QUAR­TIE­RE FOR­TI­NO, TRE STRA­DE PER LA PO­LI­TI­CA

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - di Ste­fa­no Al­lie­vi

Un con­fi­ne ha una dop­pia fun­zio­ne: se­pa­ra, ma al con­tem­po uni­sce. Un’am­bi­gui­tà che sta nel­la sua stes­sa eti­mo­lo­gia: cum-fi­nis, la fi­ne che ab­bia­mo in co­mu­ne con gli al­tri, l’osta­co­lo che è ne­ces­sa­rio per po­ter es­se­re su­pe­ra­to. Non a ca­so le zo­ne di con­fi­ne so­no an­che zo­ne di at­tra­ver­sa­men­ti, di iden­ti­tà lin­gui­sti­che e cul­tu­ra­li co­mu­ni, di com­pli­ci­tà e di con­trab­ban­do. Ma una bar­rie­ra di tre me­tri in­tor­no a un quar­tie­re (co­me quel­la co­strui­ta a Tre­vi­so) non è un con­fi­ne: è so­lo un mu­ro. Che non uni­sce, ma se­pa­ra so­la­men­te. Che non ag­giun­ge, ma to­glie: la vi­sta, per­si­no, da am­bo i la­ti.

Che chiu­de: e non so­lo chiu­de fuo­ri – il di­ver­so, l’ina­spet­ta­to, l’im­pre­vi­sto (che so­no con­trat­tem­pi, ma an­che il sa­le del­la vi­ta); ma chiu­de an­che den­tro – la no­stra ca­sa, le no­stre abi­tu­di­ni, le no­stre con­vin­zio­ni. Sim­bo­li­ca­men­te, inol­tre, un luo­go chiu­so da un mu­ro è un luo­go do­ve c’è me­no ri­cam­bio, do­ve l’aria è più vi­zia­ta, al­la lun­ga ir­re­spi­ra­bi­le. So­lo che, a fu­ria di vi­ver­ci den­tro, ci si abi­tua che sia nor­ma­le. Con lo stes­so spi­ri­to con cui vi­via­mo chiu­si e se­pa­ra­ti nei vil­lag­gi tu­ri­sti­ci di pae­si che sa­reb­be­ro po­ve­ri, ma pre­fe­ria­mo non sa­per­lo. E quin­di ci chiu­dia­mo den­tro: a go­der­ci il ma­re, ma non un en­tro­ter­ra guar­da­to a vi­sta. Den­tro, lo spre­co e l’opu­len­za dei buf­fet; fuo­ri, la mi­se­ria e la fa­me. Nor­ma­le che qual­cu­no, tor­na­to a ca­sa, vo­glia ri­pro­dur­re l’espe­rien­za di quel­lo che con­si­de­ra il suo mo­men­to mi­glio­re. An­che se que­sta idea di quar­tie­re è con­trad­dit­to­ria con l’idea stes­sa di cit­tà: del­la qua­le ab­bia­mo im­pa­ra­to a di­re già nel Me­dioe­vo che «l’aria del­la cit­tà ren­de li­be­ri» (non a ca­so è im­pen­sa­bi­le im­ma­gi­na­re una me­tro­po­li eu­ro­pea, di quel­le che amia­mo an­da­re a vi­si­ta­re e in cui spes­so vor­rem­mo vi­ve­re, co­me una som­ma di quar­tie­ri chiu­si da un mu­ro). L’aria del quar­tie­re chiu­so scam­bia la li­ber­tà con la si­cu­rez­za. Sal­vo sco­pri­re che se non noi, i no­stri fi­gli, la li­ber­tà se l’an­dran­no a cer­ca­re pre­ci­sa­men­te nel­le cit­tà, e più so­no gran­di e aper­te me­glio è: in va­can­za all’ini­zio, co­me me­ta de­fi­ni­ti­va poi. Non stu­pi­sce che per cer­ti am­mi­ni­stra­to­ri la co­mu­ni­tà chiu­sa sia con­si­de­ra­ta un van­tag­gio: co­sta me­no che ga­ran­ti­re la si­cu­rez­za, che per un co­mu­ne do­vreb­be es­se­re un do­ve­re isti­tu­zio­na­le; ac­col­la la sua spe­sa sui pri­va­ti; e in più ti rin­gra­zia­no e ti ri­vo­ta­no – tri­plo gua­da­gno. Ma è sba­glia­to il mez­zo per­ché è sba­glia­ta la ge­rar­chia dei va­lo­ri, la sca­la del­le prio­ri­tà. Non so­lo per­ché pri­va­tiz­za un ter­ri­to­rio in ori­gi­ne co­mu­ne, e per­si­no la sua vi­sta. Ma per­ché ab­di­ca al­la fun­zio­ne prin­ci­pa­le del­la cit­tà: che è pre­ci­sa­men­te fa­vo­ri­re l’in­con­tro, il ri­me­sco­la­men­to (a co­min­cia­re dal­le idee) – che è la sua for­za e la sua ric­chez­za. Il ri­schio è una so­cie­tà di pro­gres­si­ve se­pa­ra­zio­ni: re­si­den­zia­le per clas­se di red­di­to, ma an­che la cit­ta­del­la dei gio­va­ni, quel­la dei vec­chi, del di­ver­ti­men­to, del­lo sport… E’ an­che il mo­del­lo del cen­tro com­mer­cia­le: con­trol­la­to, e in cui so con esat­tez­za co­sa tro­vo – so­lo, in­sop­por­ta­bi­le, se pen­sa­to co­me un de­sti­no. La ba­na­liz­za­zio­ne del ghet­to, e la sua per­ver­sio­ne in chiu­su­ra vo­lon­ta­ria: che ri­spon­de tut­ta­via a cer­te for­me di neo-tri­ba­liz­za­zio­ne e di in­su­la­riz­za­zio­ne – più dif­fu­se di quel che cre­dia­mo (i ric­chi con i ric­chi, i gay con i gay, le co­mu­ni­tà re­li­gio­se se­pa­ra­te tra lo­ro…). D’al­tro can­to la si­cu­rez­za per­ce­pi­ta dai rin­chiu­si di qua­lun­que ti­po è un’ar­ma a dop­pio ta­glio: fun­zio­na quan­do sei den­tro, ma rad­dop­pia la pau­ra quan­do sei fuo­ri, in un mon­do che non per­ce­pi­sci più tuo se ti abi­tui a pen­sa­re che il mon­do è fat­to di egua­li a te – un pa­ra­dos­so, ol­tre tut­to, in un’epo­ca di di­ver­si­tà ac­cre­sciu­te. Tut­ta­via la que­stio­ne va vi­sta prag­ma­ti­ca­men­te. C’è una do­man­da di mer­ca­to: che non può es­se­re del tut­to elu­sa, ma può es­se­re gui­da­ta. I co­mu­ni pos­so­no fa­re al­me­no tre co­se: a) fa­vo­ri­re i per­cor­si di so­cia­liz­za­zio­ne e at­tra­ver­sa­men­to, edu­ca­re al­la bel­lez­za de­gli in­cro­ci, ren­de­re pia­ce­vo­le la vi­ta del­la cit­tà (e quin­di non de­si­de­ra­bi­li que­sti quar­tie­ri); b) in­di­vi­dua­re li­nee gui­da di in­di­riz­zo, e far ri­spet­ta­re co­mun­que re­go­la­men­ti co­mu­na­li co­gen­ti (in cui, ad esem­pio, le re­cin­zio­ni non pos­sa­no su­pe­ra­re una de­ter­mi­na­ta al­tez­za, e non es­se­re del tut­to oc­clu­si­ve); c) di­sin­cen­ti­va­re que­sti mo­del­li co­strut­ti­vi, an­che at­tra­ver­so una fi­sca­li­tà dif­fe­ren­zia­ta e pe­na­liz­zan­te. Poi, se c’è chi pre­fe­ri­sce chiu­der­si – nel quar­tie­re, in ca­sa, nel­la vi­ta – non glie­lo si po­trà im­pe­di­re. Con­tia­mo che gli al­tri con­ti­nui­no ad es­se­re mol­ti di più.

Il mu­ro con­te­sta­to di «Bor­go San Mar­ti­no» a Tre­vi­so

Sul web Guar­da le foto del quar­tie­re blin­da­to di Tre­vi­so sul no­stro si­to web www.cor­rie­re­de lve­ne­to.it

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.