SCRITTORI E IDEN­TI­TÀ SVELATE

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Ga­briel­la Im­pe­ra­to­ri

Se fos­si uno scrit­to­re o scrit­tri­ce esor­dien­te cre­do che, co­me ha fat­to Ele­na Fer­ran­te quan­do co­min­cia­va a pub­bli­ca­re e nes­su­no se la fi­la­va, sce­glie­rei uno pseu­do­ni­mo. Per mag­gior li­ber­tà nel­la vi­ta pri­va­ta, per non es­se­re bloccata dal­le rea­zio­ni di pa­ren­ti, ami­ci e ne­mi­ci. Che cre­do­no di ri­co­no­scer­si, e a vol­te non si piac­cio­no, nel sup­po­sto ri­trat­to di lo­ro o del lo­ro am­bien­te. Per an­da­re al mer­ca­to, al caf­fè o a pas­seg­gio sen­za es­se­re in­di­vi­dua­to/a. E per­ché chi scri­ve, nel mo­men­to in cui scri­ve, non è la stes­sa per­so­na di chi vi­ve co­me tut­ti gli al­tri es­se­ri uma­ni. Pe­rò l’ano­ni­ma­to ha i suoi ri­schi, co­me di­mo­stra il ca­so del­la sud­det­ta scrit­tri­ce di be­st sel­ler mon­dia­li, che ar­ri­va­ta al suc­ces­so ha pro­vo­ca­to, dap­pri­ma sot­to­to­no, va­rie ipo­te­si sul­la sua iden­ti­tà. Don­na o uo­mo? Don­na, pen­sa la mag­gior par­te dei let­to­ri, op­pu­re cop­pia, ma c’è an­che chi la im­ma­gi­na uo­mo, e ha pu­re fat­to dei no­mi. Na­po­le­ta­na cer­to, non gio­va­nis­si­ma. For­se ma­dre. E il re­sto di­pen­de dal­la fan­ta­sia di chi cre­de che co­no­sce­re la vi­ta pri­va­ta di un ar­ti­sta aiu­ti a com­pren­der­ne l’ope­ra. Al con­tra­rio, sa­pe­re che uno scrit­to­re è af­fe­zio­na­to al­la bot­ti­glia, che si la­va po­co, che ha un de­bo­le per le mi­no­ren­ni o per i mi­no­ren­ni, se­con­do al­tri è svian­te e in­fa­sti­di­sce. Per­tan­to la po­le­mi­ca sull’iden­ti­tà del­la scrit­tri­ce (ge­nia­le co­me «l’ami­ca» del­la sua qua­dri­lo­gia, o so­prav­va­lu­ta­ta a pa­re­re di al­tri) in­fu­ria, spe­cie da quan­do, ol­tre al suc­ces­so pla­ne­ta­rio, si so­no sca­te­na­te le in­ve­sti­ga­zio­ni sul suc­ces­so eco­no­mi­co. con­ti­nua a pa­gi­na 9

Da par­te, nei gior­ni scor­si, del «So­le 24 ore» (se­guì­to da va­ri gior­na­li stra­nie­ri) che fru­gan­do nei con­ti del­la ca­sa edi­tri­ce e/o, per cui la nar­ra­tri­ce ha sem­pre pub­bli­ca­to, ha por­ta­to in­di­zi uti­li a ri­te­ne­re che chi per­ce­pi­sce i di­rit­ti d’au­to­re dei li­bri fir­ma­ti Fer­ran­te sia Ani­ta Ra­ja, tra­dut­tri­ce e col­la­bo­ra­tri­ce del­le suc­ci­ta­te edi­zio­ni. E mo­glie di Do­me­ni­co Star­no­ne, nei ro­man­zi del qua­le si no­ta­no af­fi­ni­tà te­ma­ti­che e sti­li­sti­che con le ope­re del­la Fer­ran­te. Tic lin­gui­sti­ci, per esem­pio, che pa­io­no usci­ti da un les­si­co fa­mi­glia­re. Ma già pri­ma del­la pun­ti­glio­sa in­chie­sta del «So­le», il lin­gui­sta Mi­che­le Cor­te­laz­zo ha ri­ve­la­to co­me, pro­prio qui in Ve­ne­to, nell’am­bi­to dell’uni­ver­si­tà di Pa­do­va, la stu­dio­sa Ar­ju­na Tuz­zi, ana­liz­zan­do un cen­ti­na­io di ro­man­zi con­tem­po­ra­nei, sia giun­ta al­le stes­se con­clu­sio­ni del gior­na­li­sta del «So­le». Un’im­pre­sa fa­mi­glia­re, dun­que? Lo zam­pi­no di un ma­ri­to sui te­sti di sua mo­glie? O ad­di­rit­tu­ra una sor­ta di coo­pe­ra­ti­va di scrittori ami­ci, fra i qua­li si fa il no­me del­la na­po­le­ta­na Mar­cel­la Mar­no? Il gial­lo si com­pli­ca, le ipo­te­si si mol­ti­pli­ca­no, le smen­ti­te si sus­se­guo­no. Re­sta­no pe­rò al­cu­ni que­si­ti fon­da­men­ta­li. Uno: è le­ci­to, è bel­lo fru­ga­re nel fat­tu­ra­to di una ca­sa edi­tri­ce e negli ac­qui­sti di una pre­sun­ta cop­pia let­te­ra­ria? Due, e que­stio­ne di fon­do: è le­git­ti­mo vio­la­re la pri­va­cy di chi vuo­le re­sta­re die­tro le quin­te? No, ri­spon­de chi «se­pa­ra» te­sto da au­to­re. Sì, se­con­do co­lo­ro che, in un mon­do glo­ba­liz­za­to ri­tie­ne che una fi­gu­ra pub­bli­ca, an­che se «di car­ta», de­ve ac­cet­ta­re che s’in­da­ghi su di lei. Tre: co­no­sce­re la vi­ta di chi scri­ve fa ca­pi­re di più l’ope­ra? Cioè si ca­pi­sce me­glio Leo­par­di, Prou­st, Pa­so­li­ni, Lu­zi, se co­no­scia­mo le lo­ro fo­bie, ma­lat­tie, pre­fe­ren­ze ses­sua­li, sti­li di vi­ta? Ep­pu­re ci so­no pro­ve in­con­fu­ta­bi­li che au­to­ri di cui non sap­pia­mo nul­la o qua­si nul­la, han­no la­scia­to ope­re im­mor­ta­li che da sem­pre si stu­dia­no nel­le scuo­le. In pri­mis Ome­ro, cui so­no sta­ti at­tri­bui­ti l’Ilia­de e l’Odis­sea, ma in real­tà non sap­pia­mo nep­pu­re se è vis­su­to o no, quan­do e do­ve, an­che se la leg­gen­da lo tra­man­da vec­chio, va­ga­bon­do e cie­co. E se la fa­mo­sa «que­stio­ne ome­ri­ca» ha pro­dot­to so­lo in­te­res­san­ti ipo­te­si ac­ca­de­mi­che. In­ve­ce le sto­rie di Achil­le e Pa­tro­clo, di Et­to­re, di Ulis­se e de­gli an­tro­po­mor­fi­ci dei dell’Olim­po, bril­la­no an­co­ra eter­ne e im­mor­ta­li per la di­vi­na qua­li­tà di chi le ha scrit­te, chiun­que sia, uni­fi­can­do l’ora­li­tà pri­mi­ge­nia dei due poe­mi. Appello fi­na­le a chi scri­ve: fir­ma­te co­me vo­le­te, ma scri­ve­te be­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.