Una vi­ta di truf­fe fra lin­got­ti, Ro­lex e dia­man­ti spa­ri­ti: cat­tu­ra­to a 68 an­ni

In cel­la fi­no al 2030. Vit­ti­ma gli fa­ce­va da au­ti­sta «per re­cu­pe­ra­re qual­co­sa»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Treviso - M. Cit. © RIPRODUZIONE RISERVATA

TRE­VI­SO Nel­la sua vi­ta è riu­sci­to a im­pos­ses­sar­si di tut­to, dai dia­man­ti ai lin­got­ti d’oro. Sem­pre sen­za sbor­sa­re un eu­ro, ma pa­gan­do con as­se­gni fal­si e ru­ba­ti, o pro­po­nen­do­si co­me in­ter­me­dia­rio di ven­di­te fa­sul­le. Ma per Lo­ris Pe­go­rin, a 68 an­ni, è ar­ri­va­to il con­to del­la giu­sti­zia, un cu­mu­lo di pe­na di 13 an­ni di car­ce­re per le de­ci­ne e de­ci­ne di truf­fe che ha col­le­zio­na­to.

Un ve­ro pro­fes­sio­ni­sta del­le truf­fe, Pe­go­rin, ar­re­sta­to sa­ba­to po­me­rig­gio lun­go l’A27 a Vit­to­rio Ve­ne­to. Gli uo­mi­ni del­la squa­dra mo­bi­le lo han­no fer­ma­to men­tre rien­tra­va dal Tren­ti­no Al­to Adi­ge, do­ve ave­va pre­le­va­to un’af­fet­ta­tri­ce del va­lo­re di 12.500 eu­ro. Ac­qui­sta­ta, man­co a dir­lo, con as­se­gni sco­per­ti. Un af­fa­re che il 68en­ne ha festeggiato con un pran­zo in un ri­sto­ran­te a Cor­ti­na, igna­ro di es­se­re se­gui­to da po­li­ziot­ti che po­co do­po gli han­no stret­to le ma­net­te ai pol­si e lo han­no ac­com­pa­gna­to in car­ce­re a San­ta Bo­na. L’or­di­ne di car­ce­ra­zio­ne era ar­ri­va­to da qual­che set­ti­ma­na dal tri­bu­na­le di Pa­do­va: 13 an­ni di re­clu­sio­ne per le va­rie con­dan­ne per truf­fa e ri­cet­ta­zio­ne. Ma di Pe­go­rin non c’era trac­cia. L’uo­mo, in­fat­ti, pur es­sen­do mol­to no­to per i suoi tra­scor­si giu­di­zia­ri, è da sem­pre «uc­cel di bo­sco», co­me spie­ga il di­ri­gen­te del­la Mo­bi­le Clau­dio Di Pao­la: «Non è sta­to fa­ci­le in­di­vi­duar­lo e bloc­car­lo, per­ché è di fat­to sen­za fis­sa di­mo­ra e vi­ve ospi­te di ami­ci e co­no­scen­ti». Del re­sto spa­ri­re è uno de­gli ele­men­ti fon­da­men­ta­li del­la sua at­ti­vi­tà, nel qua­le è uno spe­cia­li­sta. Co­me quan­do era scom­par­so su­bi­to do­po aver pre­le­va­to due dia­man­ti del va­lo­re di 30 mi­la eu­ro che un in­cau­to co­no­scen­te gli ave­va af­fi­da­to in con­to ven­di­ta. O co­me quan­do si era pre­sen­ta­to co­me un fa­col­to­so im­pren­di­to­re in un Com­pro Oro di Co­ne­glia­no, di­cen­do di vo­ler in­ve­sti­re in lin­got­ti i pro­ven­ti del­la ven­di­ta di un ap­par­ta­men­to. Pre­si lin­got­ti 20 mi­la eu­ro pa­gan­do­ne so­lo una mi­ni­ma par­te in con­tan­ti ave­va fat­to per­de­re le sue trac­ce.

Non di­sde­gna­va nep­pu­re gli oro­lo­gi Ro­lex, ac­qui­sta­ti tra­mi­te an­nun­ci on­li­ne sem­pre sen­za pa­gar­li. Nel­la sua re­te è fi­ni­to an­che un tre­vi­gia­no che gli ave­va af­fi­da­to at­trez­za­tu­ra edi­le per sva­ria­te mi­glia­ia di eu­ro af­fin­ché la ven­des­se. L’at­trez­za­tu­ra è spa­ri­ta, co­sì co­me i sol­di. Mal­gra­do tut­to, pe­rò, la vit­ti­ma non ha per­so di vi­sta Pe­go­rin. An­zi: og­gi gli fa da au­ti­sta, a pa­ga­men­to: «Se lo uccido per ven­di­car­mi non ve­drò più i miei sol­di – ha spie­ga­to agli agen­ti che gli chie­de­va­no per­ché lo fa­ces­se -, al­me­no co­sì pos­so spe­ra­re di re­cu­pe­ra­re qual­co­sa». FARRA DI SOLIGO Ma­lo­re a bor­do di una cor­rie­ra, l’au­ti­sta è co­stret­to a fer­ma­re il pull­man in mez­zo al­la stra­da. È av­ve­nu­to ie­ri po­me­rig­gio a Farra di Soligo, quan­do una pas­seg­ge­ra si è sen­ti­ta ma­le ed è sta­ta soc­cor­sa dal 118. Tut­to que­sto - rac­con­ta Qd­pnews - a bor­do del­la cor­rie­ra Mom 132, la «Val­dob­bia­de­ne - Col San Mar­ti­no - Co­ne­glia­no». L’au­ti­sta ha do­vu­to fer­ma­re l’au­to­bus in mez­zo al­la stra­da, di fron­te al­la chie­sa, sen­za po­ter ac­co­sta­re, crean­do di­sa­gi al­la via­bi­li­tà. I me­di­ci han­no pre­sta­to le pri­me cu­re sul po­sto, do­po­di­ché la don­na è sta­ta ri­co­ve­ra­ta a Co­ne­glia­no.

Re­ci­di­vo Lo­ris Pe­go­rin, 68en­ne tre­vi­gia­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.