Car­lo e Gior­gio La cop­pia co­mi­ca de­but­ta al Ver­di

I due di co­mi­ci og­gi al Ver­di di Pa­do­va. Se­ra­te a Bo­lo­gna e Man­to­va

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Ver­ni

«Ades­so che han­no sco­per­to que­sti pia­ne­ti ge­mel­li, ab­bia­mo già pre­so i con­tat­ti per por­ta­re lo spet­ta­co­lo an­che là: l’uni­co pro­ble­ma è la tem­pe­ra­tu­ra che va dai ze­ro ai 100 gra­di, dob­bia­mo an­co­ra ca­pi­re co­sa met­te­re in va­li­gia». Car­lo e Gior­gio, ci scher­za­no su. E non po­treb­be­ro fa­re al­tri­men­ti vi­sto il me­stie­re che fan­no. Cer­to è che «I mi­glio­ri dan­ni del­la no­stra vi­ta», spet­ta­co­lo che ha de­but­ta­to a no­vem­bre 2015, ha se­gna­to una nuo­va stra­da per il duo di co­mi­ci mu­ra­ne­si for­ma­to da Car­lo D’Al­paos e Gior­gio Pu­stet­to. Tan­to è che in Ve­ne­to la lun­ghis­si­ma tour­née toc­che­rà og­gi, per la pri­ma vol­ta in car­rie­ra, il tea­tro Ver­di di Pa­do­va, e sbar­che­rà fuo­ri re­gio­ne con una da­ta a Bo­lo­gna (il 9 mar­zo) e una Man­to­va (22 apri­le), nel pre­sti­gio­so tea­tro Bi­bie­na di Man­to­va (ca­len­da­rio com­ple­to su www.car­loe­gior­gio.it).

Tan­tis­si­me da­te già fat­te per «I mi­glio­ri dan­ni del­la no­stra vi­ta», e tan­tis­si­me an­co­ra da fa­re. Ma quel­le di Bo­lo­gna e Man­to­va per voi sa­ran­no spe­cia­li?

Gior­gio: «Que­ste da­te so­no im­por­tan­tis­si­me per noi. Sia­mo con­ten­ti non so­lo del­la lon­ge­vi­tà di que­sto spet­ta­co­lo, che stia­mo por­tan­do in gi­ro da un bel pez­zo, ma del fat­to che è ri­chie­sto in tea­tri co­me il Ver­di e per­fi­no fuo­ri re­gio­ne».

Co­me mai que­sto sal­to è av­ve­nu­to pro­prio con «I mi­glio­ri dan­ni del­la no­stra vi­ta»?

Car­lo: «È uno spet­ta­co­lo che si pre­sta me­glio di al­tri, sia per la lin­gua che per il lin­guag­gio. Per la lin­gua per­ché è in­te­ra­men­te in ita­lia­no, per il lin­guag­gio per­ché trat­tia­mo di ar­go­men­ti uni­ver­sa­li e per­ché non ci so­no bat­tu­te e pas­sag­gi sull’at­tua­li­tà im­me­dia­ta, co­sa che per­met­te al­lo spet­ta­co­lo di es­se­re lon­ge­vo».

Nel­la vostra car­rie­ra, più che ven­ten­na­le, il Ver­di e le da­te fuo­ri re­gio­ne so­no un pas­so im­por­tan­te?

Gior­gio: «Un pas­so vo­lu­to e ob­bli­ga­to. Vo­glia­mo am­plia­re i no­stri oriz­zon­ti, per quan­to il Nord Est ri­man­ga il nostro or­ti­cel­lo pre­fe­ri­to: la no­stra vo­lon­tà è quel­la di an­da­re da Trie­ste in giù, co­me can­ta­va qual­cu­no».

Car­lo: «Un pic­co­lo pas­so per Car­lo e Gior­gio, un gran­de pas­so per il pub­bli­co».

Sta­se­ra sa­re­te per la pri­ma vol­ta al Ver­di di Pa­do­va, sa­rà una da­ta co­me tan­te?

Gior­gio: «Ne­gli ul­ti­mi an­ni il nostro la­vo­ro sta pren­den­do una cer­ta di­re­zio­ne che vor­re­mo pro­se­gui­re per tan­to tem­po. Es­se­re al Ver­di per noi è un gran­de ono­re, è uno spa­zio ve­ra­men­te im­por­tan­te».

Vi sen­ti­te di aver rag­giun­to una ma­tu­ri­tà au­to­ria­le con «I mi­glio­ri dan­ni del­la no­stra vi­ta»?

Gior­gio: «Tut­to quel­lo che ab­bia­mo fat­to è sta­to una lun­ga pa­le­stra. Ab­bia­mo ini­zia­to con l’asi­lo, poi le ele­men­ta­ri, le me­die e li­ceo: ades­so ci sia­mo iscrit­ti all’uni­ver­si­tà... ma poi fi­ni­ta la lau­rea tro­ve­re­mo un po­sto di la­vo­ro?»

Car­lo: «Poi bi­so­gna ve­de­re se riu­scia­mo a lau­rear­ci...».

Qual è la co­sa che in que­sti an­ni vi ha re­so più fie­ri?

Car­lo: «Quan­do ci ri­co­no­sco­no a fi­ne spet­ta­co­lo che non fac­cia­mo uso di pa­ro­lac­ce e vol­ga­ri­tà per far ri­de­re. Ci fa mol­to pia­ce­re vi­sto che è una no­stra scel­ta pre­ci­sa. Una vol­ta poi un si­gno­re ci ha la­scia­to un bi­gliet­ti­no con scrit­to “so­no en­tra­to che ave­vo 75 an­ni e so­no usci­to che ne ave­vo 25”».

Sta­te già la­vo­ran­do ad un nuo­va ope­ra tea­tra­le?

Gior­gio: «Sia­mo già al la­vo­ro su un nuo­vo pro­get­to. Fra qual­che me­se ve­drà la lu­ce, en­tro l’an­no di si­cu­ro».

Car­lo: «E sic­co­me sia­mo mol­to avan­ti, al mo­men­to si chia­ma “nuo­vo pro­get­to”».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.