«Non è un film po­li­ti­cal­ly cor­rect»

Pao­li­ni al­la pre­sen­ta­zio­ne del film «La pel­le dell’or­so», trat­to da Ri­ghet­to

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Spettacoli - Francesco Ver­ni © RIPRODUZIONE RISERVATA

«Non è sta­to l’or­so a mor­der­lo, so­no sta­to io», scher­za Mar­co Pao­li­ni ie­ri se­ra al Mul­tia­stra di Pa­do­va per l’an­te­pri­ma de La pel­le dell’or­so. Lo fa in­di­can­do il brac­cio al col­lo di Leo­nar­do Ma­son, quat­tor­di­cen­ne di Fel­tre scel­to per in­ter­pre­ta­re Domenico tra al­tri cen­to can­di­da­ti al ruo­lo del fi­glio pro­ta­go­ni­sta del film. In quel­lo del pa­dre c’è Mar­co Pao­li­ni, per la pri­ma nel ruo­lo da pro­ta­go­ni­sta di un film.

La pel­le dell’or­so di Mar­co Se­ga­to, al de­but­to per un lun­go­me­trag­gio di fic­tion, è trat­to dal romanzo di Mat­teo Ri­ghet­to (Guan­da, 156 pa­gi­ne, 14 eu­ro), ma do­po l’an­te­pri­ma di ie­ri sa­rà nel­le sa­le dal 3 no­vem­bre. Pri­ma era sta­to già vi­sto al Mon­treal World Film Festival ad ago­sto, poi al Festival An­ne­cy Ci­né­ma Ita­lien do­ve si è por­ta­to a ca­sa due pre­mi, e an­co­ra, po­chi gior­ni fa, al Bu­san In­ter­na­tio­nal Film Festival in Sud Co­rea.

«Quan­do l’ho gi­ra­to pen­sa­vo a quei film visti da ra­gaz­zo che mi han­no fat­to con­qui­sta­re dal ci­ne­ma – di­ce Mar­co Se­ga­to - film che ma­ga­ri, visti og­gi, non han­no lo spes­so­re del ca­po­la­vo­ro ma che pe­rò al­lo­ra pos­se­de­va­no quel­la magia uni­ca di far­ti in­na­mo­ra­re dal ci­ne­ma: vor­rei che La pel­le dell’or­so fos­se “quel film” per tan­ti ra­gaz­zi che lo an­dran­no a ve­de­re».

La sto­ria del film, gi­ra­to a Zol­do, nel Bel­lu­ne­se, e pro­dot­to dal­la Jo­le­Film, è quel­la di un viag­gio che un pa­dre e un fi­glio fan­no as­sie­me, den­tro se stes­si co­sì co­me den­tro una fo­re­sta, al­la ricerca del «diavolo», un or­so che ter­ro­riz­za la co­mu­ni­tà fa­cen­do stra­ge del be­stia­me.

«Il film non è po­li­ti­cal­ly cor­rect - sot­to­li­nea Mar­co Pao­li­ni - per ave­re un sen­so edu­ca­ti­vo bi­so­gna scom­met­ter­ci». Ad an­ti­ci­pa­re l’an­te­pri­ma c’era sta­ta, nel tar­do po­me­rig­gio, una pro­ie­zio­ne per gli in­se­gnan­ti. Per­ché il film, co­me il li­bro, rac­con­ta quel pas­sag­gio esi­sten­zia­le in cui un ra­gaz­zo di­ven­ta uo­mo. «Il film è po­ten­te e de­li­ca­to, due co­se che amo in nar­ra­ti­va - sot­to­li­nea il ro­man­zie­re e in­se­gnan­te Mat­teo Ri­ghet­to - la co­sa bel­la che que­sto è un rac­con­to di for­ma­zio­ne sia per il fi­glio quan­to lo è per il pa­dre».

Un romanzo e ora un film di for­ma­zio­ne, do­ve il pa­dre è Pao­li­ni e il fi­glio è in­ter­pre­ta­to da Leo­nar­do Ma­son, per­fet­ta­men­te con­vin­cen­te nel­la par­te. «Quan­do ho ini­zia­to a gi­ra­re ave­vo 13 an­ni e sin­ce­ra­men­te ave­vo tan­ta pau­ra - di­ce il gio­va­ne fel­tri­no con un brac­cio al col­lo - que­sta espe­rien­za non la di­men­ti­che­rò mai, ri­mar­rà sem­pre con me, mi ha da­to tan­to e co­me per il mio per­so­nag­gio, mi ha fat­to cre­sce­re».

Una sce­na del film «La pel­le dell’or­so» di Mar­co Se­ga­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.