VE­RO­NA

La se­na­tri­ce tra­di­sce en­tu­sia­smo ma fre­na le pa­ro­le: «Re­sta un pia­no B». Il no­do ter­zo man­da­to

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Mat­teo So­rio © RIPRODUZIONE RISERVATA Sul web Au­dio e vi­deo di Bi­si­nel­la in­ter­vi­sta­ta a «Un gior­no da pe­co­ra» su www.cor­rie­re del­ve­ne­to.it

«Di­spo­ni­bi­le a fa­re il can­di­da­to sin­da­co, ma ora la­vo­ria­mo al ter­zo man­da­to». Co­sì Pa­tri­zia Bi­si­nel­la, com­pa­gna di To­si.

VE­RO­NA «È pre­sto…». La vo­ce qua­si si na­scon­de. «E co­mun­que pun­tia­mo al ter­zo man­da­to di Fla­vio…». Sì, okay, pe­rò. «Pe­rò si sta ra­gio­nan­do sul pia­no B, sì». Ora di pran­zo. La se­na­tri­ce tre­vi­gia­na Pa­tri­zia Bi­si­nel­la, 46 an­ni, com­pa­gna di vi­ta e di par­ti­to (Fa­re!) del sin­da­co di Ve­ro­na, Fla­vio To­si, ca­pi­sce su­bi­to do­ve si vuol an­da­re a pa­ra­re. Ha let­to di mat­ti­na pre­sto il Cor­rie­re di Ve­ro­na e la no­ti­zia del gior­no: nel ca­so di un To­si im­pos­si­bi­li­ta­to a ri­pre­sen­tar­si per il ter­zo man­da­to, nel gio­co del to­to­sin­da­co per le pros­si­me ele­zio­ni co­mu­na­li è spun­ta­to il suo no­me, che pa­re ades­so il più get­to­na­to al­la can­di­da­tu­ra do­po quel­li già cir­co­la­ti di Fa­bio Ven­tu­ri, pre­si­den­te di Ag­sm, e Ste­fa­no Ca­sa­li, ca­po­grup­po in Re­gio­ne. Don­na del gior­no, la Bi­si­nel­la che ri­spon­de al te­le­fo­no è una Bi­si­nel­la pru­den­te. Al mas­si­mo la­scia in­ten­de­re quel che di­rà po­co più tar­di ai mi­cro­fo­ni di Ra­dio 1, ospi­te del pro­gram­ma Un Gior­no da Pe­co­ra: «Se mi pia­ce­reb­be can­di­dar­mi? Cer­ta­men­te. Io co­mun­que, a pre­scin­de­re da que­sto, sa­rò del­la par­ti­ta, da­rò una ma­no».

Buon­gior­no, se­na­tri­ce Bi­si­nel­la: sa per­ché la chia­mia­mo?

«Eh, lo so, per la no­ti­zia di og­gi (ri­de, ndr). Quan­do ab­bia­mo let­to il Cor­rie­re di Ve­ro­na io e Fla­vio sia­mo ri­ma­sti sor­pre­si. Ci sia­mo scam­bia­ti de­gli sms, lui mi ha chie­sto se ave­vo let­to, io gli ho ri­spo­sto che sta­vo leg­gen­do in quel mo­men­to, poi m’ha det­to che è an­co­ra trop­po pre­sto per par­lar­ne».

Può dir­ci al­me­no quand’è sta­ta la pri­ma vol­ta che il sin­da­co To­si le ha ac­cen­na­to l’idea di una sua even­tua­le can­di­da­tu­ra?

«La ve­ri­tà è che l’im­pe­gno no­stro, di noi tut­ti, è la­vo­ra­re al pos­si­bi­le ter­zo man­da­to di Fla­vio. Poi lui sta ra­gio­nan­do an­che su un even­tua­le pia­no B. E se sa­rà il ca­so di adot­tar­lo, ne par­le­rà lui con la squa­dra, ne par­le­re­mo in­sie­me: di cer­to la scel­ta di un nuo­vo can­di­da­to­sin­da­co si pre­sen­te­rà so­lo qua­lo­ra ci si do­ves­se pas­sa­re, a quel pia­no B».

Co­mun­que è usci­ta la no­ti­zia: nel ca­so, po­treb­be es­se­re lei la can­di­da­ta.

«È usci­ta la no­ti­zia, ma c’è an­co­ra tem­po (con to­no di vo­ce se­rio, ndr). Aspet­tia­mo di ve­de­re co­sa suc­ce­de. L’ipo­te­si di un ter­zo man­da­to di Fla­vio non è co­sì re­mo­ta. Chia­ro che io so­no al ser­vi­zio del mo­vi­men­to, per da­re una ma­no, a pre­scin­de­re. Mi sta a cuo­re, Ve­ro­na. Ci abi­to da due an­ni. Gi­ran­do con Fla­vio, con­di­vi­den­do con lui an­che la po­li­ti­ca, sto vi­ven­do da den­tro ogni que­stio­ne ve­ro­ne­se. E so­no sem­pre tra la gen­te, che mi sta dan­do mol­to af­fet­to. Quin­di, pro­prio per­ché que­st’af­fet­to lo ri­cam­bio, mi met­to a di­spo­si­zio­ne».

Lei e To­si vi­ve­te in­sie­me po­co fuo­ri cit­tà, vi­ci­no a Mar­za­na…

«Sì, ades­so ho la re­si­den­za qui. So­no di­ven­ta­ta cit­ta­di­na ve­ro­ne­se. E vi­vo Ve­ro­na non so­lo in pre­sa di­ret­ta, ma da un os­ser­va­to­rio pri­vi­le­gia­to, es­sen­do la com­pa­gna del sin­da­co. L’ho già det­to: io e Fla­vio con­di­vi­dia­mo l’im­pe­gno po­li­ti­co e so­cia­le, so­no coin­vol­ta per for­za di co­se, ma so­prat­tut­to per scel­ta mia, per­ché ci ten­go, per­ché m’in­te­res­sa».

Che idea s’è fat­ta di Ve­ro­na?

«Cit­tà me­ra­vi­glio­sa (si en­tu­sia­sma, ndr). Che, è sot­to gli oc­chi di tut­ti, ha fat­to un cam­bia­men­to ra­di­ca­le ne­gli ul­ti­mi die­ci an­ni di buo­na am­mi­ni­stra­zio­ne. Un luo­go in­vi­dia­to dai tan­ti che ci ven­go­no, non so­lo tu­ri­sti: tut­ta gen­te che ri­ma­ne stu­pi­ta e col­pi­ta da co­me la cit­tà è te­nu­ta. Ha an­che un po­ten­zia­le enor­me, Ve­ro­na. Co­me cit­tà eco­no­mi­ca e fi­nan­zia­ria è se­con­da in Ita­lia, con pro­spet­ti­ve di cre­sci­ta. Le ser­ve un im­pe­gno co­stan­te sul fron­te del la­vo­ro, per­ché an­che lì può cre­sce­re mol­to».

E del­la mac­chi­na am­mi­ni­stra­ti­va co­mu­na­le che idea s’è fat­ta?

«Al di là del mio ruo­lo at­tua­le co­me se­na­tri­ce, non so­no nuo­va a com­pi­ti am­mi­ni­stra­ti­vi. So­no sta­ta con­si­glie­re co­mu­na­le dal 2010 al 2015, a Ca­stel­fran­co Ve­ne­to, e pre­si­den­te di una Com­mis­sio­ne sul­le pa­ri op­por­tu­ni­tà che ha mes­so in pie­di at­ti­vi­tà im­por­tan­ti sul fron­te so­cia­le, ve­di il te­ma del­la vio­len­za sul­le don­ne. So be­nis­si­mo co­sa vuol di­re muo­ve­re la mac­chi­na am­mi­ni­stra­ti­va».

Quin­di sa­reb­be pron­ta?

«È pre­sto per par­la­re, ma il mio sa­rà sem­pre e co­mun­que un con­tri­bu­to do­vu­to, a Ve­ro­na, lad­do­ve sia ne­ces­sa­rio e pos­si­bi­le. Un con­tri­bu­to da­to per pia­ce­re mio, per­ché mi sen­to di es­se­re a di­spo­si­zio­ne e que­sto a pre­scin­de­re da chi sa­rà la per­so­na che, in ca­so di pia­no B, an­drà a cor­re­re co­me can­di­da­ta. Per il re­sto, pen­so che gran par­te dei ve­ro­ne­si spe­ri nel­la pos­si­bi­li­tà di un ter­zo man­da­to di Fla­vio. Co­me lo spe­ria­mo tut­ti noi».

Il sin­da­co e «la fir­st la­dy» Fla­vio To­si con la com­pa­gna Pa­tri­zia Bi­si­nel­la

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.