«Con­si­glie­ri, pa­ghe le­ga­te all’at­ti­vi­tà»

Re­gio­ne, la pro­po­sta di Ciam­bet­ti. Com­mis­sio­ne anti-ca­sta al la­vo­ro: un an­no per la nuo­va leg­ge

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Via­fo­ra

VE­NE­ZIA «Oc­cor­re in­di­vi­dua­re un pa­ra­me­tro per mi­su­ra­re il la­vo­ro di cia­scun con­si­glie­re: la pro­dut­ti­vi­tà e la pre­sen­za». È la pro­po­sta del pre­si­den­te dell’As­sem­blea re­gio­na­le, Ro­ber­to Ciam­bet­ti, sul te­ma del­la ri­du­zio­ne de­gli sti­pen­di dei con­si­glie­ri. Te­ma su cui è sta­to isti­tui­to un «grup­po di la­vo­ro» pre­sie­du­to da Ma­ri­no Fi­noz­zi (Le­ga). Sei le di­ver­se pro­po­ste di leg­ge, che do­vran­no es­se­re sin­te­tiz­za­te. «Un an­no di tem­po per ar­ri­va­re a un te­sto uni­co».

«Quan­do spie­go be­ne co­sa si­gni­fi­chi sta­re via an­che due gior­ni di fi­la fuo­ri re­gio­ne, co­me ho fat­to sa­ba­to e do­me­ni­ca scor­si, chi mi ascol­ta ca­pi­sce che il mio la­vo­ro non sia un di­ver­ti­men­to. Io, per esem­pio, do­ma­ni par­ti­rò al­le set­te di mat­ti­na da ca­sa e, se tut­to va be­ne, tor­ne­rò al­le no­ve di se­ra».

Ro­ber­to Ciam­bet­ti, le­ghi­sta, pre­si­den­te del con­si­glio re­gio­na­le, re­sta che i vo­stri sti­pen­di sia­no tra i più al­ti d’Ita­lia...

«Guar­da­te al net­to di quel­lo che fi­ni­sce nel­le no­stre ta­sche, non al lor­do. Ci vuo­le cor­ret­tez­za nel par­la­re di que­sti te­mi. Per­ché non di­te che stia­mo ri­spet­tan­do una leg­ge na­zio­na­le, quel­la vo­lu­ta dal go­ver­no Mon­ti, che ha in­tro­dot­to il tet­to lor­do?».

Un­di­ci­mi­la e cen­to eu­ro di sti­pen­dio ba­se per un con­si­glie­re. Lor­di, cer­to. A mol­ti pe­rò pa­re trop­po lo stes­so. Se­con­do lei quin­di è una re­tri­bu­zio­ne ade­gua­ta?

«Il le­gi­sla­to­re si oc­cu­pa di co­se de­li­ca­te, la sua at­ti­vi­tà ha ri­ca­du­te im­por­tan­ti sia in ter­mi­ni eco­no­mi­ci, che fi­nan­zia­ri. È la Co­sti­tu­zio­ne che di­ce che il le­gi­sla­to­re de­ve ave­re un’in­di­pen­den­za eco­no­mi­ca per non es­se­re sog­get­to a ten­ta­zio­ni. Ci so­no pres­sio­ni mol­to for­ti dall’ester­no...».

Il pun­to è la pro­por­zio­na­li­tà del­la pa­ga ri­spet­to al­le re­spon­sa­bi­li­tà...

«Ma scu­si, e il sot­to­scrit­to che fir­ma i con­trat­ti dei di­pen­den­ti o che por­ta in uf­fi­cio di pre­si­den­za de­li­be­re sull’or­ga­niz­za­zio­ne?»

D’ac­cor­do, ma i sem­pli­ci con­si­glie­ri? Nei Co­mu­ni ci so­no as­ses­so­ri che ri­schia­no la ga­le­ra per 900 eu­ro al me­se; men­tre lo stes­so non si può di­re di chi sie­de a Pa­laz­zo Fer­ro Fi­ni...

«Quan­do nel 2012 è sta­ta fat­ta que­sta leg­ge si ve­de che si era valutato che que­sto ti­po di for­bi­ce, mol­to ri­stret­ta, tra sem­pli­ci con­si­glie­ri re­gio­na­li e pre­si­den­te del­la Re­gio­ne fos­se ade­gua­ta».

Co­me pre­si­den­te ve­drà da vi­ci­no i suoi col­le­ghi la­vo­ra­re: con­cor­de­rà che non tut­ti ab­bia­no gli stes­si ca­ri­chi. Quin­di co­me fa­re?

«C’è gen­te che è ar­ri­va­ta in Con­si­glio con mi­glia­ia di pre­fe­ren­ze, che vuol di­re che ha già fat­to be­ne sul ter­ri­to­rio. Qual­cun al­tro, in­ve­ce, è ar­ri­va­to ma­ga­ri con me­no pre­fe­ren­ze, ma va più for­te in au­la. Se­con­do me oc­cor­re in­di­vi­dua­re un me­tro, un pa­ra­me­tro, per mi­su­ra­re il la­vo­ro di cia­scun con­si­glie­re».

È un pas­sag­gio im­por­tan­te: vuo­le di­re che sa­reb­be d’ac­cor­do, quin­di, nel le­ga­re le in­den­ni­tà dei con­si­glie­ri al­la lo­ro pro­dut­ti­vi­tà?

«Per chi fa que­sto la­vo­ro in ma­nie­ra to­ta­liz­zan­te pro­ba­bil­men­te la cor­re­spon­sio­ne at­tua­le è già ade­gua­ta. Per chi lo fa in ma­nie­ra più su­per­fi­cia­le, cioè par­te­ci­pa me­no ai la­vo­ri, for­se sì, an­dreb­be pa­ra­me­tra­ta all’ef­fet­ti­va par­te­ci­pa­zio­ne a Ve­ne­zia o sul ter­ri­to­rio. Di­rei quin­di pro­dut­ti­vi­tà, ma an­che pre­sen­za. Per­ché pos­so ca­pi­re che un con­si­glie­re di mi­no­ran­za pos­sa non ve­der­si ap­pro­va­te tut­te le leg­gi co­me uno di mag­gio­ran­za; ma se uno è pre­sen­te in Con­si­glio e fa in­ter­ro­ga­zio­ni mi­ra­te che non ser­va­no so­lo a riem­pi­re qual­che pa­gi­net­ta di gior­na­le, al­lo­ra è di­ver­so...».

La con­vin­ce l’equi­pa­ra­zio­ne del­le in­den­ni­tà dei con­si­glie­ri con quel­la del sin­da­co del ca­po­luo­go?

«Non cre­do che com­por­ti chis­sà qua­le ri­spar­mio. Per al­tro, co­me det­to, il le­gi­sla­to­re ha com­pi­ti di­ver­si. Ve­do me­glio piut­to­sto il con­fron­to con il le­gi­sla­to­re na­zio­na­le».

As­se­gno di fi­ne man­da­to e vi­ta­li­zio, li ter­reb­be en­tram­bi?

«L’as­se­gno esi­ste ovun­que, an­che nel par­la­men­to eu­ro­peo. Da noi è pu­re li­mi­ta­to ai due man­da­ti. Men­tre per quan­to ri­guar­da il vi­ta­li­zio sia­mo pas­sa­ti al si­ste­ma con­tri­bu­ti­vo, co­me pre­vi­sto dal­la leg­ge Mon­ti, che ha il suo equi­li­brio. Dob­bia­mo pen­sa­re che ri­tor­na­re al­la vi­ta pre­ce­den­te pos­sa an­che com­por­ta­re qual­che pro­ble­ma. E da quan­to so al­me­no 40 con­si­glie­ri su 50 so­no in aspet­ta­ti­va dal­le vec­chie oc­cu­pa­zio­ni».

Quan­to si aspet­ta che ven­ga ta­glia­to quin­di dal la­vo­ro del­la Com­mis­sio­ne?

«Sia chia­ro, non è che pos­sia­mo fa­re chis­sà qua­li pas­sag­gi epo­ca­li. Quan­do si po­te­va ri­spar­mia­re qual­co­sa lo si è fat­to. An­che guar­dan­do il co­sto de­gli al­tri con­si­gli re­gio­na­li non è che stia­mo sfi­gu­ran­do, an­zi. In­som­ma, non mi aspet­to nu­me­ri im­por­tan­ti. Ma­ga­ri qual­che se­gna­le, ma non ai li­vel­li di quel­lo che ab­bia­mo già fat­to ne­gli an­ni scor­si. Ol­tre un cer­to li­mi­te non si può an­da­re».

Ha ac­cen­na­to al­le al­tre Re­gio­ni. Emi­lia e Lom­bar­dia, pe­rò, han­no sti­pen­di più bas­si dei vo­stri...

«Do­vreb­be ve­de­re se nei si­ti del­le al­tre Re­gio­ni gli sti­pen­di sia­no chia­ri co­me da noi. Per­ché ri­pe­to il lor­do è una co­sa, il net­to è un’al­tra».

Voi le­ghi­sti vi rap­pre­sen­ta­te da sem­pre co­me par­ti­to an­ti­ca­sta. Non è che su que­sto te­ma, ades­so, ri­schia­te di es­se­re su­pe­ra­ti dai gril­li­ni?

«Non so se ci sia que­sto pe­ri­co­lo. Vo­glia­mo ri­cor­da­re il re­fe­ren­dum co­sti­tu­zio­na­le del­lo scor­so 4 di­cem­bre? La ri­du­zio­ne de­gli emo­lu­men­ti dei con­si­glie­ri re­gio­na­li era sven­to­la­ta co­me una ban­die­ra: mi pa­re non sia ser­vi­ta a mol­to. Il te­ma, ri­pe­to, an­dreb­be po­sto in ma­nie­ra cor­ret­ta. An­dreb­be spie­ga­to, per esem­pio, che l’an­no scor­so ab­bia­mo fat­to ol­tre 70 se­du­te in con­si­glio re­gio­na­le. Per cui so­no con­vin­to che l’as­sem­blea del Ve­ne­to al­la fi­ne stia in­ter­pre­tan­do al me­glio il ruo­lo di buo­na am­mi­ni­stra­zio­ne».

Esco di ca­sa al­le set­te di mat­ti­na e torno al­le no­ve di se­ra. Quan­do lo spie­go la gen­te ca­pi­sce quan­to la­vo­ria­mo dav­ve­ro

Pre­si­den­te Ro­ber­to Ciam­bet­ti, 52 an­ni, le­ghi­sta, gui­da in que­sta le­gi­sla­tu­ra il Con­si­glio re­gio­na­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.