LO SVI­LUP­PO È TOR­NA­TO IN CIT­TÀ

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Gi­gi Co­piel­lo

Gli an­ti­chi co­strui­va­no stra­de e pian­ta­va­no cit­tà. Do­ve­va­no cre­sce­re, di­ven­ta­re gran­di cit­tà. In ter­ri­to­ri sel­vag­gi e spes­so osti­li, non ca­stel­li o roc­che, ma gran­di in­se­dia­men­ti ci­vi­li. Quan­to gran­di fos­se­ro, lo te­sti­mo­nia l’Are­na di Ve­ro­na, che è se­de di una del­le più gran­di sta­gio­ni mu­si­ca­li al mon­do. A Vi­cen­za, l’an­fi­tea­tro ro­ma­no, che è so­lo un emi­ci­clo ed è ben vi­si­bi­le nel­le fat­tez­ze del tea­tro Ber­ga, po­te­va ospi­ta­re 5.000 spet­ta­to­ri, con­tro i 470 dell’ Olim­pi­co ri­na­sci­men­ta­le e i 910 del nuo­vis­si­mo Co­mu­na­le. I mo­der­ni han­no con­ti­nua­to a co­strui­re stra­de, che por­ta­va­no in zo­ne in­du­stria­li e, più re­cen­te­men­te, com­mer­cia­li. Ma nep­pu­re i mo­der­ni so­no eter­ni e co­sì la Val­da­sti­co Sud ri­ma­ne de­ser­ta, co­me le zo­ne in­du­stria­li al­le usci­te del­la stes­sa. Suc­ce­de, in­fat­ti, che i flus­si si sia­no ca­po­vol­ti. Un tem­po si an­da­va dal cen­tro, do­ve si abi­ta­va, al­le pe­ri­fe­rie do­ve si la­vo­ra­va. Non più. Ba­sta ag­gi­rar­si at­tor­no a Pa­do­va ne­gli ora­ri ca­no­ni­ci per im­bat­ter­si al mat­ti­no in lun­ghis­si­me co­de che con­du­co­no de­ci­ne di mi­glia­ia di per­so­ne a la­vo­ra­re in cen­tro, per poi far­le usci­re in lun­ghis­si­me co­de ver­so ca­sa, la se­ra. Lo svi­lup­po è tor­na­to in cit­tà. Al cen­tro del­le cit­tà. E più gran­di so­no, più cre­sco­no. Sta qui, tut­to qui, il «mi­ra­co­lo» di Mi­la­no, che ci ha re­tro­ces­si a pe­ri­fe­ria. Sia­mo co­sì tor­na­ti do­ve sia­mo par­ti­ti: pe­ri­fe­ria di Mi­la­no.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.