Za­ia a Ren­zi: «Ve­ne­zia va aiu­ta­ta»

Il pre­mier, og­gi in la­gu­na, sta la­vo­ran­do a un pia­no. Il go­ver­na­to­re: sì a leg­gi ad hoc e a quo­te sul­le presenze

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Mar­co Bo­net © RIPRODUZIONE RISERVATA

VE­NE­ZIA Mat­teo Ren­zi, as­si­cu­ra­no i fe­de­lis­si­mi del Pd ve­ne­to, sta pre­pa­ran­do un pia­no per «sal­va­re Ve­ne­zia. Il go­ver­na­to­re Lu­ca Za­ia, al pre­mier che sa­rà og­gi in la­gu­na, di­ce: «Ve­ne­zia va aiu­ta­ta, sì a leg­gi ad hoc». E ag­giun­ge: «Fa­vo­re­vo­le a quo­te per i tu­ri­sti».

VE­NE­ZIA Dal ba­ca­ro tour a Gar­da­land, dal­la bi­ci­clet­ta­ta sui colli del Pro­sec­co al­la pe­sca nel Del­ta del Po. I 120 buyer ar­ri­va­ti ie­ri al Mo­li­no Stuc­ky di Ve­ne­zia da tut­to il mon­do per «Buy Ve­ne­to», la bor­sa del tu­ri­smo del­la no­stra Re­gio­ne, nel cor­so di ol­tre 3 mila in­con­tri in sti­le speed da­te so­no sta­ti let­te­ral­men­te som­mer­si di idee, ini­zia­ti­ve, proposte, in­so­li­te e cu­rio­se, da in­se­ri­re nei lo­ro ca­ta­lo­ghi 2016. L’even­to co­sta ca­ro a Pa­laz­zo Bal­bi (750 mila eu­ro) ma, as­si­cu­ra il go­ver­na­to­re Lu­ca Za­ia, «il ri­tor­no è ga­ran­ti­to e og­gi i no­stri ope­ra­to­ri non po­treb­be­ro più far­ne a me­no: c’è gen­te che qui fa il fat­tu­ra­to di un anno in­te­ro». I numeri messi in fi­la dall’as­ses­so­re al Tu­ri­smo Fe­de­ri­co Ca­ner sem­bra­no dar­gli ra­gio­ne, con­fer­man­do l’im­por­tan­za dell’ap­pun­ta­men­to lo­cal di pro­mo­zio­ne e com­mer­cia­liz­za­zio­ne da af­fian­ca­re agli even­ti di por­ta­ta mon­dia­le co­me la Bit di Mi­la­no o la Fie­ra del tu­ri­smo di Ber­li­no.

Le sti­me mes­se a pun­to dal­la Se­zio­ne si­ste­ma sta­ti­sti­co del­la Re­gio­ne sui pri­mi ot­to me­si di que­st’anno, ba­sa­te sui da­ti de­gli al­ber­ghi e dei cam­peg­gi che ca­ta­liz­za­no da so­li l’84% de­gli ar­ri­vi, se­gna­no una sfil­za di «più» da far sor­ri­de­re an­che i me­no ot­ti­mi­sti. Li ab­bia­mo rias­sun­ti in det­ta­glio nel­la ta­bel­la in basso ma spic­ca­no i ri­fe­ri­men­ti to­ta­li agli ar­ri­vi (più 5,6%) e al­le presenze (più 2,4%, per i non ad­det­ti ai la­vo­ri so­no le not­ti tra­scor­se qui), con per­for­man­ce so­pra la me­dia per la mon­ta­gna (più 10% gli ar­ri­vi, do­po il tra­col­lo del 2014) e il la­go di Gar­da (più 8,5%). Cre­sce il nu­me­ro dei visitatori stra­nie­ri (so­no i due ter­zi del to­ta­le, con le con­fer­me di Ger­ma­nia, Au­stria, Sviz­ze­ra, Re­gno Uni­to ed un ca­lo del­la Rus­sia, a cau­sa dell’em­bar­go; me­dia­men­te spen­do­no ogni gior­no 103 eu­ro a te­sta) ma pu­re di quel­li ita­lia­ni, dal­le Do­lo­mi­ti al Gar­da, dal­le spiag­ge al­le ter­me, e que­sta è la ve­ra no­vi­tà. Il mo­ti­vo? Per qual­cu­no è «me­ri­to» del­la cri­si, che co­strin­ge a non al­lon­ta­nar­si trop­po da ca­sa, per qual­cun al­tro del ter­ro­re in­ter­na­zio­na­le, che ha de­pen­na­to me­te co­me il mar Ros­so, la Tu­ni­sia o il Ma­roc­co, ma il pre­si­den­te di Conf­tu­ri­smo, Mar­co Mi­chiel­li, pen­sa po­si­ti­vo: «La clien­te­la che ha pro­ble­mi eco­no­mi­ci non cam­bia me­ta, pre­fe­ren­do il fuo­ri por­ta, sem­pli­ce­men­te non par­te; quel­la che ha ri­nun­cia­to al Nor­da­fri­ca è sta­ta in­ter­cet­ta­ta per lo più dal­la Sicilia, dal­la Pu­glia e dal­la Sar­de­gna. No, di­rei che il ri­tor­no de­gli ita­lia­ni è il se­gno che fi­nal­men­te ci sia­mo la­scia­ti al­le spal­le la gran­de cri­si». E que­sto no­no­stan­te due di­stin­guo. Uno: «At­ten­dia­mo i da­ti uf­fi­cia­li e guar­dia­mo ai fat­tu­ra­ti più che al­le presenze: l’im­pres­sio­ne è che quel­li re­sti­no fermi». Due: «Il raf­fron­to è fat­to sull’anno scor­so che, spe­cie in mon­ta­gna, fu di­sa­stro­so». L’ana­li­si è com­ples­sa, co­me le ra­gio­ni del­la ri­pre­sa: c’en­tra­no pu­re il ca­len­da­rio (la Pen­te­co­ste, im­por­tan­te per il mer­ca­to te­de­sco, que­st’anno è ca­du­ta a mag­gio, al­lun­gan­do la sta­gio­ne), il me­teo, l’Ex­po a Mi­la­no.

Con Ca­ner e Za­ia (che ha esaltato le po­ten­zia­li­tà del web e sot­to­li­nea­to le dif­fi­col­tà di pro­muo­ve­re un’of­fer­ta va­sta co­me quel­la ve­ne­ta, col ri­schio di di­sper­de­re le ener­gie, an­che fi­nan­zia­rie), ie­ri al Mo­li­no Stuc­ky c’era an­che Eduar­do San­tan­der, di­ret­to­re ese­cu­ti­vo del­la Commissione eu­ro­pea per il tu­ri­smo (l’en­te non go­ver­na­ti­vo che pro­muo­ve l’Eu­ro­pa ne­gli al­tri con­ti­nen­ti), che ha evi­den­zia­to al­cu­ne cri­ti­ci­tà: «Ve­ne­zia è una cit­tà uni­ca - ha det­to - ma la sua ca­pa­ci­tà di as­sor­bi­men­to dei tu­ri­sti è li­mi­ta­ta e il suo pa­tri­mo­nio è in pe­ri­co­lo. Ser­vo­no po­li­ti­che di so­ste­ni­bi­li­tà eco­no­mi­ca, so­cia­le e am­bien­ta­le. I flus­si van­no re­di­stri­bui­ti su tut­to il ter­ri­to­rio re­gio­na­le, di­ver­si­fi­can­do l’of­fer­ta ma an­che rea­liz­zan­do le in­fra­strut­tu­re ne­ces­sa­rie per spo­star­si». La fra­gi­li­tà di Ve­ne­zia è sta­ta af­fron­ta­ta an­che da Za­ia, che ac­co­glie co­sì il pre­mier Ren­zi og­gi in cit­tà: «È giu­sto che sia­no ac­cer­ta­te le re­spon­sa­bi­li­tà all’ori­gi­ne del bu­co che si è ve­nu­to a crea­re nei con­ti e che chi ha sba­glia­to sia chia­ma­to a pa­ga­re ma non di­men­ti­chia­mo che Ve­ne­zia ha del­le spe­cia­li­tà e del­le fra­gi­li­tà uni­che al mon­do e dun­que non tro­vo scan­da­lo­so pen­sa­re a del­le leg­gi ad hoc. Ren­zi co­min­ci col re­sti­tuir­ci una par­te dei 21 mi­liar­di che ogni anno la­scia­mo a Roma, con quei sol­di po­trem­mo sal­va­re Ve­ne­zia an­che da so­li». Il go­ver­na­to­re si di­ce fa­vo­re­vo­le al con­tin­gen­ta­men­to del­le presenze («Si può fa­re at­tra­ver­so le pre­no­ta­zio­ni») ma di­ce no «a una cit­tà per so­li ric­chi», ri­cor­dan­do che «Bill Ga­tes ven­ne qui la pri­ma vol­ta in sacco a pe­lo». Il caf­fè a 8 eu­ro in piazza San Mar­co, pe­rò, non è uno scan­da­lo: «È una polemica stuc­che­vo­le, i ba­ri­sti fan­no be­ne per­ché San Mar­co è un po­sto uni­co al mon­do, con spe­se paz­ze­sche». In­fi­ne le Gran­di Na­vi: «La po­si­zio­ne del­la Re­gio­ne è chia­ris­si­ma: che sia il ca­na­le Con­tor­ta, il ca­na­le Pe­tro­li o il ca­na­le “Bru­gna­ro”, le na­vi de­vo­no re­sta­re a Ve­ne­zia, pur fuo­ri dal ba­ci­no di San Mar­co. In la­gu­na non cir­co­la­no for­se le su­per­pe­tro­lie­re? I ministeri dell’Ambiente, dei Be­ni cul­tu­ra­li e dei Tra­spor­ti la smet­ta­no di li­ti­ga­re - chiu­de Za­ia - par­li­no con il Co­mu­ne e de­ci­da­no una vol­ta per tut­te».

Za­ia (go­ver­na­to­re) D’ac­cor­do il Mo­se, ma Ve­ne­zia re­sta fra­gi­le e non tro­vo scan­da­lo­so una leg­ge ad hoc. Se il go­ver­no ci re­sti­tui­sce i 21 mi­liar­di, la aiu­tia­mo noi Mi­chiel­li (Conf­tu­ri­smo) Da­ti po­si­ti­vi, il ri­tor­no de­gli ita­lia­ni è se­gna­le di usci­ta dal­la cri­si. Ma vor­rei ca­pi­re se cre­sco­no an­che i fat­tu­ra­ti in­sie­me al­la presenze....

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.