo­men­to non sto scri­ven­do can­zo­ni. Fa­re una can­zo­ne è la co­sa più dif­fi­ci­le che esi­sta al mon­do. Ora sto pre­pa­ran­do il nuo­vo ro­man­zo per Ei­nau­di. Per la mu­si­ca ci pen­se­rò l’an­no pros­si­mo, ser­ve un con­cet­to for­te, l’ul­ti­ma vol­ta l’ave­vo tro­va­to nel­la non ap­par­te­nen­za, la pros­si­ma chis­sà».

Ha mai pen­sa­to di la­scia­re la mu­si­ca?

«Mai. Non ho mai pen­sa­to di la­scia­re nè don­ne nè mu­si­ca, al mas­si­mo mi la­scia­no lo­ro».

A Ve­ne­zia il sin­da­co Bru­gna­ro ha mes­so al bando nel­le scuo­le i co­sid­det­ti «li­bri gen­der», co­sa ne pen­sa?

«Non so­no d’ac­cor­do, ov­via­men­te. So­no con­tra­rio a qual­sia­si ma­ni­fe­sta­zio­ne che li­mi­ta le li­ber­tà. Tut­to quel­lo che è vie­ta­to e mes­so al bando, mi fa sem­pre pau­ra e im­pres­sio­ne».

A Pa­do­va in­ve­ce il sin­da­co le­ghi­sta Bi­ton­ci con la giun­ta ha ap­pro­va­to una mo­zio­ne «con­tro la teo­ria gen­der»...

«È una co­sa fuo­ri tem­po, fuo­ri moda, fuo­ri tut­to. È co­me di­re che non esi­ste Dar­win»

Sem­pre a Pa­do­va, lo Su­gar­pulp Fe­sti­val è sta­to mes­so al­la por­ta dal Co­mu­ne. Che idea si è fat­to?

«Mi sem­bra pro­prio un au­to­gol. Stra­no che una cit­tà un tem­po co­sì aper­ta fac­cia que­ste co­se. È una scel­ta li­mi­tan­te per una cit­tà bel­la e col­ta».

C’è chi di­ce che il ruo­lo dei can­tau­to­ri sia sta­to pre­so og­gi dai rap­per. E’ co­sì?

«In un cer­to mo­do sì. I rap­per so­no dei te­sti­mo­ni, ab­ba­stan­za pre­ci­si, del­le sof­fe­ren­ze e del mal­con­ten­to gio­va­ni­le, pro­prio co­me lo era­no i can­tau­to­ri ne­gli an­ni Set­tan­ta. Due for­me di­ver­se di fa­re mu­si­ca, ma con fi­na­li­tà si­mi­li».

Que­st’an­no sa­rà al pre­mio Ten­co?

«Do­po tan­ti an­ni ri­tor­ne­rò. E non po­te­vo man­ca­re vi­sto che sa­rà de­di­ca­to a Fran­ce­sco Guc­ci­ni. Ab­bia­mo ini­zia­to as­sie­me, da vec­chiet­ti can­te­re­mo quel­lo che ci an­drà di can­ta­re»

Can­tan­te

Ro­ber­to Vec­chio­ni ie­ri in con­cer­to al Tea­tro Ver­di di Pa­do­va (Fo­to Fos­sel­la/ Ber­ga­ma­schi)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.