L’AL­FA­BE­TO DEL­LA COLLISIONE

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - di Ales­san­dro Ba­schie­ri

Vi­via­mo in una ter­ra do­ve il vi­ci­no s’in­fu­ria quan­do le bri­cio­le del­la to­va­glia ca­do­no di sot­to, il pen­sio­na­to sta die­ci an­ni in cau­sa con il bar all’an­go­lo per la mu­si­ca al­ta e l’au­to­mo­bi­li­sta ma­le­di­ce l’au­to len­ta che lo pre­ce­de. Ogni san­to gior­no. Sia­mo fat­ti co­sì, le ri­gi­di­tà fan­no par­te del­la so­cie­tà del be­nes­se­re e non pos­sia­mo pre­ten­de­re che la mat­ti­na di un gior­no qual­sia­si un ve­ne­to apra la por­ta e sor­ri­da a un afri­ca­no in cia­bat­te e cal­zon­ci­ni cor­ti co­per­to da un pa­stra­no di quar­ta ma­no. Raz­zi­smo? For­se c’en­tra fi­no a lì per­ché se quel­lo in pa­stra­no fos­se un «bian­co» l’uo­mo che ha aper­to il can­cel­lo di ca­sa e se l’è tro­va­to di fron­te chia­me­reb­be la po­li­zia gri­dan­do al ma­nia­co.

I pro­fu­ghi dan­no fa­sti­dio a pre­scin­de­re per­ché por­ta­no un mon­do al­tro nel no­stro e lo scar­to è di­ven­ta­to trop­po gran­de. C’è di­stan­za. Tut­to il re­sto - pa­ro­le, fra­si e pen­sie­ri so­no so­lo un ten­ta­ti­vo di ra­zio­na­liz­za­re che a qual­cu­no rie­sce be­ne e al­la mag­gio­ran­za no. Del re­sto il fa­sti­dio ri­spon­de ai sen­si. Lo pro­vi, non lo de­ci­di. Lo sen­ti, non lo ra­gio­ni. Per qual­cu­no è tal­men­te pic­co­lo che pas­sa­re ol­tre è fa­ci­le, per quel­lo del­la to­va­glia è una mon­ta­gna. E va com­pre­so an­che lui che ma­ga­ri è un rom­pi­sca­to­le ma al­lo stes­so tem­po è uno na­to e cre­sciu­to qui, in una so­cie­tà che gli ha mes­so in­tor­no una giun­gla di re­go­le.

L’al­fa­be­to del­la collisione in Ve­ne­to ha mil­le lettere. E lo ca­pi­sci quan­do os­ser­vi tam­po­na­men­ti emo­ti­vi a ca­te­na in un an­go­lo di cam­pa­gna na­sco­sto tra le pie­ghe del­le cit­tà, un’oa­si di pa­ce tra stra­de e au­to­stra­de che non si fer­ma­no mai. In un po­sto do­ve i pro­fu­ghi che scap­pa­no dal­le guer­re o sem­pli­ce­men­te cer­ca­no una vi­ta mi­glio­re non han­no mai fat­to (qual­cu­no di­reb­be an­co­ra) nien­te di ma­le.

Sia­mo a Zer­man, fra­zio­ne di Mo­glia­no. Uno de­gli ul­ti­mi na­scon­di­gli di un’im­men­sa area ur­ba­na che uni­sce Me­stre a Tre­vi­so. Per tro­va­re il cen­tro pro­fu­ghi de­vi es­se­re di lì o de­vi sa­pe­re. Nem­me­no le in­di­ca­zio­ni ba­sta­no. I cin­quan­ta mi­gran­ti, che a quan­to pa­re so­no di­ven­ta­ti cen­to­ven­ti nel­lo spa­zio di qual­che set­ti­ma­na, so­no ospi­ta­ti in un ex la­bo­ra­to­rio fo­to­gra­fi­co, poi di­ven­ta­to Bed and Break­fa­st «Ma­gno­lia» fin­ché sull’or­lo del­la chiu­su­ra il pro­prie­ta­rio ha ce­du­to al­la ten­ta­zio­ne: i pro­fu­ghi. Al­la fi­ne le ca­me­re era­no po­che e do­po qual­che me­se se n’é an­da­to pu­re lui la­scian­do tut­to al­la coo­pe­ra­ti­va Hi­lal. An­che la ca­sa do­ve vi­ve­va. Chis­sà se sa che il suo ar­chi­vio fo­to­gra­fi­co ora è ac­ca­ta­sta­to in giar­di­no co­me le­gna ba­gna­ta. A quan­to pa­re i mi­gran­ti era­no trop­pi e qual­cu­no, for­se lo­ro stes­si, ha pen­sa­to che non po­te­va re­sta­re den­tro.

Non è mai suc­ces­so nien­te qui a Zer­man, nien­te di nien­te. Vi­ci­no al­la strut­tu­ra i pro­fu­ghi pas­seg­gia­no con le ma­ni con­ser­te die­tro la schie­na co­me pen­sio­na­ti edu­ca­ti. Pri­ma a grup­pi di tre, ne­gli ul­ti­mi gior­ni in fi­la. So­no sem­pre di più. Gio­ca­no a cal­cio tut­to il gior­no, al mat­ti­no dal­la fi­ne­stra li puoi ve­de­re al­le­nar­si co­me le ve­re squa­dre di cal­cio pro­fes­sio­ni­sti­che, pro­va­re in grup­po gli scat­ti e le ri­pe­tu­te (nes­su­no ci to­glie dal­la te­sta che una buo­na fet­ta ven­ga qua col so­gno di fa­re il cal­cia­to­re pro­fes­sio­ni­sta). So­no tut­ti ma­schi sot­to la tren­ti­na, mol­ti col fi­si­co­ne. La se­ra can­ta­no e bal­la­no. Da qua­le fi­ne­stra si ve­do­no? Da quel­la dei vi­ci­ni che pe­rò so­no so­lo due: un pe­ri­to e un in­ge­gne­re, due che col raz­zi­smo non c’en­tra­no nul­la. Bor­bot­ta­no, nem­me­no pro­te­sta­no, ma so­no pre­oc­cu­pa­ti e av­vi­li­ti. Uno ha scrit­to una let­te­ra gar­ba­ta di­cen­do che la strut­tu­ra non è at­trez­za­ta per ospi­ta­re co­sì tan­te per­so­ne. Ne so­no ar­ri­va­te il dop­pio e l’al­tra not­te so­no spun­ta­ti i ca­mion e la gru a mon­ta­re i ba­gni chi­mi­ci.

An­che lo­ro, i vi­ci­ni, pro­va­no un sen­so di fa­sti­dio e di pau­ra ma non an­dran­no mai a fa­re le bar­ri­ca­te co­me a Go­ro. Tan­to­me­no in due. Ra­gion per cui quan­do dal Vi­mi­na­le in una se­ra d’au­tun­no è ar­ri­va­ta l’en­ne­si­ma chia­ma­ta pos­sia­mo ipo­tiz­za­re cos’ab­bia pen­sa­to il pre­fet­to (bi­so­gne­reb­be apri­re una pa­ren­te­si sui pre­fet­ti che una vol­ta fa­ce­va­no ri­ce­vi­men­ti in Bor­go Ca­vour e og­gi so­no ri­chie­sti di pre­sen­za 24 ore su

24 e di ca­pa­ci­tà ge­stio­na­li che de­vo­no rias­su­me­re quel­le dei ma­na­ger, dei di­ri­gen­ti chia­ma­ti al­lo sta­dio per l’or­di­ne pub­bli­co e un po’ an­che dei sin­da­ci). O se ci stia­mo spin­gen­do ol­tre e non sap­pia­mo cos’ab­bia real­men­te pen­sa­to il pre­fet­to sap­pia­mo co­sa ha fat­to. Ten­de a Mo­glia­no e cam­po at­trez­za­to per ospi­tar­ne un cen­ti­na­io, con buo­na pa­ce dell’ul­ti­ma di­ret­ti­va che di­ce­va di im­por­re i pro­fu­ghi so­lo ai Co­mu­ni che non li han­no.

Lì vi­ci­no c’è un cam­po da golf. An­zi ce ne sa­reb­be­ro due, il pre­sti­gio­so vil­la Con­dul­mer e il me­no no­to ma an­che più bel­lo cam­po a no­ve bu­che di Zer­man. Con­fi­na pro­prio con il B&B Ma­gno­lia, il cen­tro che fi­no a ie­ri ave­va sem­pre le por­te aper­te ma che ora è blin­da­to co­me un for­ti­no per la so­li­ta sto­ria che i po­chi so­no di­ven­ta­ti tan­ti e che dal­la vi­ci­na Mo­glia­no, am­mi­ni­stra­zio­ne Pd, si odo­no ru­mo­ri ne­mi­ci e pro­cla­mi di guer­ra. Lì al golf se la vi­vo­no be­ne ma con­fes­sa­no il fa­sti­dio. I pro­fu­ghi gi­ra­no per le au­to del par­cheg­gio. E no, non han­no mai ru­ba­to nul­la. E no, non disturbano il gio­co. Per ora. Ma quan­ti di­ven­te­ran­no? E se una don­na pas­sa vi­ci­no a cin­quan­ta ma­schio­ni che non fan­no all’amo­re da un an­no? E se lo­ro pas­sa­no vi­ci­no al Cayen­ne? E per­ché han­no tut­ti i te­le­fo­ni­ni? (Quel­la dei te­le­fo­ni­ni tra tut­ti i ten­ta­ti­vi di ra­zio­na­liz­za­re il fa­sti­dio è la più fol­le, i pro­fu­ghi re­sta­no più po­ve­ri dei ter­re­mo­ta­ti di Ama­tri­ce e quel te­le­fo­ni­no è tut­to quel­lo che han­no: si­gni­fi­ca mam­ma, pa­pà, fa­mi­glia, ca­sa).

Lì sul cam­po da golf si muo­ve un briz­zo­la­to con la po­lo - ma­ga­ri un in­du­stria­le, ma­ga­ri so­lo uno che ha la­vo­ra­to una vi­ta in­te­ra per go­der­si que­sti an­ni - e si ri­vol­ge al mae­stro chie­den­do per­ché dia­vo­lo il grup­po di gio­ca­to­ri al­la bu­ca 9 è fat­to da cin­que per­so­ne e non quat­tro (pa­re ci sia una re­go­la non più di quat­tro). Pro­va fa­sti­dio per i suoi bor­ghe­sis­si­mi com­pa­gni di gio­co che non ri­spet­ta­no la pro­ce­du­ra. Tut­ti lo guar­da­no pie­to­si fin­gen­do con la te­sta di as­se­con­da­re il rim­pro­ve­ro. Lo­ro quel fa­sti­dio non lo sen­to­no ma non è que­sto il pun­to: po­trà mai que­sto briz­zo­la­to ac­cet­ta­re la mu­si­ca al­ta di un cen­tro pro­fu­ghi? E po­tre­mo mai chie­de­re al pro­fu­go di non cal­pe­sta­re l’er­ba del cam­po da golf? E se dav­ve­ro qual­cu­no in­fran­ges­se una re­go­la di non vio­len­za, non so­lo la re­go­li­na, co­sa suc­ce­de­reb­be? Pos­sia­mo esclu­der­lo?

Sia­mo in collisione. E giu­sto o sba­glia­to che sia, og­gi non la pos­sia­mo evi­ta­re per­ché quell’al­fa­be­to ha trop­pe lettere. Il re­gi­sta Paul Hag­gis, pre­mio Oscar 2006 con «Cra­sh-con­tat­to fi­si­co», ci ave­va già pen­sa­to rac­con­tan­do co­me i tam­po­na­men­ti a ca­te­na, an­che raz­zia­li, che ge­ne­ra­no e in­trec­cia­no le no­stre vi­te non si pos­so­no go­ver­na­re del tut­to. Ma noi pos­sia­mo pas­sa­re avan­ti e for­se que­sta è dav­ve­ro l’uni­ca via da per­cor­re­re. A ben pen­sar­ci pe­rò nem­me­no lui era in gra­do di ga­ran­ti­re il lie­to fi­ne al suo film, che re­sta­va aper­to.

Cra­sh, sia­mo in collisione.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.