L’ani­ma­li­sta ar­ma­to ra­pi­na il cac­cia­to­re

Tre­vi­so, ag­gua­to nel­le cam­pa­gne. La vit­ti­ma co­stret­ta a con­se­gna­re an­che il fu­ci­le. «Pen­sa­vo mi uc­ci­des­se»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Mil­va­na Cit­ter

TRE­VI­SO Pun­ta la pi­sto­la con­tro il cac­cia­to­re e gli or­di­na: «Li­be­ra tut­ti gli uc­cel­li da richiamo e gi­ra­ti». Quin­di lo ra­pi­na. L’au­to­re? Un’ani­ma­li­sta. È ac­ca­du­to a Mor­ga­no, nel­la Mar­ca, vit­ti­ma un ses­san­ten­ne. L’uo­mo ave­va fi­ni­to di cac­cia­re con la tec­ni­ca del «ca­pan­no», uti­liz­zan­do cioè le sue al­lo­do­le da richiamo. Do­po aver li­be­ra­to gli uc­cel­li è sta­to de­ru­ba­to del suo fu­ci­le au­to­ma­ti­co da cac­cia e del­le chia­vi dell’au­to. L’ani­ma­li­sta, con il vol­to tra­vi­sa­to da cap­pel­lo e sciar­pa, è poi fug­gi­to.

MOR­GA­NO (TRE­VI­SO) Sciar­pa sul vol­to e pi­sto­la in pu­gno per li­be­ra­re gli uc­cel­li da richiamo e di­sar­ma­re un cac­cia­to­re ru­ban­do­gli il fu­ci­le.

Una scon­vol­gen­te for­ma di pro­te­sta, da par­te di uno sco­no­sciu­to at­ti­vi­sta «no cac­cia» che do­me­ni­ca mat­ti­na, ar­ma­to di pi­sto­la, ha ag­gre­di­to un cac­cia­to­re nei cam­pi di Mor­ga­no, nel Tre­vi­gia­no. E per il 60en­ne, de­ru­ba­to del suo fu­ci­le au­to­ma­ti­co e co­stret­to e li­be­ra­re le sue al­lo­do­le da richiamo sa­rà dif­fi­ci­le di­men­ti­ca­re: «Ho per­so il fu­ci­le e non an­drò più a cac­cia. E ades­so ho pau­ra di ri­tor­sio­ni per me o per i miei fa­mi­lia­ri».

Per i ca­ra­bi­nie­ri, quel­la che si è con­su­ma­ta nel­le cam­pa­gne di via Cac­cia­to­ri è una ra­pi­na a ma­no ar­ma­ta. Ma per chi l’ha com­mes­sa, vi­sto il mo­dus ope­ran­di, si trat­ta in­ve­ce di un’azio­ne con­tro chi per sport spa­ra agli uc­cel­li. Per il cac­cia­to­re 60en­ne, che ha tal­men­te tan­ta pau­ra del ra­pi­na­to­re «ani­ma­li­sta» da chie­der­ci l’ano­ni­ma­to, quel­la di do­me­ni­ca do­ve­va es­se­re una nor­ma­le bat­tu­ta di cac­cia.

Da an­ni va in quel­la zo­na di cam­pa­gna e, con il per­mes­so del pro­prie­ta­rio, pre­pa­ra il suo ca­pan­no con te­li a pa­let­ti, si si­ste­ma den­tro con le sue al­lo­do­le da richiamo e aspet­ta il mo­men­to giu­sto per fa­re fuo­co. Co­sì come do­me­ni­ca, ap­pun­to, quan­do ver­so le 10 ha de­ci­so che era tem­po di rien­tra­re. Ha ri­po­sto il suo fu­ci­le nel fo­de­ro e lo ha ap­pog­gia­to all’au­to, ha smon­ta­to il ca­pan­no e sta­va ca­ri­can­do le gab­bie con le al­lo­do­le quan­do è sta­to rag­giun­to da un ci­cli­sta.

«Era in moun­tain bi­ke – rac­con­ta - ave­va il vol­to co­per­to da una sciar­pa cre­do e un berretto. Ini­zial­men­te mi ha chie­sto in­di­ca­zio­ni per la via Osti­lia». Una ri­chie­sta nor­ma­le, an­che in mezzo a una zo­na di aper­ta cam­pa­gna, ha pen­sa­to il cac­cia­to­re che si è al­lon­ta­na­to dal­la sua au­to, e quin­di dal fu­ci­le, per mo­stra­re il per­cor­so che l’uo­mo avreb­be do­vu­to fa­re. Ma a quel pun­to lo sco­no­sciu­to ci­cli­sta ha estrat­to la pi­sto­la e gliel’ha pun­ta­ta in vol­to di­cen­do­gli: «So­no con­tro la cac­cia».

Il 60en­ne ha avu­to po­chi se­con­di per ca­pi­re co­sa sta­va suc­ce­den­do e al­za­re le ma­ni: «Ma co­sa vuoi fa­re uc­ci­der­mi?» gli ha det­to su­bi­to do­po. Ma l’ag­gres­so­re ave­va un al­tro obiet­ti­vo: gli uc­cel­li da richiamo che il cac­cia­to­re, con la mi­nac­cia dell’ar­ma, è sta­to co­stret­to a li­be­ra­re.

Su­bi­to do­po il ra­pi­na­to­re gli ha in­ti­ma­to di al­lon­ta­nar­si: «Mi ha det­to “Gi­ra­ti e cam­mi­na” ma io gli ho det­to che non mi sa­rei gi­ra­to, che mi spa­ras­se al pet­to. Pe­rò poi ha ri­pe­tu­to: “Gi­ra­ti o ti spa­ro” e a quel pun­to ho ob­be­di­to, an­che se pen­so che quel­la pi­sto­la po­tes­se es­se­re fin­ta».

Il 60en­ne rac­con­ta di aver per­cor­so una de­ci­na di me­tri con un uni­co pen­sie­ro: «Aspet­ta­vo il col­po, ho pen­sa­to che avreb­be sparato». In­ve­ce, men­tre il cac­cia­to­re si al­lon­ta­na­va, il ra­pi­na­to­re «ani­ma­li­sta» do­po aver pre­so le chia­vi dal cru­scot­to, si è im­pa­dro­ni­to del fu­ci­le da cac­cia ed è cor­so via in bi­ci­clet­ta.

Par­te del­la sce­na è sta­ta vi­sta an­che da un agri­col­to­re, che sta­va rac­co­glien­do pan­noc­chie nel cam­po: «Mi ha no­ta­to con le ma­ni al­za­te ma ha cre­du­to stes­si par­lan­do col ci­cli­sta: non po­te­va cer­to pen­sa­re quel­lo che in real­tà sta­va ac­ca­den­do».

Ap­pe­na è ri­ma­sto da so­lo, il cac­cia­to­re ha chia­ma­to i ca­ra­bi­nie­ri. Tre pat­tu­glie si so­no por­ta­te sul po­sto e i mi­li­ta­ri han­no cer­ca­to lun­go i fos­si il fu­ci­le, ma han­no tro­va­to so­lo le chia­vi dell’au­to: «Il fu­ci­le lo avrà but­ta­to nel Si­le, non im­por­ta – con­clu­de il cac­cia­to­re ra­pi­na­to - do­po que­sta espe­rien­za non an­drò più a cac­cia ma mer­co­le­dì ci sa­rà una riu­nio­ne dell’as­so­cia­zio­ne cac­cia­to­ri e rac­con­te­rò a tut­ti quel­lo che è suc­ces­so met­ten­do­li in guar­dia».

Mi ha or­di­na­to di vol­tar­mi, ho pen­sa­to che mi avreb­be sparato Do­po que­sta brut­ta espe­rien­za non an­drò mai più a cac­cia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.