Set­tant’an­ni do­po ri­por­ta a ca­sa le let­te­re dei sol­da­ti

Tezze, un ex ma­re­scial­lo sco­pre le mis­si­ve. «Era­no miei ami­ci»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - © RIPRODUZIONE RISERVATA

TEZZE SUL BREN­TA (VI­CEN­ZA) I sol­da­ti Pie­tro Pel­lan­da e Gio­con­do Bag­gio era­no par­ti­ti da Tezze per la guer­ra e, im­pri­gio­na­ti in un cam­po di con­cen­tra­men­to te­de­sco, ave­va­no scrit­to let­te­re che non era­no mai ar­ri­va­te a de­sti­na­zio­ne. 71 an­ni do­po l’ami­co Ma­rio Scat­to­la (in fo­to) le ha tro­va­te e ri­por­ta­te a ca­sa.

ri­cor­da Adol­fi­na Pel­lan­da, una del­le quat­tro fi­glie di Pie­tro, che ades­so ge­sti­sce una ta­bac­che­ria a Car­ti­glia­no. «Io so­no na­ta nel 1946, ma mio pa­pà è par­ti­to quan­do era ap­pe­na na­ta An­ge­la, la più vec­chia di noi so­rel­le che è del ‘41. La let­te­ra, scrit­ta nel mar­zo del 1944, era in­di­riz­za­ta a mia mam­ma Giu­sti­na che era in­cin­ta, di Clo­rin­da che è na­ta nel ‘42, e ave­va­no già una bim­ba pic­co­la. Per bat­tez­zar­la - con­ti­nua Adol­fi­na - mio pa­pà era scap­pa­to di not­te con tre ami­ci».

Poi so­no ar­ri­va­te an­che Adol­fi­na e Ma­ria Gio­van­na quan­do, Pie­tro Pel­lan­da tor­na­to dal­la guer­ra, era im­pe­gna­to co­me car­pen­tie­re in gi­ro per l’Ita­lia e in Fran­cia. Sen­za mai di­men­ti­ca­re la vi­ta du­ra e le pri­va­zio­ni del­la guer­ra, espe­rien­ze con­di­vi­se, an­che se non ne­gli stes­si luo­ghi, da Gio­con­do Bag­gio. «Mio pa­pà rac­con­ta­va mol­te co­se ai miei fi­gli - ri­cor­da la fi­glia Ma­ria a cui scen­de qual­che la­cri­ma ri­cor­dan­do il pa­dre de­ce­du­to da po­chi me­si, l’8 lu­glio scor­so a 93 an­ni - ci di­ce­va di aver la­vo­ra­to in una con­ce­ria e cer­ca­va di por­ta­re a ca­sa le pel­li per i suoi com­mi­li­to­ni per­chè si fa­ces­se­ro gli scar­po­ni. Era mol­to ge­ne­ro­so».

An­che a Tar­ci­sio, fra­tel­lo mi­no­re di Gio­con­do, luc­ci­ca­no gli oc­chi al ri­cor­do: «Io ero pic­co­lo, ave­vo for­se tre an­ni, ma mi ri­cor­do quan­do è tor­na­to nel mag­gio del ‘45 e sia­mo an­da­ti a pren­der­lo col car­ret­to, con mia mam­ma e mio pa­pà, in sta­zio­ne a Fon­ta­ni­va, nel Pa­do­va­no. È sta­to via tre an­ni sot­to i te­de­schi: pri­ma Bol­za­no, do­po in Al­ba­nia e do­po ad Han­no­ver, mi sem­bra. Sia­mo set­te fra­tel­li, quat­tro ma­schi e tre fem­mi­ne, ma nel suo mes­sag­gio, in­di­riz­za­to a mio pa­pà, chie­de­va di no­stro fra­tel­lo An­drea che era im­pri­gio­na­to ad Am­bur­go e lui non lo sa­pe­va».

E l’ar­ri­vo di que­sti mes­sag­gi dal fron­te ha ria­per­to un cas­set­to dei ri­cor­di che era ri­ma­sto chiu­so per tan­to tem­po e che ha ca­ta­pul­ta­to due fa­mi­glie lon­ta­no nel tem­po, in­die­tro di 71 an­ni quan­do la vi­ta non fa­ce­va scon­ti, ma la fa­mi­glia era un be­ne pre­zio­so a cui ag­grap­par­si sem­pre. «Io so­no ve­nu­ta a co­no­scen­za del­la sua car­to­li­na per ca­so, du­ran­te la sa­gra del pae­se», con­clu­de Tar­ci­sio. «Mio fra­tel­lo non l’ha mai sa­pu­to: è mor­to 8 gior­ni pri­ma che ve­nis­se con­se­gna­ta al suo ami­co Ma­rio, qui nel­la sua Tezze».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.