Segre: «In Ve­ne­to la film com­mis­sion non fun­zio­na»

Pri­mo ciak in Pra­to del­la Val­le per «L’or­di­ne del­le co­se», il nuo­vo film del re­gi­sta pa­do­va­no. Par­le­rà di im­mi­gra­zio­ne, sbar­chi e rot­te del­la spe­ran­za «Gi­ro con i sol­di ro­ma­ni e si­ci­lia­ni, la no­stra com­mis­sion non ha fon­di»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - D’Ascen­zo

Il pri­mo set è uno dei sim­bo­li più ri­co­no­sci­bi­li del­la sua cit­tà: Pra­to del­la Val­le. È qui, nel cuo­re di Pa­do­va che il re­gi­sta pa­do­va­no An­drea Segre, clas­se 1976, ha bat­tu­to ie­ri il pri­mo ciak di L’or­di­ne

del­le co­se, il suo ter­zo lun­go­me­trag­gio di fin­zio­ne do­po la poe­sia di Io so­no Li e il can­to per la mon­ta­gna di La pri­ma ne­ve. Una co­pro­du­zio­ne ita­lo­fran­ce­se del­la Jo­le­film di Fran­ce­sco Bon­sem­bian­te e Rai Ci­ne­ma con fon­di del mi­ni­ste­ro dei Be­ni cul­tu­ra­li, di La­zio e Si­ci­lia film com­mis­sion. Una sto­ria che par­te da Pa­do­va e dal Ve­ne­to per rac­con­ta­re «il con­tro­cam­po di mol­ti la­vo­ri fat­ti fi­no­ra, in cui nar­ro in pri­ma per­so­na di un al­to fun­zio­na­rio del mi­ni­ste­ro dell’In­ter­no che è im­pe­gna­to nel cer­ca­re di ri­dur­re gli ar­ri­vi dei mi­gran­ti in Ita­lia», di­ce Segre con l’en­tu­sia­smo e l’adre­na­li­na del pri­mo gior­no di ri­pre­se.

Un film che tor­na dun­que a in­ter­ro­ga­re il no­stro mo­do di vi­ve­re gli sbar­chi e le rot­te del­la spe­ran­za or­mai di­spe­ra­ta scru­tan­do­li col lin­guag­gio dei sen­ti­men­ti e in­qua­dran­do­li dal pun­to di vi­sta di Cor­ra­do, l’al­to fun­zio­na­rio pa­do­va­no di­vi­so tra la fa­mi­glia a Ten­ca­ro­la (la mo­glie è Va­len­ti­na Car­ne­lut­ti, la fi­glia è Gre­ta Ga­liè, una gio­va­ne esor­dien­te pa­do­va­na) e la mis­sio­ne che lo por­te­rà a Tu­ni­si, in­cro­cian­do il suo de­sti­no con quel­lo di una don­na so­ma­la, Swa­da, in­ter­pre­ta­ta da Yu­sra War­sa­ma, che in qual­che mo­do vuo­le riu­nir­si al ma­ri­to in Fin­lan­dia.

«È una sto­ria sia po­li­ti­ca che in­ti­ma - spie­ga Segre par­te da un con­te­sto geo­po­li­ti­co chia­ro ma è so­prat­tut­to quel­lo che lui vi­ve in­ti­ma­men­te il cen­tro del film. È la sto­ria di uno di noi che è con­vin­to sia ne­ces­sa­rio re­go­la­re l’im­mi­gra­zio­ne. Ho scel­to Pa­do­va per­ché è una del­le tan­te cit­tà mit­te­leu­ro­pee, che ten­go­no al lo­ro or­di­ne. Po­treb­be es­se­re an­che al­tre cit­tà, in cui la gen­te ha vo­glia di sta­re in un po­sto or­di­na­to do­ve le co­se fun­zio­na­no. Non c’è un col­le­ga­men­to con l’iden­ti­tà po­li­ti­ca del­la cit­tà».

Il film è scrit­to con Mar­co Pet­te­nel­lo, che ha scrit­to gli ul­ti­mi film di Car­lo Maz­za­cu­ra­ti e gra­vi­ta in­tor­no al­la Pa­do­va di Pie­tro Tor­to­li­na, lo sto­ri­co ani­ma­to­re di ci­ne­ma pa­do­va­no. Nel pri­mo gior­no di ri­pre­se Segre si è re­ga­la­to an­che il ca­meo di uno de­gli at­to­ri più ca­ri a lui e s Maz­za­cu­ra­ti, Ro­ber­to Ci­tran, che nel film interpreta un sot­to­se­gre­ta­rio del mi­ni­ste­ro dell’In­ter­no: «Bo­bo ha la ca­rat­te­ri­sti­ca che io amo ne­gli at­to­ri - di­ce Segre - che è quel­la di riu­sci­re a di­re le co­se sen­za mo­strar­le».

Un film in­ter­na­zio­na­le col cuo­re pa­do­va­no. Ep­pu­re Segre ha mol­to da di­re su que­sto: «Io sto gi­ran­do a Pa­do­va e so­no con­ten­to di gi­ra­re qui con mol­ti pro­fes­sio­ni­sti pa­do-

va­ni, pe­rò gra­zie ad a og­gi sol­di stia­mo ro­ma­ni gi­ran­doe si­ci­lia­ni.. Cioè “Ro­ma la­dro­na” e i si­ci­lia­ni! Ma io non vo­glio par­la­re di me, per­ché io sto gi­ran­do... Ma in una re­gio­ne co­me que­sta, che ha un pro­fi­lo eco­no­mi­co e pro­fes­sio­na­le im­por­tan­te, il fat­to che esi­sta una film com­mis­sio­ne un po’ ri­di­co­la, che non ha fi­nan­zia­men­ti, non ha re­go­le, che ogni tan­to in­ven­ta un ban­do ma non si ca­pi­sce co­me, è un gran pec­ca­to! In­som­ma io de­di­co que­sta mia pri­ma gior­na­ta di ri­pre­se al­la spe­ran­za che la film com­mis­sion ve­ne­ta fun­zio­ni un po’ me­glio per­ché non è giu­sto gi­ra­re qui sen­za la par­te­ci­pa­zio­ne di un si­ste­ma. E quin­di ab­bia­mo vo­lu­to di­re: vo­glia­mo fa­re ci­ne­ma qua ma non si può con­ti­nua­re co­sì».

Bon­sem­bian­te, an­nui­sce e con­fer­ma: «Ri­ce­vo al­me­no die­ci ri­chie­ste l’an­no di per­so­ne che vor­reb­be­ro gi­ra­re nel­la no­stra me­ra­vi­glio­sa re­gio­ne ma quan­do io di­co lo­ro che non c’è il fon­do, van­no in Pie­mon­te, in Friu­li o in Emi­lia Ro­ma­gna. Non c’è un in­te­res­se del­la po­li­ti­ca a ca­pi­re che que­sta co­sa pro­du­ce denaro. Ed è as­sur­do che non sia pre­sa in con­si­de­ra­zio­ne: in Si­ci­lia ho pre­sen­ta­to il pro­get­to e mi han­no da­to il fon­do». Do­po Pra­to del­la Val­le e Ten­ca­ro­la, la pros­si­ma set­ti­ma­na la trou­pe si tra­sfe­ri­rà per una set­ti­ma­na a Ro­ma, poi per tre in Si­ci­lia e una in Tu­ni­sia, per fi­ni­re le ri­pre­se in­tor­no a Pa­squa. E poi ini­zia un’al­tra sto­ria.

(Ber­ga­ma­schi)

Ri­pre­se An­drea Segre du­ran­te le ri­pre­se di «L’or­di­ne del­le co­se»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.