Dal­le me­da­glie al­la cel­la, Ifeo­ma tor­na a spe­ra­re

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - di An­drea Prian­te

VE­NE­ZIA «È sta­to un be­ne che mi ab­bia­mo pre­sa. Se non mi aves­se­ro ar­re­sta­ta pro­ba­bil­men­te sa­rei sta­ta uc­ci­sa da qual­che tu­ni­si­no ris­so­so…». In­ve­ce è vi­va. E se si guar­da in­die­tro, og­gi che è rin­chiu­sa nel car­ce­re fem­mi­ni­le di Ve­ne­zia, Ifeo­ma Ozoe­ze può ri­ve­de­re la gio­ven­tù dei re­cord, del­le me­da­glie, del­le tri­bu­ne piene di ti­fo­si. Ma an­che gli an­ni suc­ces­si­vi del­la co­cai­na, dei fur­ti, di quan­do di­ven­ne uno dei fan­ta­smi che po­po­la­va­no via Anel­li e le al­tre cen­tra­li ve­ne­te del­lo spac­cio di dro­ga.

«Que­sti an­ni so­no tut­ti qui con me, a dar vi­ta a quel­lo che so­no in que­sto pre­sen­te». A 45 an­ni ha im­pie­ga­to le ore tra­scor­se in cel­la per scri­ve­re un li­bro in­ti­to­la­to «Per­ché» (edi­zio­ni Mas­so del­le Fa­te) nel qua­le ri­per­cor­re la sua pa­ra­bo­la che l’ha por­ta­ta dal­le stel­le all’in­fer­no, fi­no a ri­ve­de­re uno spi­ra­glio di lu­ce.

Fi­glia di un gi­ne­co­lo­go ni­ge­ria­no e del­la pre­si­de del­la Fa­col­tà di Let­te­re, Sil­va­na Col­lo­do, è cre­sciu­ta in una gran­de ca­sa a Pa­do­va. A vent’an­ni sem­bra­va ave­re tut­to: le scuo­le mi­glio­ri, gli ami­ci e il suc­ces­so. Per­ché Ifeo­ma, nel­la sua pri­ma vi­ta, era so­prat­tut­to un’atle­ta spe­cia­liz­za­ta nel­le pro­ve mul­ti­ple, le più dif­fi­ci­li e fa­ti­co­se: cam­pio­nes­sa na­zio­na­le di ep­ta­thlon nel 1990, tre vol­te pri­ma­ti­sta ita­lia­na nel pen­ta­thlon in­door (1989, 1991, 1992), la par­te­ci­pa­zio­ne ai Mon­dia­li di To­kyo nel 1991 e l’ot­ta­vo po­sto agli Eu­ro­pei l’an­no suc­ces­si­vo. «Si era qua­li­fi­ca­ta per le Olim­pia­di di Bar­cel­lo­na del ’92 - rac­con­ta la ma­dre - ma pri­ma di par­ti­re si lus­sò una spal­la. Fu ope­ra­ta ma non si ri­pre­se più, o al­me­no non del tut­to: im­pa­rò cos’era la pau­ra di ga­reg­gia­re. Il crol­lo di mia fi­glia, for­se, co­min­ciò pro­prio da lì».

In­tan­to pe­rò la sua vi­ta an­da­va avan­ti. Vin­se una bor­sa di stu­dio per me­ri­ti spor­ti­vi e si tra­sfe­rì in Ame­ri­ca. «A 24 an­ni - ri­cor­da nel li­bro - ero iscrit­ta all’uni­ver­si­tà di Ber­ke­ly. Tut­to an­da­va be­ne. Stu­dia­vo, so­ste­ne­vo esa­mi, ed eb­bi la sod­di­sfa­zio­ne di vin­ce­re nel 1995 i cam­pio­na­ti uni­ver­si­ta­ri del­la Ca­li­for­nia». Poi la cri­si. De­pres­sio­ne e psi­co­si.

La cam­pio­nes­sa, all’im­prov­vi­so, pa­re­va im­paz­zi­ta. La dro­ga fu il pas­so suc­ces­si­vo. Tor­na­ta in Ita­lia «fa­ce­vo uso di co­cai­na e an­da­vo a cac­cia di sol­di per pro­cu­rar­me­la». Ru­ba­va di tut­to. «Una vol­ta so­no an­da­ta nel pa­laz­zo in cui la­vo­ra­va mia ma­dre per chie­der­le sol­di, lei non c’era e ho cer­ca­to di por­tar via un com­pu­ter». Fug­gì ma, te­men­do una de­nun­cia, non tro­vò di me­glio che tor­na­re in­die­tro e pun­ta­re una pi­sto­la fin­ta con­tro le se­gre­ta­rie. La ram­pol­la del­la bor­ghe­sia pa­do­va­na con il fi­si­co sta­tua­rio era sva­ni­ta: la dro­ga – co­me mo­stra­no le foto se­gna­le­ti­che dell’epo­ca l’ave­va già tra­sfor­ma­ta in un’al­tra per­so­na. «Bar­da­ta di pier­cing su tut­ta la fac­cia, ma­gra da far spa­ven­to, gli oc­chi pe­ne­tran­ti. Al col­lo ave­vo un dop­pio col­la­re di per­le e bor­chie e un vi­lup­po di ca­te­ne. Pan­ta­lo­ni strac­cia­ti, an­fi­bi, in ma­no un fru­sti­no», rac­con­ta.

Gli an­ni suc­ces­si­vi fu­ro­no se­gna­ti da­gli ar­re­sti. Nel 2008 ra­pi­nò un’in­fer­mie­ra e poi ten­tò di estor­ce­re del de­na­ro e nel 2011 fi­nì in ma­net­te per fur­to di te­le­fo­ni­ni. Nel frat­tem­po in­cas­sa­va una se­rie di con­dan­ne in tri­bu­na­le.

Iro­nia del de­sti­no, a ti­rar­la fuo­ri da quel vor­ti­ce fu pro­prio il cu­mu­lo del­le pe­ne in­flit­te dai giu­di­ci. Si ri­tro­vò a scon­tar­le tut­ti in­sie­me, e lo sta an­co­ra fa­cen­do. Ne avrà al­me­no fi­no all’esta­te pros­si­ma, an­che se nel frat­tem­po si ag­giun­ge­ran­no pro­ba­bil­men­te al­tre sen­ten­ze.

Ma è pro­prio in car­ce­re che è ini­zia­ta la ter­za vi­ta di Ifeo­ma. «Ora le ac­que si so­no cal­ma­te e il mio or­go­glio ha avu­to una pri­ma riscossa», as­si­cu­ra in una let­te­ra al Cor­rie­re del Ve­ne­to. Par­la del­la Giu­dec­ca: «Due lun­ghi cor­ri­doi con 10 cel­le, cia­scu­na con sei-set­te po­sti, e all’ul­ti­mo pia­no l’in­fer­me­ria con 5 stan­ze, più quel­le adi­bi­te all’iso­la­men­to e le cel­le del­le re­clu­se in se­mi­li­ber­tà». La de­fi­ni­sce una pri­gio­ne-mo­del­lo, per­ché of­fre al­le de­te­nu­te la pos­si­bi­li­tà di la­vo­ra­re, stu­dia­re e spe­ra­re nel fu­tu­ro. «Og­gi mia fi­glia si è di­sin­tos­si­ca­ta, sta af­fron­tan­do un per­cor­so di re­cu­pe­ro e so­gna di fa­re la scrit­tri­ce», di­ce Sil­va­na Col­lo­do. Do­po tan­te de­lu­sio­ni, an­che que­sta in­se­gnan­te in pen­sio­ne ha ri­co­min­cia­to a spe­ra­re.

«Scri­ve­re è la mia pas­sio­ne più gran­de – con­fer­ma Ifeo­ma – e quan­do scri­vo mi di­men­ti­co di es­se­re in ga­le­ra». La­sciar­si l’in­fer­no al­le spal­le, è dif­fi­ci­le. Ma guar­dan­do­si ora, la car­ce­ra­ta che fu una cam­pio­nes­sa, può di­re di aver ri­tro­va­to la sua stra­da: «Ho re­cu­pe­ra­to un’al­tra vol­ta la fe­li­ci­tà».

Il pas­sa­to In al­to, due foto di Ifeo­ma pri­ma e do­po l’in­gres­so nel tun­nel del­la dro­ga. So­pra, du­ran­te una ga­ra di atle­ti­ca. A si­ni­stra, la ma­dre Sil­va­na Col­lo­do

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.