La De’ Lon­ghi a Ma­te­ra, c’è un tris da ca­la­re

Bian­co­blù sul par­quet del Pa­laSas­si per cer­ca­re la terza vit­to­ria: Po­well in for­se

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Sport - M. V. © RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

TRE­VI­SO Mai come sta­se­ra il det­to «non c’è due sen­za tre» sem­bra cal­za­re a pen­nel­lo per la De’Lon­ghi. A Ma­te­ra la squa­dra di Ste­fa­no Pil­la­stri­ni va a cac­cia del­la terza vit­to­ria con­se­cu­ti­va in av­vio di sta­gio­ne, sa­pen­do che ser­vi­rà una pro­va di for­za e qua­li­tà per espu­gna­re il par­quet del Pa­laSas­si.

Sul cam­po lu­ca­no Tre­vi­so è già pas­sa­ta nel­la scor­sa sta­gio­ne: ma la Ba­wer si è rin­for­za­ta, con una squa­dra che ap­pe­na set­te gior­ni fa ha fat­to ve­de­re i sor­ci verdi a Bre­scia. Og­gi con­tro Tre­vi­so vor­rà re­ga­la­re una bel­la sod­di­sfa­zio­ne ai pro­pri ti­fo­si, che tra­sfor­me­ran­no l’are­na di Ma­te­ra in una pol­ve­rie­ra. Pil­la­stri­ni ha dal­la sua l’espe­rien­za per pre­pa­ra­re nel mi­glio­re dei mo­di i suoi ra­gaz­zi al­la bat­ta­glia, an­che se do­vrà aspet­ta­re fi­no all’ul­ti­mo per sa­pe­re se po­trà ave­re a di­spo­si­zio­ne Mar­sh­wan Po­well, che ha su­bi­to un col­po in al­le­na­men­to.«La squa­dra sta be­ne — spie­ga il coa­ch bian­co­blù — i ra­gaz­zi so­no in sa­lu­te e il mo­ra­le è al­to. Ora apria­mo que­sto mini-ci­clo di due tra­sfer­te con una par­ti­ta im­pe­gna­ti­va come quel­la di Ma­te­ra». La squa­dra di Ca­deo ha i suoi pun­ti di for­za nei suoi ame­ri­ca­ni: Ashley Ha­mil­ton, ala for­te da 21.5 di me­dia con 5.5 rim­bal­zi, e l’ester­no Stan­ley Okoye, l’an­no scor­so a Va­re­se in se­rie A, 29 e 23 pun­ti nel­le pri­me due usci­te con il 50% da tre. Tra gli ita­lia­ni l’univ­co in dop­pia ci­fra me­dia è Gua­ri­no (12). «La Ba­wer ha ame­ri­ca­ni mol­to for­ti sui cui si ba­sa il lo­ro gio­co, in più c’è Gua­ri­no che è un gio­ca­to­re mol­to esper­to di que­sto cam­pio­na­to e al­cu­ni gio­va­ni emer­gen­ti che con il pas­sa­re del­le par­ti­te sa­ran­no sem­pre più si­cu­ri e con­vin­ti — con­ti­nua Pil­la­stri­ni — fon­da­men­ta­le per noi sa­rà con­trol­la­re i rit­mi del gio­co e di­fen­de­re be­ne i lo­ro uno con­tro uno. I lo­ro ame­ri­ca­ni san­no gio­ca­re sia fron­te che spal­le a ca­ne­stro e do­vre­mo es­se­re bra­vi a fron­teg­giar­li an­che lon­ta­no dal­le no­stre po­si­zio­ni di­fen­si­ve abi­tua­li».

In ca­sa Ba­wer c’è gran­de ot­ti­mi­smo: coa­ch Ca­deo pro­ve­rà a sfrut­ta­re al me­glio il fat­to di aver gio­ca­to con An­cel­lot­ti per li­mi­tar­ne l’ap­por­to e so­prat­tut­to vor­rà fer­ma­re la cor­sa del­la ca­po­li­sta: «Dob­bia­mo ave­re il do­ve­re di cre­der­ci in tut­te le par­ti­te. Nel­le pri­me due gior­na­te la mia squa­dra è sce­sa in cam­po de­ter­mi­na­ta: ha an­co­ra tan­te la­cu­ne ma que­sto vuol di­re che ci so­no mar­gi­ni di mi­glio­ra­men­to cui pos­sia­mo pun­ta­re, per fa­re in mo­do che que­sto cam­pio­na­to ci re­ga­li qual­co­sa in più del­la sal­vez­za, te­nen­do i pie­di per ter­ra con gran­de umil­tà: sta a noi cre­der­ci, pri­ma di tut­to».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.