Sott­sass e il de­si­gn Gia­con rac­con­ta un’ami­ci­zia a fu­met­ti

Il pa­do­va­no Gia­con di­se­gna l’av­ven­tu­ra del gran­de de­si­gner. A par­ti­re da una te­le­fo­na­ta

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Francesco Ver­ni © RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

Il li­bro «Et­to­re» non è una sem­pli­ce bio­gra­fia, ma il rac­con­to di un mon­do crea­ti­vo Il ri­cor­do «Sott­sass non vo­le­va in­se­gna­re nul­la, par­la­va del­le co­se che ama­va»

Pa­do­va 1984. Squil­la il te­le­fo­no di ca­sa Gia­con. È lo Stu­dio Sott­sass di Mi­la­no che in­vi­ta il fu­met­ti­sta 23en­ne Mas­si­mo ad un in­con­tro con il gran­de de­si­gner Et­to­re Sott­sass. È co­sì che ini­zia Et­to­re, gra­phic no­vel sce­neg­gia­to e di­se­gna­to da Mas­si­mo Gia­con, in usci­ta do­ma­ni nel­le li­bre­rie, che rac­con­ta il de­si­gner e ar­chi­tet­to scom­par­so nel 2007 (24 Ore Cul­tu­ra, 17,90 eu­ro).

Ma che co­sa c’en­tra il pa­do­va­no Gia­con con «the go­d­fa­ther of Ita­lian cool», come l’ha de­fi­ni­to The Guardian? Tra i due, no­no­stan­te i 44 an­ni di dif­fe­ren­za, c’è sta­ta una lun­ga ami­ci­zia unita a di­ver­se col­la­bo­ra­zio­ni la­vo­ra­ti­ve. Ed è pro­prio per que­sto che Et­to­re è capace di es­se­re, al­lo stes­so tem­po, bio­gra­fia di Sott­sass e au­to­bio­gra­fia di Gia­con.

«Et­to­re l’ho co­no­sciu­to be­ne, e per un cer­to pe­rio­do ci sia­mo an­che fre­quen­ta­ti spes­so. Non vo­le­vo pro­dur­re una fred­da bio­gra­fa, an­che per­ché Et­to­re ha scrit­to su di sé e sul suo la­vo­ro mol­tis­si­mo, e pu­re mol­to be­ne – spie­ga Gia­con ho pen­sa­to che più che un li­bro “su” di lui do­ve­va es­se­re un li­bro “con” lui come pro­ta­go­ni­sta, e in fon­do su come l’in­con­tro con lui aves­se cam­bia­to un po­chi­no la mia vi­ta, so­prat­tut­to la per­ce­zio­ne di cer­te co­se».

Co­sì il vo­lu­me a fu­met­ti Et­to­re di­ven­ta il rac­con­to del mon­do crea­ti­vo di Sott­sass non so­lo at­tra­ver­so le sue ope­re (che pun­tual­men­te ven­go­no ri­pro­po­ste dal di­se­gna­to­re pa­do­va­no) ma an­che gra­zie ai ri­cor­di co­mu­ni, agli aned­do­ti cu­ci­ti as­sie­me da un le­ga­me. «Un le­ga­me più di ami­ci­zia che un rap­por­to al­lie­vo-mae­stro. Lui non vo­le­va in­se­gna­re nul­la, ma riu­sci­va a co­mu­ni­ca­re mol­to be­ne quel­lo che pen­sa­va del suo la­vo­ro sem­pli­ce­men­te par­lan­do del­le co­se che ri­te­ne­va im­por­tan­ti – rac­con­ta Gia­con che a vol­te non ave­va­no nul­la a che fa­re con gli og­get­ti, ma ave­va una fi­lo­so­fia del la­vo­ro, e que­sto è sta­to il suo in­se­gna­men­to più gran­de».

Per quan­to ri­guar­da la «cro­no­lo­gia» del li­bro, Sott­sass ve­de i di­se­gni di un gio­va­ne Gia­con e lo vuo­le per il­lu­stra­re la pre­sen­ta­zio­ne di un ri­sto­ran­te. Il Na­po­razz re­stau­rant boc­cia sen­za mez­ze mi­su­re i di­se­gni del crea­ti­vo pa­do­va­no, ma a Sott­sass non in­te­res­sa. Anzi. È pro­prio lui ad in­vi­ta­re Gia­con a di­pin­ge­re qua­dri (og­gi Mas­si­mo è crea­ti­vo a tut­to ton­do: pit­to­re, de­si­gner, fu­met­ti­sta e mu­si­ci­sta) e a tro­var­gli la com­mis­sio­ne per il decoro mu­ra­le di una vil­la a Cap D’An­ti­bes.

An­ni do­po Gia­con re­gi­stra una trac­cia del­la vo­ce di Sott­sass per l’al­bum del suo grup­po I ni­po­ti del faraone, scri­ve per la ri­vi­sta «Tic» Le sto­rie del­la

Com­pass Ass e, an­co­ra l’in­ter­vi­sta nell’’89 per la ri­vi­sta «Dol­ce Vi­ta». Ma tra gli og­get­ti di de­si­gn («Ul­tra­fra­go­la» del 1970, «Casablanca» del 1981 o «Upu­pa» del 2003 ) e i pro­get­ti («Ca­sa Mour­mans» e «Ola­bue­na­ga») fir­ma­ti Sott­sass, si tro­va mol­to dell’uo­mo più che dell’ar­ti­sta, la per­so­na­li­tà e il ca­ri­sma del gran­de «inventore».

Il li­bro in usci­ta do­ma­ni è per que­sto un ritratto fa­mi­lia­re, af­fet­ti­vo, co­lo­ra­tis­si­mo e vi­va­ce, in cui Gia­con è capace di do­sa­re sto­ria, ri­cor­di, iro­nia e sen­ti­men­ti nel trat­teg­gia­re un «per­so­nag­gio Sott­sass» che per lui, de­ve e può es­se­re, so­la­men­te «Et­to­re». «I ri­cor­di più ca­ri so­no di quel­le vol­te che ci ve­de­va­mo, qua­si per ca­so, du­ran­te cer­ti viag­gi – dice Gia­con - mi vie­ne in men­te un viag­gio in Giap­po­ne in cui ci era­va­mo tro­va­ti a Tokyo sen­za aver­lo pro­gram­ma­to: ab­bia­mo bi­ghel­lo­na­to in­sie­me per la cit­tà, con la cu­rio­si­tà che l’ha sem­pre con­trad­di­stin­to».

In li­bre­ria Due ta­vo­le del li­bro «Et­to­re» di Mas­si­mo Gia­con (24 ore Cul­tu­ra), da do­ma­ni in li­bre­ria

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.