La sor­pre­sa dei fe­de­lis­si­mi «Non se n’era mai par­la­to»

Pd e Cin­que Stel­le: «Pit­to­re­sca Di­na­sty ve­ro­ne­se»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - Lil­lo Al­de­ghe­ri © RIPRODUZIONE RISERVATA

VE­RO­NA Qual­cu­no si è me­ra­vi­glia­to, qual­cun al­tro no. I to­sia­ni sem­bra­no (più o me­no) fa­vo­re­vo­li men­tre le op­po­si­zio­ni co­min­cia­no ad al­za­re le bar­ri­ca­te. E la no­ti­zia da­ta ie­ri dal no­stro gior­na­le è si­cu­ra­men­te il te­ma po­li­ti­co del mo­men­to.

Par­lia­mo del­la pos­si­bi­le can­di­da­tu­ra a sin­da­co di Pa­tri­zia Bi­si­nel­la, com­pa­gna di Fla­vio To­si, sia in po­li­ti­ca che nel­la vi­ta pri­va­ta. E già ie­ri le rea­zio­ni si so­no sus­se­gui­te a va­lan­ga.

Tra i se­gua­ci di To­si, com­men­ti po­si­ti­vi, ma­ga­ri un fi­li­no… a den­ti stret­ti, co­me quel­lo di un al­tro big di cui si par­la co­me pos­si­bi­le can­di­da­to, il pre­si­den­te di Ag­sm (la mul­tiu­ti­li­ty di Ve­ro­na, che si oc­cu­pa del­la for­ni­tu­ra di ener­gia), Fa­bio Ven­tu­ri.

«Noi sia­mo an­co­ra con­vin­ti – ha det­to Ven­tu­ri – di po­ter ot­te­ne­re la pos­si­bi­li­tà di un ter­zo man­da­to, e so­lo do­po che la ri­can­di­da­tu­ra ri­sul­te­rà im­pos­si­bi­le di­scu­te­re­mo di un al­tro no­me». Quan­to al­la Bi­si­nel­la, Ven­tu­ri spie­ga che «tut­to quel­lo che vie­ne con­di­vi­so dal­la squa­dra, va be­nis­si­mo».

Pas­san­do da un pre­si­den­te all’al­tro, an­che quel­lo di Amia (l’azien­da pub­bli­ca dei ri­fiu­ti), An­drea Mi­glio­ran­zi, si mo­stra sor­pre­so. «Bi­si­nel­la – di­ce - è per­so­na senz’al­tro au­to­re­vo­le: re­sta pe­rò da ca­pi­re se sia so­lo una vo­ce di cor­ri­do­io, vi­sto che tra di noi non se n’è mai par­la­to. La se­na­tri­ce è ca­pa­ce, ha il suo ap­peal e pia­ce ma la no­stra li­nea è quel­la di ot­te­ne­re il ter­zo man­da­to: se non ci fos­se va­lu­te­re­mo, dia­lo­gan­do tra le va­rie com­po­nen­ti, la so­lu­zio­ne mi­glio­re.

E se tra que­ste ci fos­se la se­na­tri­ce non tro­ve­reb­be osta­co­li al­me­no dal mio pun­to di vi­sta».

Chi non è sor­pre­so per niente, è Vit­to­rio Di Dio, che ri­ven­di­ca di aver co­min­cia­to a par­la­re di que­sta ipo­te­si sin dal­la scor­sa esta­te e ag­giun­ge che «si­cu­ra­men­te avreb­be del­le buo­ne chan­ce». Men­tre Fran­ce­sco Span­ga­ro so­stie­ne che «sa­reb­be un va­lo­re ag­giun­to co­me can­di­da­ta-don­na ol­tre che per la sua in­tel­li­gen­za e per l’espe­rien­za po­li­ti­ca».

Sem­pre fra i to­sia­ni, Sal­va­to­re Pa­pa­dia spie­ga che «la Bi­si­nel­la ha le car­te in re­go­la: i can­di­da­ti vin­cen­ti non ci man­ca­no, e co­mun­que chi ci ama ci se­gui­rà sem­pre, e chi non ci sop­por­ta og­gi non ci sop­por­te­rà nean­che do­ma­ni, co­sì co­me non ci sop­por­ta­va nel 2012». E Gior­gio Pa­set­to ag­giun­ge che «la se­na­tri­ce è un’ot­ti­ma co­mu­ni­ca­tri­ce, ha una si­cu­ra ca­pa­ci­tà am­mi­ni­stra­ti­va e po­treb­be uni­re le mol­te ani­me del­la Li­sta To­si».

Dal fron­te del­le op­po­si­zio­ni, co­me ab­bia­mo scrit­to, è in­ve­ce già ini­zia­to il bom­bar­da­men­to.

Mi­che­le Ber­tuc­co, ca­po­grup­po del Pd a Pa­laz­zo Bar­bie­ri, se­de del Con­si­glio co­mu­na­le sca­li­ge­ro, iro­niz­za: «Spe­ro che la no­ti­zia non sia ve­ra – di­ce – per­ché un tem­po si fa­ce­va­no scel­te co­sì im­por­tan­ti do­po una di­scus­sio­ne e con una de­ci­sio­ne pre­sa all’in­ter­no dei par­ti­ti: ades­so in­ve­ce ri­schia­mo di sci­vo­la­re in una sor­ta di…Di­na­sty al­la ve­ro­ne­se».

Ric­car­do Sau­ri­ni (M5S) af­fer­ma che «sa­reb­be un mo­do di fa­re al­quan­to pit­to­re­sco» ag­giun­gen­do che «in ogni ca­so, peg­gio di quan­to ha fat­to To­si non po­trà mai fa­re».

E il se­na­to­re Ste­fa­no Ber­tac­co (Bat­ti­ti) tuo­na che «or­mai To­si con­si­de­ra Ve­ro­na co­me co­sa pro­pria: chis­sà – ag­giun­ge – se do­po la com­pa­gna sin­da­co, po­tre­mo ve­de­re in Agec (azien­da che ge­sti­sce gli edi­fi­ci co­mu­na­li, ndr) la ta­ta, in Ag­sm la zia, in Amia il cu­gi­no e co­sì via, men­tre fra po­co do­vre­mo aspet­tar­ci an­che l’abo­li­zio­ne del­le ele­zio­ni, so­sti­tui­te da una più con­so­na mo­nar­chia ere­di­ta­ria».

Fa­bio Ven­tu­ri Noi cre­dia­mo an­co­ra nel ter­zo man­da­to di Fla­vio ma tut­to ciò che vie­ne con­di­vi­so va be­ne Ste­fa­no Ber­tac­co E To­si chi met­te­rà poi nel­le mu­ni­ci­pa­liz­za­te Agec, Amia e Ag­sm? La ta­ta, la zia e suo cu­gi­no?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.