Ce­ster, il tra­slo­ca­to­re gril­li­no di vil­la Ro­del­la: «I ba­gni? Ese­gui­va­mo gli or­di­ni». Ga­lan: pron­to a si­ste­ma­re tut­to

Di­mo­ra dan­neg­gia­ta, l’ex go­ver­na­to­re scri­ve al­la pro­cu­ra: «Pron­to a si­ste­ma­re tut­to»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Prian­te

«Quan­do i miei col­la­bo­ra­to­ri so­no arrivati lì, è sta­to lo­ro in­di­ca­to co­sa an­da­va por­ta­to via. C’era di tut­to, com­pre­si i sa­ni­ta­ri dei ba­gni e i ter­mo­si­fo­ni. Ma quel­li era­no gli or­di­ni e gli ope­rai li han­no ese­gui­ti con pro­fes­sio­na­li­tà. Non c’era mo­do di im­ma­gi­na­re che que­gli og­get­ti do­ve­va­no re­sta­re al lo­ro po­sto». Par­la Gra­zia­no Ce­ster (in fo­to), l’im­pren­di­to­re gril­li­no che ha ese­gui­to il tra­slo­co di vil­la Ro­del­la. Ga­lan: pron­to a si­ste­ma­re tut­to.

VE­NE­ZIA «Pre­fe­ri­sco la­vo­ra­re per i sol­da­ti sem­pli­ci che per i gran­di capitani: i pri­mi dif­fi­cil­men­te ti tra­di­sco­no».

Una co­sa è chia­ra fin da su­bi­to: a Gra­zia­no Ce­ster non piac­cio­no gli uo­mi­ni di po­te­re. «Non mi fi­do di lo­ro», ta­glia cor­to que­sto omo­ne di 55 an­ni che dice sem­pre quel che pen­sa. È un im­pren­di­to­re, a ca­po di un’azien­da con se­de a Me­stre, la «Ce­ster e Cec­chet­ti Tra­slo­chi», ere­di­ta­ta dal pa­dre. «Nel 1975, nel pie­no del­le ri­vol­te stu­den­te­sche, ho vi­sto un mio com­pa­gno di clas­se pren­de­re a ba­sto­na­te un cro­ci­fis­so e poi lan­ciar­lo dal­la fi­ne­stra. Il gior­no stes­so ho mol­la­to la scuo­la e so­no an­da­to a la­vo­ra­re con papà: gli ar­ro­gan­ti, i pre­po­ten­ti pro­prio non li sop­por­to».

Scuote la te­sta e in­tan­to sfo­glia i gior­na­li. Scri­vo­no di Vil­la Ro­del­la se­que­stra­ta a Gian­car­lo Ga­lan, che ora fi­ni­rà all’asta per pa­ga­re la ma­xi mul­ta se­gui­ta al patteggiamento per le tan­gen­ti del Mo­se. Scri­vo­no che mar­te­dì la guar­dia di fi­nan­za e i fun­zio­na­ri dell’Agen­zia del De­ma­nio so­no en­tra­ti per la pri­ma vol­ta nel­la di­mo­ra cin­que­cen­te­sca. Ma scri­vo­no pu­re che l’ex go­ver­na­to­re, fre­sco di tra­slo­co, ha fat­to tro­va­re lo­ro una brut­ta sor­pre­sa: l’abi­ta­zio­ne era sta­ta spo­glia­ta di tut­to. Non so­lo de­gli ar­re­di, come pre­ve­de la leg­ge, ma an­che di ter­mo­si­fo­ni, ca­mi­ni, la­van­di­ni, va­sche da ba­gno e per­fi­no dei wc. Ha fat­to spa­ri­re ogni co­sa.

La pro­cu­ra non l’ha pre­sa af­fat­to be­ne: ora la vil­la è dan­neg­gia­ta, ol­tre che ina­bi­ta­bi­le.

Le fo­to­gra­fie a cor­re­do de­gli ar­ti­co­li di gior­na­le, in­ve­ce, so­no quel­le «ru­ba­te» lu­ne­dì mat­ti­na dal cor­ti­le di vil­la Ro­del­la, e mo­stra­no gli ope­rai men­tre ca­ri­ca­no il mo­bi­lio nei fur­go­ni. Sulla fian­ca­ta, cam­peg­gia la scrit­ta: «Tra­slo­chi Ce­ster e Cec­chet­ti».

In­som­ma, so­no sta­ti gli ope­rai di Gra­zia­no Ce­ster a por­ta­re via tut­to. «Ab­bia­mo la­vo­ra­to in su­bap­pal­to per con­to di un’al­tra im­pre­sa con­fer­ma - e quan­do i miei col­la­bo­ra­to­ri so­no arrivati lì, è sta­to lo­ro in­di­ca­to co­sa an­da­va por­ta­to via: si so­no li­mi­ta­ti a im­bal­la­re ogni co­sa e a ca­ri­car­la sui ca­mion. C’era di tut­to, com­pre­si i sa­ni­ta­ri dei ba­gni e i ter­mo­si­fo­ni. Ma quel­li era­no gli or­di­ni e gli ope­rai li han­no ese­gui­ti con la so­li­ta pro­fes­sio­na­li­tà. Non c’era mo­do di im­ma­gi­na­re che que­gli og­get­ti in real­tà do­ve­va­no re­sta­re al lo­ro po­sto».

Le ope­ra­zio­ni si so­no con­clu­se lu­ne­dì po­me­rig­gio. «Lo staff che coor­di­na­va le ope­ra­zio­ni, è sta­to gen­ti­le e si è com­pli­men­ta­to con i miei ope­rai», ri­cor­da Ce­ster.

La sua è una pic­co­la im­pre­sa, con due di­pen­den­ti e una man­cia­ta di col­la­bo­ra­to­ri. «Par­lia­mo­ci chia­ro: quan­do ho sa­pu­to che do­ve­vo an­da­re a la­vo­ra­re da Ga­lan non ho cer­to fat­to i sal­ti di gio­ia. Ma poi mi son det­to che ho de­gli ope­rai da pa­ga­re a fi­ne me­se e che in tem­pi di cri­si de­vo ac­con­ten­tar­mi di dar­mi da fa­re one­sta­men­te, mi­ca pos­so per­met­ter­mi il lus­so di ri­fiu­ta­re un tra­slo­co. E al­la fi­ne, lo am­met­to, ero pu­re con­ten­to: cre­de­vo di aver aiu­ta­to i cit­ta­di­ni ad ap­pro­priar­si del­la vil­la, vi­sto che ora è di pro­prie­tà del­lo Sta­to».

In­ve­ce, l’ama­ra sor­pre­sa. «Giu­ro che se so­lo aves­si so­spet­ta­to che i ba­gni, i ter­mo­si­fo­ni e tut­to il re­sto, non do­ve­va­no es­se­re ri­mos­si, mi sa­rei ri­fiu­ta­to di tra­spor­tar­li. La mia one­stà e il buon no­me dell’azien­da val­go­no mol­to più di una com­mis­sio­ne».

L’aver con­tri­bui­to, an­che se in­con­sa­pe­vol­men­te, al­la «bra­va­ta» di Ga­lan, è un’idea che lo tor­men­ta. Il mo­ti­vo lo si in­tui­sce vi­si­tan­do la sua pa­gi­na Fa­ce­book, dove cam­peg­gia­no le fo­to di Lui­gi Di Ma­io o di Bep­pe Gril­lo, e pub­bli­ca di con­ti­nuo ar­ti­co­li con­tro la ca­sta. «So­no un sim­pa­tiz­zan­te del Mo­vi­men­to 5 Stelle. Il vec­chio si­ste­ma po­li­ti­co mi fa schi­fo, so­no de­gli ar­raf­fo­ni che pen­sa­no esclu­si­va­men­te ai lo­ro in­te­res­si. Il Mo­se ne è la di­mo­stra­zio­ne: non sol­tan­to lo scan­da­lo del­le tan­gen­ti ma l’ope­ra stes­sa, che di cer­to non sal­ve­rà Ve­ne­zia».

Ie­ri Ga­lan ha scrit­to al­la pro­cu­ra di Ve­ne­zia di­cen­do­si pron­to a si­ste­ma­re i dan­ni cau­sa­ti a Vil­la Ro­del­la. Per il suo av­vo­ca­to An­to­nio Fran­chi­ni si è trat­ta­to di un in­col­pe­vo­le frain­ten­di­men­to, det­ta­to dal fat­to che l’ex go­ver­na­to­re non sa­pe­va che co­sa po­te­va aspor­ta­re dall’abi­ta­zio­ne e co­sa in­ve­ce do­ve­va re­sta­re al suo po­sto. Nel dub­bio, evi­den­te­men­te, ha aspor­ta­to.

«Ma ora do­vrà ri­por­ta­re in­die­tro tut­te quel­le co­se», ri­flet­te Ce­ster. «E for­se avrà bi­so­gno di una dit­ta di tra­slo­chi...».

Il vec­chio si­ste­ma po­li­ti­co mi fa schi­fo, so­no so­lo de­gli ar­raf­fo­ni

L’im­pren­di­to­re Gra­zia­no Ce­ster, 50 an­ni, è il ti­to­la­re dell’azien­da di tra­slo­chi «Ce­ster e Cec­chet­ti»

Fuo­ri dal­la vil­la Il ca­mion­ci­no del­la «Ce­ster e Cec­chet­ti» esce da Vil­la Ro­del­la

Ex go­ver­na­to­re Gian­car­lo Ga­lan fo­to­gra­fa­to lu­ne­dì a vil­la Ro­del­la

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.