Il let­te­ra­to? La­vo­ra al­la cal­co­la­tri­ce Ed è cac­cia all’ope­ra­io che non c’è più

L’al­lar­me del­le im­pre­se me­tal­mec­ca­ni­che pa­do­va­ne: non tro­via­mo i pe­ri­ti che ci ser­vo­no

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - Gian­ni Fa­ve­ro © RIPRODUZIONE RISERVATA

pro­fes­sio­na­li che non sfor­na­no ab­ba­stan­za di­plo­ma­ti, le scuo­le di­co­no che non pos­so­no co­strin­ge­re la gen­te a stu­dia­re da pe­ri­to elet­tro­ni­co, mec­ca­ni­co o del­le te­le­co­mu­ni­ca­zio­ni e ai di­ciot­ten­ni, a quan­to pa­re, non im­por­ta ave­re uno sti­pen­dio d’in­gres­so di 1.300 eu­ro, il gior­no do­po il di­plo­ma, con tre­di­ce­si­ma e par­te­ci­pa­zio­ne agli uti­li, nel la­bo­ra­to­rio di una star­tup da rag­giun­ge­re in bi­ci­clet­ta. Se n’è par­la­to ie­ri, a Cit­ta­del­la, nel con­te­sto del­la pre­sen­ta­zio­ne dell’iniziativa «Re­ti per la me­tal­mec­ca­ni­ca», un pro­get­to di ter­ri­to­rio pro­mos­so, fra gli al­tri, da Con­fin­du­stria Pa­do­va con Fon­da­zio­ne Ca­ri­pa­ro ed Enaip Ve­ne­to fi­na­liz­za­to ad in­cro­cia­re Ho due in­ge­gne­ri ge­stio­na­li che ven­go­no da Vi­cen­za, un al­tro lau­rea­to in let­te­re an­ti­che e che ha sa­pu­to adat­tar­si al­la per­fe­zio­ne. Le ri­sor­se di cui ho bi­so­gno po­trei tro­var­le an­che un po’ più lon­ta­no. Pe­rò, co­me ho po­tu­to ve­de­re – ag­giun­ge – non ap­pe­na c’è un’oc­ca­sio­ne più vi­ci­na a ca­sa le per­so­ne che ho for­ma­to se ne van­no. Per que­sto stia­mo in­si­sten­do in tut­ti i mo­di per il la­vo­ro ‘a chi­lo­me­tro ze­ro’». Un’iniziativa al­la qua­le sta col­la­bo­ran­do an­che Od­do­ne Sar­to­re, ti­to­la­re di una so­cie­tà di Cit­ta­del­la la De­lios (ol­tre ad al­tre in­se­gne del com­par­to) che si sta af­fer­man­do sui si­ste­mi di ac­cu­mu­la­zio­ne per im­pian­ti fo­to­vol­tai­ci. «Sto cer­can­do da me­si due pe­ri­ti elet­tro­ni­ci, ho con­tat­ti co­stan­ti con le scuo­le del­la zona ma quel­li che si di­plo­ma­no ogni an­no so­no trop­po po­chi. Dav­ve­ro – pro­se­gue – stia­mo pen­san­do di an­da­re a par­la­re con le fa­mi­glie dei ra­gaz­zi di se­con­da me­dia. Per pro­va­re, al­me­no, a con­si­gliar­le di non pen­sa­re so­lo al li­ceo». «Il pro­ble­ma è che chi un tem­po si de­di­ca­va all’elet­tro­ni­ca – spie­ga Ro­ber­to Tu­ret­ta, pre­si­de dell’”An­to­nio Meuc­ci” - ora ve­de so­lo in­for­ma­ti­ca. Non che que­sto non sia un buon in­di­riz­zo, ma l’in­di­ce di oc­cu­pa­bi­li­tà del­la no­stra scuo­la, do­ve que­sta op­zio­ne non c’è, nel Pa­do­va­no è su­pe­rio­re a quel­la de­gli isti­tu­ti che la pro­pon­go­no».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.