Con­ti­ni, 40 an­ni da gal­le­ri­sta con Mu­sic e Mi­to­raj

Uno dei pro­ta­go­ni­sti del mer­ca­to dell’ar­te rac­con­ta la sua av­ven­tu­ra: «Igor è sta­to un ami­co in­di­men­ti­ca­bi­le. Bo­te­ro, uno dei più gran­di al mon­do Con tut­ti gli ar­ti­sti ho un rap­por­to di com­pli­ci­tà». La sto­ria di un self-ma­de man

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Pri­ma Pa­gi­na - di Ve­ro­ni­ca Tu­zii © RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

«In qua­rant’an­ni le ope­re che pas­sa­no in ma­no a un gal­le­ri­sta so­no mol­te; tut­te fan­no par­te di un bel­lis­si­mo viag­gio del­la vi­ta». A par­la­re è Ste­fa­no Con­ti­ni, tra i più im­por­tan­ti mer­can­ti d’ar­te in Ita­lia, che in que­sti gior­ni fe­steg­gia i suoi 65 an­ni e i 40 del­la sua at­ti­vi­tà. Pi­sto­ie­se di na­sci­ta e ve­ne­zia­no d’ado­zio­ne, la gal­le­ria che por­ta il suo no­me ha cin­que pre­sti­gio­se se­di: due a Ve­ne­zia, due a Cor­ti­na e una a Lon­dra, di­ret­ta dal fi­glio mag­gio­re Cri­stian. Una for­te pas­sio­ne per l’ar­te fin da pic­co­lo, a ven­ti­tré an­ni re­spon­sa­bi­le del­la Riz­zo­li Fi­nar­te in Ve­ne­to, non an­co­ra tren­ten­ne de­ci­se di ven­de­re un ap­par­ta­men­to per in­tra­pren­de­re con co­rag­gio la nuo­va av­ven­tu­ra di gal­le­ri­sta.

Non es­se­re par­ti­to da una «fa­mi­glia d’ar­te», può ave­re avu­to il van­tag­gio di po­ter com­pie­re scel­te con un oc­chio più obiet­ti­vo, non es­sen­do le­ga­to a «ca­ste»?

«Par­ti­re per pri­mi nel­la vi­ta può es­se­re un fat­to po­si­ti­vo, sti­mo­la di più la men­te, gli sfor­zi per rag­giun­ge­re il tra­guar­do so­no mag­gio­ri».

Che co­sa ser­ve per di­ven­ta­re un buon gal­le­ri­sta?

«Es­se­re un bra­vo gal­le­ri­sta? Non si stu­dia all’uni­ver­si­tà. Bi­so­gna ave­re nel pro­prio Dna il sen­so dell’ar­te e una vi­sio­ne an­ti­ci­pa­tri­ce ed am­pia di quel­lo che suc­ce­de e può suc­ce­de­re». La ri­cet­ta per non sba­glia­re? «Es­se­re il più pos­si­bi­le in sin­to­nia con l’ar­ti­sta e cre­de­re in quel­lo che si va a di­fen­de­re».

In che di­re­zio­ne sta an­dan­do l’ar­te?

«L’in­di­riz­zo dell’ar­te con­tem­po­ra­nea in que­sto mo­men­to non è fa­cil­men­te iden­ti­fi­ca­bi­le per­ché so­no ve­nu­ti me­no i va­lo­ri este­ti­ci e sem­pre più si af­fer­ma­no quel­li fi­lo­so­fi­ci e del­le lob­bies, crean­do più del­le mo­de che ri­spet­tan­do i ve­ri va­lo­ri cul­tu­ra­li». È po­si­ti­va l’era di In­ter­net? «Si­cu­ra­men­te il web ha cam­bia­to il mo­do di la­vo­ra­re ed ha av­vi­ci­na­to il mon­do dei col­le­zio­ni­sti. L’ar­te ne ha gio­va­to mol­to per­ché è di­ven­ta­ta più po­po­la­re, più fa­cil­men­te frui­bi­le, più fa­cil­men­te ac­qui­sta­bi­le».

Lei ha re­cen­te­men­te aper­to una gal­le­ria a Lon­dra.

«In real­tà l’ha aper­ta mio fi­glio, che ha la “col­pa” di chia­mar­si Con­ti­ni e quin­di par­lia­mo di un’al­tra gal­le­ria Con­ti­ni. Lon­dra è il cen­tro fi­nan­zia­rio più pre­sti­gio­so in Eu­ro­pa e - vi­sta an­che la mul­tiet­nia dei nuo­vi ric­chi giun­ti - qui ab­bia­mo tro­va­to un ter­re­no fer­ti­le per la no­stra at­ti­vi­tà».

C’è un ar­ti­sta che ha ten­ta­to di fa­re en­tra­re nel­la sua scu­de­ria sen­za riu­scir­ci?

«Un ar­ti­sta che ado­ro par­ti­co­lar­men­te è Al­ber­to Gia­co­met­ti…per col­pa sua è na­to trop­po pre­sto!»

A qua­le au­to­re che Lei rap­pre­sen­ta è più le­ga­to?

«Igor Mi­to­raj, per­ché per me è sta­to un gran­dis­si­mo ami­co. Un ar­ti­sta che ha la­scia­to un pro­fon­do vuo­to af­fet­ti­vo, ma che vi­ve an­co­ra ac­can­to a me».

Zo­ran Mu­sic?

«Era una per­so­na per­be­ne. Quan­do ho co­no­sciu­to Mu­sic ero gio­va­nis­si­mo, ave­vo tren­ta­due an­ni. Mi dis­se: “Lei è una per­so­na ca­pa­ce, se mi ascol­ta la fa­rò di­ven­ta­re un gal­le­ri­sta in­ter­na­zio­na­le”. Io gli ho cre­du­to ed ol­tre a que­sto ho pas­sa­to vent’an­ni straor­di­na­ri ac­can­to a lui». Fer­nan­do Bo­te­ro? «E’ uno dei gran­di ar­ti­sti nel mon­do e sem­pre lo sa­rà». Ju­lio Lar­raz? «Rie­sce a co­niu­ga­re la sua ge­nia­li­tà d’ar­ti­sta con un sar­ca­smo ti­pi­co dei su­da­me­ri­ca­ni». Mi­khail Ba­ry­sh­ni­kov? «La sua gran­dez­za co­me bal­le­ri­no è in­di­scu­ti­bi­le, ora per una fon­da­zio­ne be­ne­fi­ca ame­ri­ca­na ha mes­so a di­spo­si­zio­ne la stes­sa gran­dez­za co­me fo­to­gra­fo».

Da co­me par­la il rap­por­to che ha un po’ con tut­ti i suoi ar­ti­sti mi sem­bra di gran­de com­pli­ci­tà.

«E’ ve­ro, con gli ar­ti­sti del­la gal­le­ria ho un rap­por­to di gran­de ri­spet­to, dai gio­va­ni ai me­no gio­va­ni. Va­le al­lo stes­so mo­do per En­zo Fio­re, Giu­sep­pe Ve­ne­zia­no, En­ri­co Ghi­na­to, Ma­rio Ar­la­ti, Car­la To­lo­meo…» E Fa­bri­zio Ples­si? «Ples­si chi? Pre­fe­ri­sco non par­lar­ne, di­co so­lo che con lui ho chiu­so il rap­por­to».

Ste­fa­no Con­ti­ni nel­la sua gal­le­ria ac­can­to al­le scul­tu­re di Igor Mi­to­raj (Vi­sion)

Ste­fa­no Con­ti­ni con Igor Mi­to­raj

So­da­li­zio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.