LA POR­TA SAN­TA DEL­LA CE­LE­BRI­TÀ

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - di Ales­san­dro Ba­schie­ri

Un bom­bar­da­men­to di emo­zio­ni. E lei cor­re leg­ge­ra in una vi­ta che a 19 an­ni già ne con­den­sa set­te.

Vo­la nel­la leg­ge­rez­za di una vi­ta che già a 19 an­ni ne con­den­sa set­te, una vi­ta pie­na e me­ra­vi­glio­sa co­me lei stes­sa la de­fi­ni­sce. E og­gi la do­man­da non è più «do­ve ha tro­va­to la for­za di rea­gi­re» ma «co­me fa a ge­sti­re que­sto bom­bar­da­men­to di emo­zio­ni» che la sta ca­ta­pul­tan­do tra le gran­di ce­le­bri­tà in­ter­na­zio­na­li.

Rias­su­mia­mo: ha vin­to una me­da­glia olim­pi­ca a Rio, ha in­con­tra­to il Pa­pa e rap­pre­sen­ta­to lo sport ita­lia­no in Va­ti­ca­no con Del Pie­ro, ha per ami­co Jo­va­not­ti che la chia­ma an­che su un ae­reo in­ter­con­ti­nen­ta­le per de­di­car­le in di­ret­ta «La mia ra­gaz­za è ma­gi­ca», va ospi­te al con­cer­to di Rihanna e si fa i sel­fie con lei, sfi­la nel­le pas­se­rel­le pa­ri­gi­ne co­me le mo­del­le, po­sa per i gran­di fo­to­gra­fi e si fa don­na im­ma­gi­ne di un’in­tel­li­gen­te cam­pa­gna mon­dia­le che chie­de di non ri­nun­cia­re ai vac­ci­ni, vie­ne ri­trat­ta co­me un qua­dro dai gior­na­li­sti di tut­te le te­sta­te ita­lia­ne, ora Ren­zi la por­ta da Oba­ma co­me una del­le quat­tro gran­di ce­le­bri­tà de­gne di rap­pre­sen­ta­re l’Ita­lia e nel viag­gio duet­ta con Be­ni­gni… dob­bia­mo con­ti­nua­re?

Sia ben chia­ro, se lo me­ri­ta. Il ta­len­to del­la vi­ta è il ta­len­to dei ta­len­ti, quel­lo che li rias­su­me tut­ti: dal­le abi­li­tà fi­si­che e ca­rat­te­ria­li a quel­le emo­ti­ve e cul­tu­ra­li. Sia ben chia­ro che quel­lo che la me­nin­gi­te le ha tol­to do­vreb­be es­ser­le re­sti­tui­to con gli in­te­res­si e non sa­rà mai ab­ba­stan­za. Se lo me­ri­ta per­ché l’ab­bia­mo sen­ti­ta di­re che og­gi non ha più bi­so­gno di es­se­re aiu­ta­ta ma è lei che de­ve aiu­ta­re gli al­tri: ap­pa­re co­me una gran­de sor­gen­te di spe­ran­za, una fon­te di ener­gie per chiun­que ab­bia una qual­che dif­fi­col­tà; un esem­pio di co­me al­la not­te se­gua il gior­no e a una se­con­da not­te ne se­gua un al­tro an­co­ra più splen­den­te. Ep­pu­re. Ep­pu­re qual­che ti­mo­re le­ga­to al sal­to nell’iper­spa­zio, a una so­vrae­spo­si­zio­ne sen­za pre­ce­den­ti, non si può non con­si­de­ra­re. Ma­ga­ri un gior­no di­ven­te­rà pre­si­den­te del Co­ni o pre­si­den­te del Con­si­glio e met­te­re le ma­ni avan­ti non ser­ve a nul­la, ma­ga­ri se aves­se con­di­vi­so si­mi­li pen­sie­ri non avreb­be con­qui­sta­to tut­to que­sto, ma il nuo­vo pal­co­sce­ni­co pre­sen­ta an­che qual­che in­si­dia. Ab­bia­mo pau­ra per lei. Uno co­me Ma­ra­do­na, che per il suo ta­len­to era iden­ti­fi­ca­to co­me di­vi­ni­tà, a for­za di dir­gli che era Dio se n’è con­vin­to e si è cac­cia­to in un sac­co di guai pur par­ten­do da un’in­do­le buo­na. E quan­do non si è cac­cia­to nei guai lui ci han­no pen­sa­to gli al­tri a tra­sci­nar­lo. So­no le in­si­die olim­pi­che (ba­da­te be­ne, non pa­ra­lim­pi­che) di chiun­que bus­sa al­la por­ta san­ta del­la po­po­la­ri­tà, in­si­die che non si so­no an­co­ra ma­ni­fe­sta­te ma so­lo in­tui­te (per esem­pio le­ga­te all’are­na po­li­ti­ca) e dal­le qua­li an­drà pro­tet­ta. Ha so­lo 19 an­ni e sta en­tran­do in un mon­do che non po­trà più con­trol­la­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.