Le tap­pe

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Treviso - Gian­ni Fa­ve­ro © RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDELAGO L’ultimo mi­nu­to va­li­do per pre­sen­tar­si al­la ca­ri­ca di pre­si­den­te o di mem­bro del pri­mo con­si­glio po­st com­mis­sa­ria­men­to del Cre­di­to Tre­vi­gia­no, la Bcc di Vedelago, scoc­che­rà al­le 11.59 di lu­ne­dì pros­si­mo, 12 ot­to­bre, e l’as­sem­blea elet­ti­va è fis­sa­ta per do­me­ni­ca 25, al Pa­la­maz­za­lo­vo di Montebelluna. Nes­su­no dei due è si­cu­ro che met­te­rà la fir­ma ma a par­te Re­na­to Ma­son, di Ca­stel­fran­co, ex di­ret­to­re ge­ne­ra­le dell’Usl 8 e nuo­vo se­gre­ta­rio del­la Cgia di Me­stre, e Pie­ro Pi­gna­ta, av­vo­ca­to, che di Vedelago è sta­to an­che sin­da­co, ad og­gi non si scor­go­no al­tri aspi­ran­ti al­la scri­va­nia che per lun­ghi an­ni fu di Ni­co­la Di San­to. Sul fat­to che il se­con­do ab­bia in­ten­zio­ni più che de­ci­se, co­mun­que, il pri­mo ha po­chi dub­bi. «Mi ri­sul­ta sia di­ven­ta­to so­cio da po­chi gior­ni pro­prio per que­sto. È un ami­co ed è an­che una men­te raf­fi­na­ta, ma mi pa­re una for­za­tu­ra po­co sim­pa­ti­ca ver­so chi, per de­cen­ni, ha cre­du­to al­la ban­ca, nei tem­pi bel­li e in quel­li oscu­ri. Lui è sta­to sin­da­co e del­la ban­ca di Vedelago non ha mai com­pra­to azio­ni». Pi­gna­ta,dal can­to suo, si li­mi­ta a ri­pe­te­re che «se son ro­se fio­ri­ran­no» e che quan­do un isti­tu­to non se la pas­sa trop­po be­ne «me­no si par­la e me­glio è».

Che il Cre­di­to Tre­vi­gia­no, com­mis­sa­ria­to dal lu­glio 2014, stia cer­can­do di usci­re dal­la con­va­le­scen­za è un te­ma su­per­fluo da ri­mar­ca­re. Ades­so la Bcc è ret­ta dal vi­ce­di­ret­to­re Pao­lo An­ti­gna­ti do­po le di­mis­sio­ni, al­cu­ni me­si fa, del di­ret­to­re Mat­teo Pas­si­ni e do­po l’ini­zio di un’eclis­si che du­ra da me­si dell’al­tro vi­ce­di­ret­to­re Fer­ruc­cio Ci­vie­ro. «La no­stra Bcc ha un pa­tri­mo­nio di 90 mi­lio­ni, non ec­ce­zio­na­le ma nien­te ma­le – fa no­ta­re Ma­son – e suf­fi­cien­te a fa­re di que­sta ban­ca un sog­get­to ag­gre­gan­te, non og­get­to di in­cor­po­ra­zio­ne da par­te di al­tri. Poi ri­cor­dia­mo­ci che, con le pra­te­rie la­scia­te aper­te dal­la cri­si del­le po­po­la­ri ve­ne­te, que­sto per le Bcc è un pe­rio­do fa­vo­lo­so, tro­va­re mo­di nuo­vi per aiu­ta­re im­pre­se e fa­mi­glie è una sfi­da stu­pen­da. Esu­be­ri? No, se si ha in men­te di al­lar­ga­re il mer­ca­to. Se in­ve­ce l’uni­co obiet­ti­vo è quel­lo di gio­ca­re in di­fe­sa, cioè di cer­ca­re di far spa­ri­re il ros­so dai con­ti ta­glian­do i co­sti è ov­vio che ci so­no la­vo­ra­to­ri di trop­po. Di­pen­de so­lo da quan­to sia al­to il pro­get­to che il pros­si­mo ti­mo­nie­re avrà il co­rag­gio di im­po­sta­re».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.