Il Ve­ne­to in 5 mi­lio­ni di tweet Ve­ro­na fe­li­ce, Ve­ne­zia ar­rab­bia­ta

Uno stu­dio de­ci­fra emo­zio­ni e at­ti­tu­di­ni di 5 mi­lio­ni di cin­guet­tii. E i so­cio­lo­gi si di­vi­do­no

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Sil­via Ma­ria Du­bois

Ve­ro­na è la cit­tà più fe­li­ce del Ve­ne­to (e se­con­da d’Ita­lia), Ve­ne­zia è la più rab­bio­sa. Al­me­no da quan­to si po­sta su Twit­ter. Un grup­po di ri­cer­ca­to­ri mi­la­ne­si ha ana­liz­za­to l’al­go­rit­mo emo­zio­na­le di quei 5,5 mi­lio­ni di cin­guet­tii po­sta­ti dal­la no­stra re­gio­ne nel 2016. Ma so­cio­lo­gi si di­vi­do­no sul te­ma: «Ri­cer­ca im­por­tan­te, ma i da­ti del po­po­lo sul web so­no par­zia­li».

VE­NE­ZIA A Ove­st cin­guet­ta­no emo­zio­ni, ab­bon­dan­do di emo­ti­con, ad Est ur­la­no rab­bia, ri­fu­gian­do­si nell’idea ro­man­ti­ca di un con­te­sto la­gu­na­re che or­mai esi­ste so­lo in car­to­li­na. In mez­zo, un po­po­lo che si chi­na sul­la ta­stie­ra so­prat­tut­to per ro­ve­scia­re ma­lu­mo­ri sui po­li­ti­ci e che non brilla par­ti­co­lar­men­te in slan­ci amo­ro­si.

È que­sta una del­le nuo­ve fo­to­gra­fie del Ve­ne­to. È l’istan­ta­nea di Twit­ter: da lì, il grup­po di ri­cer­ca «Voi­ces from the Blogs», spin-off dell’Uni­ver­si­tà da­gli Stu­di di Mi­la­no, ha pre­so i 5,5 mi­lio­ni di tweet ar­ri­va­ti dal­la no­stra re­gio­ne nel 2016 e ne ha co­di­fi­ca­to le sen­sa­zio­ni. Ri­sul­ta­to: Ve­ro­na, con 1,2 mi­lio­ni di cin­guet­tii, si è ri­ve­la­ta la se­con­da cit­tà più fe­li­ce d’Ita­lia, do­po Fro­si­no­ne («è il cal­cio che ren­de fe­li­ci» il com­men­to di più di un ri­cer­ca­to­re).

«Che si trat­ti so­prat­tut­to di tu­ri­sti con­fe­ri­sce co­mun­que va­li­di­tà al­la ri­cer­ca, che fo­to­gra­fa quel­lo che c’è sta­to - spie­ga Lui­gi Cu­ri­ni, uno dei re­spon­sa­bi­li di Voi­ces -. An­che Mi­la­no, l’an­no scor­so, era sa­li­ta: non sap­pia­mo se fos­se­ro ex­tra mi­la­ne­si in vi­si­ta all’Ex­po. È pos­si­bi­le che chi ar­ri­va a Ve­ro­na per un wee­kend stia co­sì be­ne che poi sen­ta il bi­so­gno di po­sta­re un’im­pres­sio­ne po­si­ti­va. È an­che que­sto un in­di­ca­to­re di fe­li­ci­tà, no? Se poi sia­no più fe­li­ci i tu­ri­sti dei ve­ro­ne­si, non ha im­por­tan­za: Ve­ro­na ha ri­spo­sto po­si­ti­va­men­te in mo­do mas­sic­cio». Il gior­no più fe­li­ce? Il pri­mo lu­glio, su­bi­to do-

L’al­go­rit­mo

Se­con­do l’in­di­ce Ihap­py (tweet fe­li­ci di­vi­si per tut­ti po­st e mol­ti­pli­ca­to per cen­to), Ve­ro­na è la cit­tà più fe­li­ce del Ve­ne­to i po le pri­me se­ra­te del Fe­sti­val Li­ri­co. Una fe­li­ci­tà che, in Ve­ne­to, co­me da al­tre par­ti, è sce­sa leg­ger­men­te do­po l’ora le­ga­le e che sa­le men­sil­men­te nel gior­no de­gli sti­pen­di. «Non so­lo pro­se­gue Cu­ri­ni -: an­che dal­le vo­stre par­ti si par­la di “blue Sun­day” e non di “blue Mon­day” per­ché la gior­na­ta più tri­ste è la do­me­ni­ca: i fat­to­ri pos­so­no es­se­re tan­ti, com­pre­sa la pro­pria squa­dra del cuo­re che per­de in ca­sa».

Un Ve­ne­to che al­ter­na gru­gni a sor­ri­si: si po­si­zio­na, in­fat­ti, all’un­di­ce­si­mo po­sto nel­la clas­si­fi­ca del­la fe­li­ci­tà del­le re­gio­ni. Esat­ta­men­te a me­tà. Le cit­tà più fe­li­ci so­no Ve­ro­na (con il suo in­di­ce di 58,3), Bel­lu­no (51,2) e Vi­cen­za (50,9). Ti­ra brut­ta aria, in­ve­ce, in la­gu­na: la cit­tà ve­ne­ta più in­cat­ti­vi­ta è Ve­ne­zia che svet­ta al 13esi­mo po­sto na­zio­na­le nel­la clas­si­fi­ca del­le lo­ca­li­tà rab­bio­se. Ve­ro­na, pe­rò, tor­na in bal­lo sui tweet omo­fo­bi (se­sto po­sto), men­tre per quan­to ri­guar­da la xe­no­fo­bia, bi­so­gna ar­ri­va­re al 21esi­mo po­sto per tro­va­re Tre­vi­so. Ve­ne­zia, Ve­ro­na e Vi­cen­za, in­ve­ce, poi, si agi­ta­no da tem­po nel­la par­te al­ta del­la clas­si­fi­ca ita­lia­na (sem­pre den­tro le pri­me ven­ti po­sta­zio­ni) per cri­ti­che con­tro la clas­se po­li­ti­ca. «I fat­ti di cro­na­ca lo­ca­le su­sci­ta­no mol­te più rea­zio­ni di quel­li na­zio­na­li o in­ter­na­zio­na­li – chia­ri­sce Cu­ri­ni – dun­que è più fa­ci­le che si sca­te­ni un di­bat­ti­to at­tor­no ad una stra­da rot­ta o a qual­che as­ses­so­re. Ep­pu­re su Twit­ter so­no pre­sen­ti tut­ti i gior­na­li, dun­que le in­for­ma­zio­ni non man­ca­no. Pe­rò ci si con­cen­tra su quel­le che si sen­to­no più vi­ci­ne».

Ve­ne­zia si ri­scat­ta per ro­man­ti­ci­smo, al 14esi­mo po­sto, pre­ce­du­ta dal­la “sor­pre­sa” Vi­cen­za, all’11esi­mo po­sto; la cit­tà del Pal­la­dio si piaz­za an­che al 31esi­mo po­sto co­me pri­ma pro­vin­cia ve­ne­ta che si di­stin­gue per l’amo­re ver­so gli ani­ma­li. Pa­do­va, in­ve­ce, bal­za al­la 18esi­ma po­si­zio­ne per l’amo­re ver­so la na­tu­ra.

«Que­sta è una ri­cer­ca dall’at­ten­di­bi­li­tà re­la­ti­va - com­men­ta Do­me­ni­co Se­con­dul­fo, so­cio­lo­go del Con­su­mo e del­la Cul­tu­ra ma­te­ria­le -. La geo­lo­ca­liz­za­zio­ne ci par­la di sog­get­ti che so­no in un da­to po­sto, ma po­treb­be­ro an­che es­se­re estra­nei di pas­sag­gio den­tro un tre­no che si col­le­ga­no ai ser­ver lo­ca­li. Il fat­to che una cit­tà co­me Fro­si­no­ne sia pri­ma, si com­men­ta da sé. Di­cia­mo, in­som­ma, che si trat­ta di un la­vo­ro in­te­res­san­te, ma in un cam­po, co­me il web, che è an­co­ra tut­to da de­ci­fra­re».

Per il so­cio­lo­go, il pro­ble­ma più se­rio, per chi fa in­da­gi­ne, «è che sui so­cial c’è chi vuo­le es­ser­ci e non tut­ti gli al­tri».

«Te­nia­mo an­che pre­sen­te che si par­la di tweet di chi è par­ti­co­lar­men­te con­ten­to o scon­ten­to - pro­se­gue Se­con­dul­fo - gli al­tri non han­no im­pul­so di scri­ve­re, ten­den­zial­men­te. Le emo­ti­con? So­no uno stru­men­to uti­le per le ri­le­va­zio­ni, ma mi pon­go un pro­ble­ma: se io met­to che “vo­glio uc­ci­de­re tut­ti gli zin­ga­ri” e ri­ce­vo mes­sag­gi di as­sen­so e fac­ci­ne fe­li­ci, co­me ver­rà con­ta­to quel mes­sag­gio? Dal­la par­te dei fe­li­ci? In­som­ma, que­sta è una ri­cer­ca in­te­res­san­te, ma bi­so­gna per­fe­zio­na­re le ana­li­si in un ter­re­no non fa­ci­le». Nes­su­na sor­pre­sa sui ri­sul­ta­ti: «Ci di­co­no che Ve­ro­na ha un’ot­ti­ma po­li­ti­ca tu­ri­sti­ca, Ve­ne­zia sta mo­ren­do».

Ma c’è an­che chi fa dei di­stin­guo: «Fa­ce­book è una pan­cia più grez­za, vi­ve di li­ke ed emotività - spie­ga An­to­nio Zu­lia­ni, psi­co­lo­go de­gli Even­ti di mas­sa e del­le emer­gen­ze - Su twit­ter c’è qual­co­sa di di­ver­so: scri­ve­re 140 ca­rat­te­ri e rac­con­tar­si ri­chie­de un mi­ni­mo di at­ten­zio­ne, qui si tro­va una po­po­la­zio­ne me­no emo­ti­va, è una piat­ta­for­ma più at­ten­di­bi­le. Que­sta ri­cer­ca, che ci por­ta a ri­flet­te­re sull’uso del­le pa­ro­le, è un in­di­ca­to­re so­cia­le a tut­ti gli ef­fet­ti: web e real­tà so­no par­te del­la stes­sa co­sa, del­la stes­sa no­stra vi­ta e non esi­ste un dua­li­smo».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.