IL BAN­CHET­TO DEL TACCHINO

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - di Ales­san­dro Rus­sel­lo

La pan­to­mi­ma del ta­glio de­gli sti­pen­di dei con­si­glie­ri re­gio­na­li ve­ne­ti, tra i più pa­ga­ti d’Ita­lia e di gran lun­ga più del pre­mier di que­sto e al­tri Pae­si - al­le pre­se con det­ta­gli co­me i de­sti­ni del mon­do - è or­mai un fe­no­me­no car­si­co. Ogni tan­to ri­sa­le fra in­di­gna­zio­ne e chiac­chie­re co­me rie­mer­go­no l’al­lar­me smog, la cac­cia al lu­po o i fur­bet­ti del car­tel­li­no che van­no a tim­bra­re in mu­tan­de e ven­go­no li­cen­zia­ti una vol­ta su mil­le.

Le rea­zio­ni non man­ca­no. Si fer­ma qual­che cit­tà do­ve non si mul­ta nes­su­no, si fa il pun­to sul quo­zien­te di odio o sen­si­bi­li­tà uma­na nei con­fron­ti di una spe­cie in estin­zio­ne che estin­gue qual­che greg­ge di pe­co­re e ci si fa un esa­me di co­scien­za di qual­che mi­nu­to chie­den­do­ci co­me fi­ni­re­mo in una ter­ra co­sì in­qui­na­ta e una ci­vil­tà opu­len­ta do­ve le pun­te del be­nes­se­re di­ven­ta­no i pa­ra­me­tri ne­ga­ti­vi del ma­les­se­re. Con un ri­sul­ta­to sem­pre ugua­le. Spes­so è tut­to inu­ti­le. Al pun­to che nel­le riu­nio­ni di re­da­zio­ne, quan­do spun­ta­no que­sti ar­go­men­ti, più che un’idea sa­le uno sba­di­glio, per­ché si ha l’im­pres­sio­ne di aver det­to e scrit­to tut­to. Da­ti, no­ti­zie, in­ter­vi­ste ad esper­ti e ap­pro­fon­di­men­ti. Al­la fi­ne si de­ci­de di ri­pren­de­re in ma­no «l’emer­gen­za» e «la po­le­mi­ca» con­vin­ti del do­ve­re pro­fes­sio­na­le e ci­vi­co ma nel­la con­sa­pe­vo­lez­za che spes­so, ap­pun­to, non ser­va a nul­la. Vi­sto che nul­la cam­bia. E nul­la vo­glia­mo cam­bia­re. Per­ché è mol­to com­ples­so e «co­sto­so» far­lo.

C’è un pe­rò. E c’è un’osti­na­zio­ne. Le­ga­ta al fat­to che sui «co­sti del­la po­li­ti­ca» si sba­di­glia me­no. Nel­lo gnor­ri di chi por­ta a ca­sa al­me­no ot­to­mi­la eu­ro net­ti al me­se in uno squi­li­brio fra re­spon­sa­bi­li­tà e com­pen­so,lo sfi­ni­men­to e l’in­di­gna­zio­ne fan­no fa­re uno sforzo di ap­pli­ca­zio­ne in più. Per­ché è (an­che) lì, nel­la ca­pa­ci­tà di igno­ra­re il pro­ble­ma e nell’in­ca­pa­ci­tà di ri­toc­ca­re le pro­prie pre­te­se di fron­te a una pla­tea di cit­ta­di­ni che vie­ne emen­da­ta di de­fault (per­di­ta del la­vo­ro, ca­lo dei fat­tu­ra­ti, bu­ro­cra­zia im­mar­ce­sci­bi­le, pub­bli­co che fru­stra il pri­va­to e via elen­can­do) che sta una buo­na par­te del­la cri­si del­la po­li­ti­ca di que­sto Pae­se.

Qui sta un pez­zo di cri­si dei par­ti­ti, qui sta il te­ma del­la ir­ri­for­ma­bi­li­tà del si­ste­ma, qui sta la rab­bia di una fet­ta d’Ita­lia che ha tra­sfor­ma­to l’eva­ne­scen­za di un mo­vi­men­to ca­ta­com­ba­le che con­ta­va lo ze­ro­vir­go­la nel pri­mo par­ti­to di ciò che re­sta di que­sta re­pub­bli­ca.

C’è una ri­spo­sta, da par­te del­la «ca­sta» ir­re­di­mi­bi­le, che ar­ri­va sem­pre pun­tua­le: tut­ta de­ma­go­gia. Il col­mo è che nel­la ri­spo­sta c’è una par­te di ve­ri­tà. La Po­li­ti­ca va ri­spet­ta­ta, e non pa­ga­re ade­gua­ta­men­te chi ci rap­pre­sen­ta sa­reb­be un gran­de er­ro­re. Chi go­ver­na, chi am­mi­ni­stra la co­sa pub­bli­ca, de­ve ri­ce­ve­re un com­pen­so de­gno. Per­ché an­che se non ha in ma­no il de­sti­no del mon­do ha quel­lo dei ter­ri­to­ri. Che del mon­do fan­no par­te e an­zi il mon­do lo «for­ma­no» mi­glio­ran­do­lo o peg­gio­ran­do­lo.

Que­sto gior­na­le, osti­na­ta­men­te e pun­tual­men­te, da an­ni po­ne il pro­ble­ma de­gli sti­pen­di dei con­si­glie­ri re­gio­na­li. Di­cen­do che so­no so­vra­di­men­sio­na­ti ri­spet­to al ruo­lo e al­le com­pe­ten­ze ri­co­per­ti. E, co­me det­to, al­le «re­spon­sa­bi­li­tà». Che per quan­to im­por­tan­ti (il con­si­glio re­gio­na­le le­gi­fe­ra su te­mi di un cer­to pe­so) non su­pe­ra­no cer­to il «pe­so» che sop­por­ta, ad esem­pio, il sin­da­co di un ca­po­luo­go. Fi­gu­ra po­li­ti­ca di fron­tie­ra che ol­tre ad in­ci­de­re di­ret­ta­men­te e quo­ti­dia­na­men­te con de­ci­sio­ni che pos­so­no cam­bia­re il de­sti­no di una gran­de co­mu­ni­tà (pia­ni re­go­la­to­ri, si­cu­rez­za, so­cia­le, cen­tri sto­ri­ci, quar­tie­ri) può fi­ni­re in ga­le­ra ad ogni de­li­be­ra che fir­ma. Re­spon­sa­bi­li­tà, que­sta, che si ag­giun­ge al rap­por­to di­ret­to con il «po­po­lo» che sa­le le sca­le del mu­ni­ci­pio pre­sen­tan­do il con­to del­le con­trad­di­zio­ni dell’in­te­ra so­cie­tà e ve­den­do nel pri­mo cit­ta­di­no il ter­mi­na­le o lo spor­tel­lo del «problem sol­ving». Dal­la man­can­za di la­vo­ro, al­la nuo­va via­bi­li­tà che fa per­de­re va­lo­re al­la ca­sa, al­le mam­me sen­za par­chi, ai bim­bi sen­za asi­li e ai pul­mi­ni che a vol­te non han­no la ben­zi­na per por­tar­li a scuola.

Per que­sto, da an­ni, chi scri­ve (as­sie­me ad al­tri por­ta­to­ri di buon sen­so) pro­po­ne di al­li­nea­re lo sti­pen­dio dei con­si­glie­ri re­gio­na­li a quel­lo del sin­da­co del ca­po­luo­go del­la re­gio­ne (al­me­no qual­che mi­glia­io di eu­ro in me­no). Ag­giun­gen­do che per i pri­mi c’è an­che un pro­ble­ma di «me­ri­to­cra­zia» e di cal­co­lo del­la «pro­dut­ti­vi­tà». Se esi­sto­no con­si­glie­ri ca­ri­ca­ti di ruo­li e in­com­ben­ze che li co­strin­go­no a «sta­re sul pez­zo», ce ne so­no al­tri che si li­mi­ta­no a se­de­re in au­la al­zan­do la ma­no o che pas­sa­no par­te del­le lo­ro gior­na­te nei col­le­gi elet­to­ra­li. Non so­lo o tan­to per sta­re vi­ci­ni al «po­po­lo» ma per ir­ro­bu­sti­re il con­sen­so in vi­sta del­la suc­ces­si­va tor­na­ta elet­to­ra­le. Per aver det­to que­ste co­se, sem­pre chi scri­ve, nel­la scor­sa le­gi­sla­tu­ra eb­be la ven­tu­ra di con­qui­sta­re la sce­na di due con­si­gli re­gio­na­li du­ran­te i qua­li an­zi­ché di­scu­te­re co­me ta­glia­re i com­pen­si - par­tì una fi­lip­pi­ca cor­po­ra­ti­va cul­mi­na­ta, da par­te di un be­ne­fi­cia­to di que­gli ot­to­mi­la eu­ro net­ti al me­se, in un’idea ge­nia­le: fir­ma­re una mo­zio­ne per im­pe­di­re ai gior­na­li­sti di can­di­dar­si al­lo scran­no di co­tan­ta as­sem­blea. Da quei gior­ni, sugli sti­pen­di, si­len­zio as­so­lu­to. Si­len­zio rot­to dal re­fe­ren­dum co­sti­tu­zio­na­le che tra le ri­for­me pre­vi­ste ave­va pro­prio quel­la sug­ge­ri­ta dal buon­sen­so: l’equi­pa­ra­zio­ne del­lo sti­pen­dio a quel­lo del sin­da­co del ca­po­luo­go di re­gio­ne.

Com’è fi­ni­ta si sa. An­che se ora la que­stio­ne sta rie­mer­gen­do per­ché a Ve­ne­zia un grup­po di la­vo­ro co­sti­tui­to pres­so la Pri­ma Com­mis­sio­ne Af­fa­ri Isti­tu­zio­na­li sta la­vo­ran­do ad una pro­po­sta uni­ta­ria sul­la ba­se del­la pre­sen­ta­zio­ne di sei di­se­gni di leg­ge che van­no da quel­le più «mor­bi­de», che si li­mi­ta­no a li­ma­re qual­co­sa, a quel­la in­te­gra­le del Mo­vi­men­to Cin­que Stel­le, che vor­reb­be ta­glia­re tut­to e di più. Una bat­ta­glia, quel­la dei gril­li­ni, nel sol­co di una co­stan­te ac­qui­si­zio­ne di con­sen­so che non com­pen­sa l’esi­sten­za di un fu­mo­so «im­pian­to ideo­lo­gi­co» do­ve c’è tut­to e il con­tra­rio di tut­to. E do­ve man­ca un chia­ro pro­get­to eco­no­mi­co nel e per il «si­ste­ma Pae­se».

Det­to que­sto, vi­sto che i Cin­que Stel­le una mag­gio­ran­za in Re­gio­ne non ce l’han­no (an­co­ra), re­sta il fat­to che non è fa­ci­le chie­de­re al tacchino di im­ban­di­re il ban­chet­to do­ve ver­rà man­gia­to. Quin­di non sap­pia­mo, sta­vol­ta, co­me fi­ni­rà. Sap­pia­mo in­ve­ce co­sa pen­sa il pre­si­den­te del Con­si­glio Ro­ber­to Ciam­bet­ti, le­ghi­sta co­me le­ghi­sta è la mag­gio­ran­za del go­ver­no Za­ia. Se­con­do Ciam­bet­ti tut­ti quei sol­di «so­no me­ri­ta­ti, al­me­no per chi rag­giun­ge una cer­ta «pro­dut­ti­vi­tà». Ver­reb­be da di­re che, al­me­no su que­sto pun­to, qua­si ci sia­mo. An­che se sta­bi­li­re la pro­dut­ti­vi­tà di ogni con­si­glie­re ap­pa­re mol­to dif­fi­ci­le. Co­me sa­rà mol­to dif­fi­ci­le che nel Pa­laz­zo di Ve­ne­zia si pos­sa ar­ri­va­re ad un ac­cor­do in tem­pi bre­vi. A quan­to pa­re , so­lo per ve­de­re una par­ven­za di tacchino in ta­vo­la, ci vor­rà al­me­no un an­no.

Re­sta, in­fi­ne, un’am­bi­gui­tà. Che va­le an­che per lo sti­pen­dio dei par­la­men­ta­ri. Se la po­li­ti­ca non è so­lo per i ric­chi (sa­cro­san­to), non dev’es­se­re nem­me­no una ten­ta­zio­ne ar­ric­chir­si con la po­li­ti­ca. Tra la de­ma­go­gia e la ce­ci­tà c’è una via di mez­zo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.