Un al­tro ver­me all’Ipab. La coop: «È un sa­bo­tag­gio»

Nuo­vo epi­so­dio al San Ca­mil­lo di Vi­cen­za. La lar­va era nel bic­chie­re di un’an­zia­na ospi­te

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - An­drea Al­ba © RIPRODUZIONE RISERVATA Mil­va­na Cit­ter © RIPRODUZIONE RISERVATA

VI­CEN­ZA Spun­ta un al­tro ver­me al San Ca­mil­lo di Vi­cen­za. La vit­ti­ma è an­co­ra un an­zia­no ospi­te del­la ca­sa di ri­po­so e que­sta vol­ta la lar­va è sta­ta tro­va­ta in un bic­chie­re so­pra il suo co­mo­di­no: «L’han­no vi­sta i fa­mi­glia­ri e il per­so­na­le. È un sa­bo­tag­gio: quel con­te­ni­to­re non do­ve­va es­se­re lì, tan­to più con den­tro un ver­me – di­chia­ra il pre­si­den­te del­la coo­pe­ra­ti­va Bra­ma­so­le, Mo­re­no Lan­do – c’è qual­cu­no che vuo­le scre­di­tar­ci, or­mai è chia­ro». Lan­do, che in­ten­de «agi­re pe­nal­men­te», ha già se­gna­la­to il ca­so ai ca­ra­bi­nie­ri del Nas e al Cda dell’Ipab.

Il mi­ste­ro si in­fit­ti­sce, nel­la vi­cen­da che ha por­ta­to il pen­sio­na­to di via For­men­ton al­la ri­bal­ta del­le cro­na­che. Tut­to era ini­zia­to con la dif­fu­sio­ne di un vi­deo in cui si ve­de­va il pie­de di un pa­zien­te del San Ca­mil­lo pia­ga­to e in­fe­sta­to da ver­mi. Ve­ri­fi­che in­ter­ne, dell’Usl 6 e del­la Re­gio­ne ave­va­no ac­cer­ta­to che il fat­to era ac­ca­du­to at­tor­no al 20 lu­glio (il pa­zien­te ora è sta­to cu­ra­to); sul­la dif­fu­sio­ne del vi­deo due me­si e mez­zo do­po, e sul­la rea­liz­za­zio­ne stes­sa del­le im­ma­gi­ni, il Cda dell’en­te pre­sie­du­to da Lu­cio Tur­ra ha pre­sen­ta­to un esposto in Pro­cu­ra, ol­tre ad aver av­via­to la re­vo­ca del con­trat­to al­la coo­pe­ra­ti­va pa­do­va­na, dif­fi­da­ta già qual­che gior­no pri­ma per al­tre vio­la­zio­ni.

Il nuo­vo ca­so è sta­to se­gna­la­to al­la di­re­zio­ne del­la Bra­ma­so­le lu­ne­dì, da un coor­di­na­to­re de­gli in­fer­mie­ri del­la ca­sa di ri­po­so, do­po che que­sti era sta­to av­vi­ci­na­to dal­la ni­po­te di un’an­zia­na ospi­te con il bic­chie­re in ma­no: den­tro c’era un’al­tra lar­va. «Non era mai sta­to usa­to dall’ospi­te – si leg­ge nel­la re­la­zio­ne sull’ac­ca­du­to – la ni­po­te pre­ci­sa­va di aver­lo tro­va­to sul co­mo­di­no al­le 15.30, asciut­to e pu­li­to», tran­ne per il ver­me sul fon­do. L’in­fer­mie­re a quel pun­to ha ac­cer­ta­to che il bic­chie­re non do­ve­va es­se­re lì: l’orario dell’idra­ta­zio­ne, una fa­se in cui agli an­zia­ni ven­go­no por­ta­ti bic­chie­ri pu­li­ti per be­re, è suc­ces­si­va, e in quel­la pre­ce­den­te (al­le 12.30) era­no sta­ti tut­ti ri­ti­ra­ti. A quel pun­to gli in­fer­mie­ri han­no per­qui­si­to tut­ta la stan­za, sen­za tro­va­re nien­te an­da­to a ma­le. «Poi so­no sta­ti ispe­zio­na­ti tut­ti i lo­ca­li del San Ca­mil­lo, sen­za tro­va­re nul­la di ano­ma­lo – os­ser­va Lan­do - Una co­sa co­me que­sta non si spie­ga as­so­lu­ta­men­te. È un’al­tra si­tua­zio­ne mol­to so­spet­ta: non ab­bia­mo idea di chi pos­sa es­se­re l’au­to­re, ma è chia­ro che è un epi­so­dio col­le­ga­to a quel­lo del vi­deo, per scre­di­ta­re la coop». TRE­VI­SO Da un la­to la spen­ding re­view, dall’al­tro gli sti­pen­di d’oro e i rim­bor­si spe­se esor­bi­tan­ti per ma­na­ger e di­ri­gen­ti sta­ta­li. Nel mez­zo le po­le­mi­che che ine­vi­ta­bil­men­te ta­li com­pen­si sca­te­na­no so­prat­tut­to in un mo­men­to in cui il Pae­se vie­ne go­ver­na­to all’in­se­gna dei ta­gli di ve­ri o pre­sun­ti spre­chi. Uno sce­na­rio nel qua­le si in­se­ri­sce il di­ret­to­re del car­ce­re di Tre­vi­so Fran­ce­sco Mas­si­mo (in fo­to). Lo fa scri­ven­do una let­te­ra ai gior­na­li nel­la qua­le ten­ta di fa­re chia­rez­za e di far ca­pi­re che for­se, trop­po spes­so, si pun­ta il di­to con­tro fal­si spre­chi, do­cu­men­tan­do la pa­ga ri­ce­vu­ta per una mis­sio­ne: 2,52 eu­ro. «So­no un di­ri­gen­te su­pe­rio­re del­la pub­bli­ca am­mi­ni­stra­zio­ne scri­ve Mas­si­mo - e sen­to il do­ve­re di far co­no­sce­re una real­tà di cer­to non no­ta e spes­so mi­sti­fi­ca­ta da fal­se in­for­ma­zio­ni o leg­gen­de me­tro­po­li­ta­ne che crea­no so­lo in­giu­sti­fi­ca­to di­sap­pun­to su chi ser­ve lo Sta­to Ita­lia­no ed in non po­che oc­ca­sio­ni vie­ne mor­ti­fi­ca­to in­giu­sta­men­te». Il di­ret­to­re si ri­fe­ri­sce al­la tan­to de­can­ta­ta spen­ding re­view e agli spre­chi nel pub­bli­co, «che han­no crea­to, nel­la pub­bli­ca opi­nio­ne, la con­vin­zio­ne che i co­sid­det­ti “ma­na­ger” del­lo Sta­to go­do­no di trat­ta­men­ti eco­no­mi­ci esor­bi­tan­ti e im­me­ri­ta­ti. Io non so qua­le sia la real­tà di al­tre Am­mi­ni­stra­zio­ni ma di cer­to pos­so af­fer­ma­re, sen­za il ri­schio di es­se­re smen­ti­to, che quel­la da me vis­su­ta è dav­ve­ro av­vi­len­te». Pa­ro­le a cui il di­ret­to­re del car­ce­re dà pe­so al­le­gan­do al­la sua let­te­ra una co­pia di una ri­ce­vu­ta di pa­ga­men­to che lo Sta­to gli ha at­tri­bui­to per una mis­sio­ne a Tren­to. Nel 2014 in­fat­ti, Mas­si­mo è sta­to di­ret­to­re ad in­te­rim an­che del­la ca­sa cir­con­da­ria­le del ca­po­luo­go tren­ti­no: «So­no con­vin­to che se mi li­mi­tas­si a nar­rar­lo non ver­rei cre­du­to e per ta­le ra­gio­ne re­pu­to op­por­tu­no al­le­ga­re un pro­spet­to di li­qui­da­zio­ne del ser­vi­zio, dal qua­le si può fa­cil­men­te ri­le­va­re che per 9 ore di mis­sio­ne e più di 150 km di di­stan­za, il cor­ri­spet­ti­vo da me per­ce­pi­to è sta­to in to­ta­le di ben 2,52 eu­ro net­ti. Si, non vi stu­pi­te! Ave­te com­pre­so esat­ta­men­te, la dia­ria di mis­sio­ne di chi, co­me me, co­man­da­to a di­ri­ge­re con­tem­po­ra­nea­men­te due isti­tu­ti pe­ni­ten­zia­ri ed as­su­men­do­se­ne le re­spon­sa­bi­li­tà in to­to, vie­ne re­tri­bui­to in tal mo­do. E poi si ha il co­rag­gio di par­la­re di spre­chi nel pub­bli­co».

Ca­sa di ri­po­so Il pen­sio­na­to ge­sti­to dal­la coo­pe­ra­ti­va Bra­ma­so­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.