Già 12mi­la au­to­mo­bi­li­sti iscrit­ti al­la class ac­tion

La ca­sa te­de­sca pro­met­te in­ter­ven­ti sui vei­co­li

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - An­gio­la Pe­tro­nio © RIPRODUZIONE RISERVATA

VE­RO­NA Ie­ri mat­ti­na in quell’azien­da che oc­cu­pa un’in­te­ra via in­ti­to­la­ta al suo fon­da­to­re, Gum­pert, i 900 di­pen­den­ti era­no ar­ri­va­ti qua­si bal­dan­zo­si, con i gior­na­li sot­to brac­cio. Il tem­po di leg­ge­re quel «re­cen­te­men­te ab­bia­mo com­mes­so un gra­ve er­ro­re: ab­bia­mo com­pro­mes­so il rap­por­to di fi­du­cia che da sem­pre ci le­ga... Sap­pia­te che non ci fer­me­re­mo fi­no a quan­do non avre­mo ri­con­qui­sta­to pie­na­men­te la vo­stra fi­du­cia» ri­vol­to ai clien­ti Volk­swa­gen, e quel «il Pia­no di in­ve­sti­men­ti in Ita­lia del grup­po è to­tal­men­te con­fer­ma­to» scan­di­to dall’am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to Mas­si­mo Nor­dio al­le com­mis­sio­ni Ambiente e In­du­stria del Se­na­to e quel lie­ve ot­ti­mi­smo che si sta­va spar­gen­do tra gli uf­fi­ci del Volk­swa­gen Group Ita­lia è eva­po­ra­to. È sta­to ver­so le 9 che dai can­cel­li sol­ca­ti dai bi­li­ci gon­fi di mac­chi­ne e fur­go­ni so­no sbu­ca­te al­cu­ne au­to che con i mar­chi del grup­po non avevano nien­te a che fa­re. Le au­to del­la Guar­dia di fi­nan­za. E men­tre i mi­li­ta­ri se­tac­cia­va­no documenti e por­ta­va­no via car­te da quel­la che è la se­de tri­co­lo­re del grup­po te­de­sco, a gon­go­la­re era­no le as­so­cia­zio­ni dei con­su­ma­to­ri. In pri­mis quel Co­da­cons che ave­va chie­sto una mes­se di per­qui­si­zio­ni in tut­ta Ita­lia. «Se dal­le in­da­gi­ni del­la Pro­cu­ra di Ve­ro­na — di­ce il pre­si­den­te Car­lo Rien­zi — do­ves­se­ro emer­ge­re il­le­ci­ti, si raf­for­ze­reb­be an­cor più la class ac­tion av­via­ta dal Co­da­cons da­van­ti al tri­bu­na­le di Ve­ne­zia, che re­gi­stra la pre-ade­sio­ne di ol­tre 12mi­la au­to­mo­bi­li­sti».

Una scia­gu­ra che il grup­po con se­de al Qua­dran­te Eu­ro­pa sta cer­can­do di scon­giu­ra­re, pro­met­ten­do ai clien­ti che «quan­do la so­lu­zio­ne tec­ni­ca sa­rà di­spo­ni­bi­le, prov­ve­de­re­mo in for­ma gra­tui­ta ad in­ter­ve­ni­re su tut­ti i vei­co­li coin­vol­ti». Esor­ci­smi di mer­ca­to per non in­cri­na­re un’azien­da da 900 di­pen­den­ti in se­de, che di­ven­ta­no 12mi­la con l’in­dot­to. E con una buo­na fet­ta del­la pic­co­la in­du­stria ve­ne­ta che per il co­los­so te­de­sco dell’au­to la­vo­ra. E le pa­ro­le di Nor­dio, ades­so in­da­ga­to, di­ven­ta­no un man­tra. È quel­la del crol­lo del­le ven­di­te e del ri­schio oc­cu­pa­zio­ne, l’al­tra fac­cia del­la me­da­glia del Die­sel­ga­te. «L’im­por­tan­te è che non suc­ce­da quel­lo che è ca­pi­ta­to con l’Il­va di Ta­ran­to, ov­ve­ro di an­da­re a but­ta­re via il bam­bi­no con l’ac­qua spor­ca», ha det­to il sin­da­co Fla­vio To­si quan­do ha sa­pu­to del­le per­qui­si­zio­ni. «Volk­swa­gen è un’azien­da di al­tis­si­mo pro­fi­lo, con un al­to nu­me­ro di di­pen­den­ti che la­vo­ra­no in que­sto ter­ri­to­rio, quin­di è giu­sto fa­re le in­da­gi­ni ed è giu­sto fa­re tut­te le op­por­tu­ne ve­ri­fi­che. È do­ve­ro­so, an­che, che l’azien­da ri­me­di ai gua­sti che ha com­bi­na­to, ma sal­va­guar­dan­do i po­sti di la­vo­ro. Quel­la de­ve es­se­re la prio­ri­tà. Ser­ve il buon sen­so da par­te di tut­ti ma non ab­bia­mo il mi­ni­mo dub­bio sull’ope­ra­to del pro­cu­ra­to­re Schi­na­ia». Le pre­oc­cu­pa­zio­ni, tra i di­pen­den­ti ser­peg­gia­no. «Quel­la del­le per­qui­si­zio­ni è sta­ta un pes­si­ma sorpresa — ha com­men­ta­to il segretario pro­vin­cia­le del­la Fil­cams Cgil, Flo­ria­no Za­no­ni —. La vi­cen­da ci ha scom­bus­so­la­to e ab­bia­mo chie­sto un in­con­tro con l’azien­da che è sem­pre sta­ta mol­to cor­ret­ta con i la­vo­ra­to­ri».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.