I pro­ta­go­ni­sti

Chi si è ri­ti­ra­to a vi­ta pri­va­ta, chi è tor­na­to al la­vo­ro, chi ha cam­bia­to azien­da, cit­tà e na­zio­ne Uno so­lo è an­co­ra in cel­la. Ec­co co­sa fan­no og­gi le per­so­ne coin­vol­te nel­la gran­de re­ta­ta

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Primo Piano - Al­ber­to Zor­zi © RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

VE­NE­ZIA L’uni­co an­co­ra rin­chiu­so in una cel­la è l’ex ge­ne­ra­le del­la Fi­nan­za Emi­lio Spaziante. E d’al­tra par­te Spaziante – che do­ve­va ri­spon­de­re di un rea­to gra­ve come la cor­ru­zio­ne per aver ri­ve­la­to se­gre­ti dell’inchiesta agli stes­si in­da­ga­ti in cam­bio di de­na­ro, met­ten­do co­sì a ri­schio il la­vo­ro dei suoi col­le­ghi – no­no­stan­te un pa­io di per­mes­si pre­mio de­gli ul­ti­mi me­si e un’istan­za di af­fi­da­men­to ai ser­vi­zi so­cia­li, si tro­va nel car­ce­re mi­li­ta­re di San­ta Ma­ria Ca­pua Ve­te­re, a scon­ta­re la pe­na di 4 an­ni, la più al­ta di que­sta pri­ma tran­che. Più al­ta di quel­le di Gian­car­lo Ga­lan e Re­na­to Chis­so, an­che lo­ro or­mai in fa­se di ese­cu­zio­ne del­la pe­na do­po che la Cas­sa­zio­ne ha con­fer­ma­to i pat­teg­gia­men­ti a 2 an­ni e 10 me­si e 2 an­ni e mezzo. En­tram­bi so­no agli ar­re­sti do­mi­ci­lia­ri e il pri­mo ha ap­pe­na la­scia­to quel­la vil­la Ro­del­la che ora lo Sta­to po­trà met­te­re all’asta per re­cu­pe­ra­re i 2,6 mi­lio­ni di eu­ro che gli so­no sta­ti con­fi­sca­ti, e si è tra­sfe­ri­to a Ro­vo­lon in affitto; pro­prio ie­ri i suoi di­fen­so­ri han­no con­se­gna­to le chia­vi al pm Ste­fa­no An­ci­lot­to, che le ha im­me­dia­ta­men­te fat­te re­ca­pi­ta­re al De­ma­nio. L’ex assessore ha in­ve­ce ot­te­nu­to dal tri­bu­na­le di sor­ve­glian­za la pos­si­bi­li­tà di usci­re di ca­sa per due ore un pa­io di vol­te a settimana, pur con il di­vie­to di col­lo­quio con per­so­ne di­ver­se da fa­mi­glia­ri e av­vo­ca­ti.

E’ pas­sa­to qua­si un an­no e mezzo da quel 4 giu­gno 2014. Era­no le 4 del mat­ti­no quan­do la Guar­dia di Fi­nan­za die­de il via al bli­tz che scon­vol­se il Ve­ne­to e sve­lò il malaffare e la cor­ru­zio­ne che si ce­la­va­no die­tro Mo­se, Consorzio Ve­ne­zia Nuo­va e Man­to­va­ni. Og­gi al­cu­ni di lo­ro han­no ri­co­min­cia­to la lo­ro vi­ta di pri­ma, can­cel­lan­do (per quan­to pos­si­bi­le) con un col­po di spu­gna quan­to suc­ces­so. Al­tri in­ve­ce non si so­no più ri­pre­si.

C’è per­fi­no chi è mor­to, come l’im­pren­di­to­re chiog­giot­to Ma­rio Bo­sco­lo Ba­che­to (gui­da del­la coop San Martino, che ha il tri­ste pri­ma­to di es­se­re sta­ta l’azien­da da cui è par­ti­ta l’inchiesta) e l’in­ge­gner Lui­gi Dal Bor­go, brac­cio de­stro del boss di Man­to­va­ni Pier­gior­gio Bai­ta, man­ca­ti que­st’esta­te. Tan­ti han­no in­ve­ce la­scia­to il la­vo­ro e ora fan­no i pen­sio­na­ti. Pa­tri­zio Cuc­cio­let­ta e Ma­ria Gio­van­na Pi­va, ex pre­si­den­ti del Ma­gi­stra­to al­le Ac­que, lo era­no già da pri­ma, come l’ex ma­gi­stra­to del­la Cor­te dei Con­ti Vittorio Giu­sep­po­ne, l’ex pre­si­den­te di Adria In­fra­strut­tu­re Cor­ra­do Cria­le­se, l’ex brac­cio de­stro di Gio­van­ni Maz­za­cu­ra­ti al Consorzio, Lu­cia­no Ne­ri. An­che l’ex eu­ro­par­la­men­ta­re Lia Sar­to­ri si è ri­ti­ra­ta a vi­ta pri­va­ta, do­po de­cen­ni in pri­ma li­nea. «Si de­di­ca al­le sue que­stio­ni per­so­na­li, al­le sue ami­ci­zie», dice il suo av­vo­ca­to Ales­san­dro Moscatelli.

Ba­sta in­ve­ce un clic sul si­to dell’uni­ver­si­tà di Ca’ Fo­sca­ri per ave­re la con­fer­ma che Gior­gio Or­so­ni, il pri­mo sin­da­co di Ve­ne­zia ar­re­sta­to nel­la sto­ria, an­che per l’an­no 2015/2016 ter­rà il cor­so di Di­rit­to Am­mi­ni­stra­ti­vo, ol­tre ad aver ov­via­men­te ri­pre­so l’at­ti­vi­tà di av­vo­ca­to. Al­la vo­ce pro­fes­sio­ni­sti c’è Da­rio Lu­ga­to, la cui po­si­zio­ne pe­ral­tro è so­spe­sa (do­po che il tri­bu­na­le del rie­sa­me l’ave­va li­be­ra­to con­te­stan­do i gra­vi in­di­zi di col­pe­vo­lez­za i pm non han­no chie­sto il rin­vio a giu­di­zio): con­ti­nua a fa­re l’ar­chi­tet­to di fa­ma, ba­sti pen­sa­re che il suo no­me era le­ga­to al pro­get­to del Pa­lais Lu­mie­re di Pier­re Car­din e che ha mes­so la fir­ma an­che sul tan­to con­te­sta­to am­plia­men­to dell’hotel San­ta Chia­ra di Piaz­za­le Ro­ma a Ve­ne­zia. Idem il col­le­ga Da­ni­lo Tu­ra­to, fir­ma del­la Na­ve de Ve­ro di Mar­ghe­ra e dell’hotel Man­te­gna a Pa­do­va, che con­ti­nua a gui­da­re la sua Tec­no­stu­dio a Me­stri­no, men­tre i guai giu­di­zia­ri han­no por­ta­to al­la so­spen­sio­ne dall’at­ti­vi­tà di com­mer­cia­li­sta per Pao­lo Ve­nu­ti (fi­no al 20 mag­gio 2017), ma non an­co­ra il col­le­ga Francesco Gior­da­no. An­che per Giu­sep­pe Fa­siol la pro­cu­ra non ha chie­sto il giu­di­zio e lui e Gio­van­ni Ar­ti­co pro­prio di re­cen­te so­no sta­ti pro­mos­si (ve­di ar­ti­co­lo a fian­co), men­tre l’al­tro fun­zio­na­rio re­gio­na­le coin­vol­to, En­zo Ca­sa­rin, che pu­re po­te­va tor­na­re a fa­re il bi­blio­te­ca­rio, ha de­ci­so di esaurire le fe­rie ar­re­tra­te fi­no al­la pen­sio­ne.

Chi è an­co­ra sulla brec­cia è ov­via­men­te Al­te­ro Mat­teo­li, che sie­de in Par­la­men­to da 32 an­ni (og­gi al Se­na­to) e che è sta­to due vol­te mi­ni­stro dell’Am­bien­te e una vol­ta al­le In­fra­strut­tu­re, per un to­ta­le di 9 an­ni al go­ver­no con Sil­vio Berlusconi, men­tre il suo ami­co Era­smo Cinque si è un po’ de­fi­la­to da quel­la So­co­stra­mo che è il cuo­re del fi­lo­ne del pro­ces­so che ri­guar­da en­tram­bi, af­fi­dan­do­la ai fi­gli. Pro­prio le no­ti­zie sul pro­ces­so (pe­ral­tro ben no­te già da pri­ma, come sot­to­li­nea il suo di­fen­so­re Mas­si­mi­lia­no Cri­sto­fo­li Prat) han­no in­ve­ce stop­pa­to la no­mi­na di Gian­car­lo Ru­scit­ti, ex se­gre­ta­rio re­gio­na­le del­la Sa­ni­tà nel Ve­ne­to e og­gi ad del­le strut­tu­re ca­mil­lia­ne, che era sta­to in­di­ca­to per gui­da­re il set­to­re nel­la Re­gio­ne Pu­glia.

Giam­pie­tro Mar­che­se, che se­con­do l’ac­cu­sa rac­co­glie­va i sol­di per le cam­pa­gne elet­to­ra­li del Pd, ora la­vo­ra in un’agen­zia di as­si­cu­ra­zio­ni. Ie­ri, quan­do ha let­to su que­sto gior­na­le del­le ac­cu­se di Pio Sa­vio­li – di aver­gli da­to 30 mi­la eu­ro sulla «cre­sta» di 250 mi­la eu­ro fat­ta su ognu­no dei cas­so­ni di Chiog­gia – ha vo­lu­to ri­cor­da­re che lui già nell’in­ter­ro­ga­to­rio del 15 lu­glio 2014 ave­va ne­ga­to que­sti fat­ti, mai fi­ni­ti tra le im­pu­ta­zio­ni. Chi gui­da­va quel Co­ve­co che lo ave­va fi­nan­zia­to, cioè Fran­co Mor­bio­lo, ora fa il con­su­len­te li­be­ro pro­fes­sio­ni­sta. L’ex ad del­la Ve­ne­zia-Pa­do­va Li­no Bren­tan, in­ve­ce, col­ti­va l’or­to a Cam­po­lon­go, o co­sì as­si­cu­ra il suo av­vo­ca­to Gio­van­ni Mo­lin. D’al­tra par­te in una fa­mo­sa in­ter­vi­sta al Cor­rie­re del­la Se­ra an­che Pier­gior­gio Bai­ta dis­se di de­di­car­si agli or­tag­gi del­la sua vil­la di Mo­glia­no Ve­ne­to, ma nes­su­no gli cre­de, an­che se la sua vi­su­ra ca­me­ra­le, che una vol­ta elen­ca­va de­ci­ne di ruo­li in al­tret­tan­te so­cie­tà, ora è tri­ste­men­te vuo­ta. Gli at­ti ca­me­ra­li di­co­no in­ve­ce che Ro­ber­to Me­ne­guz­zo è tut­to­ra con­si­glie­re di quel­la Pal­la­dio Fi­nan­zia­ria di cui è sta­to l’ani­ma per an­ni, men­tre ad Ales­san­dro Maz­zi, per­se le ca­ri­che, re­sta co­mun­que il 37 per cen­to del­la Gran­di La­vo­ri Fin­co­sit.

E gli al­tri gran­di ac­cu­sa­to­ri? Clau­dia Mi­nu­til­lo, che qual­che tem­po fa si era lan­cia­ta nel bu­si­ness dei pro­dot­ti co­sme­ti­ci, è di re­cen­te usci­ta dal­la so­cie­tà «Baum des le­bens Srl» («al­be­ro del­la vi­ta» in te­de­sco), ma pa­re che at­tra­ver­si una fa­se in cui si de­di­ca al­la fa­mi­glia. Maz­za­cu­ra­ti in­ve­ce è or­mai fis­so a La Jol­la, a due pas­si da San Die­go, e sa­rà il gran­de as­sen­te del pro­ces­so: i me­di­ci di­co­no che non può viag­gia­re e che la de­men­za se­ni­le ren­de inu­ti­le una sua au­di­zio­ne: ma c’è da giu­ra­re che di lui si par­le­rà tan­to.

L’ul­ti­mo at­to Pro­prio ie­ri l’ex go­ver­na­to­re Ga­lan ha ri­con­se­gna­to le chia­vi di vil­la Ro­del­la al­la Pro­cu­ra, che le ha su­bi­to por­ta­te al De­ma­nio

Ni­co­la Fal­co­ni, 53 an­ni, ex pre­si­den­te dell’isti­tu­zio­ne Gon­do­la

Vittorio Giu­sep­po­ne, 74 an­ni, ex ma­gi­stra­to del­la Cor­te dei Con­ti

Era­smo Cinque, 75 an­ni, ex ti­to­la­re dell'im­pre­sa So­co­stra­mo

Li­no Bren­tan, 67 an­ni, ex ad dell’au­to­stra­da Ve­ne­zia-Pa­do­va

Da­ni­lo Tu­ra­to, 59 an­ni, ar­chi­tet­to ti­to­la­re del­la Tec­no­stu­dio di Me­stri­no

Gian­car­lo Ga­lan, 59 an­ni, ex go­ver­na­to­re. Ha pat­teg­gia­to 2 an­ni e 10 me­si e non ci sa­rà

Gian­car­lo Ru­scit­ti, 57 an­ni, ex se­gre­ta­rio re­gio­na­le del­la Sa­ni­tà

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.