Torna sul pal­co il clo­wn a pro­ces­so per pe­do­fi­lia

Ap­plau­si per La­ri­ble, fi­ni­to nei guai in Sviz­ze­ra per il pre­sun­to ba­cio a una quat­tor­di­cen­ne

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - Mat­teo So­rio © RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

AN GIO­VAN­NI LUPATOTO «Mio pa­dre di­ce­va: se avrai suc­ces­so ti po­tran­no suc­ce­de­re del­le co­se brut­te. Pe­rò ti suc­ce­de­ran­no an­che del­le co­se me­ra­vi­glio­se. Que­sta se­ra­ta è sta­ta una di quel­le co­se me­ra­vi­glio­se che te ne fan­no di­men­ti­ca­re al­tre…». Lun­go ap­plau­so. Di un tea­tro pie­no, in ogni or­di­ne di po­sto. In tut­to, 496 spet­ta­to­ri. È fi­ni­to co­sì, due se­re fa, lo spet­ta­co­lo di Da­vid La­ri­ble al tea­tro Astra di San Gio­van­ni Lupatoto.

Il pub­bli­co in pie­di, fa­mi­glie, gio­va­ni e più gran­di, a espri­me­re en­tu­sia­smo per l’ora e mez­za di show pro­po­sto in «De­sti­no di clo­wn». E lui, La­ri­ble, uno dei clo­wn più fa­mo­si al mon­do, na­to a Ve­ro­na nel ’57 e di ca­sa a Bus­so­len­go, a rin­gra­zia­re il pub­bli­co e i suoi af­fet­ti, cioè la com­pa­gna e i due fi­gli lì in pla­tea («la mia fa­mi­glia: per­ché qual­sia­si co­sa vi suc­ce­da, sap­pia­te che quel­la è la co­sa che con­ta più di tut­to») con pa­ro­le che ine­vi­ta­bil­men­te ri­man­da­no al­la vi­cen­da per cui il suo no­me è en­tra­to me­no di quat­tro me­si fa nel­le pa­gi­ne di cro­na­ca. La vi­cen­da, ap­pun­to, è quel­la già rac­con­ta­ta dai gior­na­li. A me­tà del prossimo ago­sto, stan­do a quanto sta­bi­li­to dal­la ma­gi­stra­tu­ra sviz­ze­ra, La­ri­ble sa­rà pro­ces­sa­to per pe­do­fi­lia. L’at­to­re ve­ro­ne­se, che ha già pro­te­sta­to la pro­pria in­no­cen­za in un’in­ter­vi­sta te­le­vi­si­va, era sta­to ar­re­sta­to e su­bi­to ri­la­scia­to, il 20 no­vem­bre scor­so do­po uno spet­ta­co­lo in Sviz­ze­ra, da­gli agen­ti che agi­va­no su man­da­to del­la se­zio­ne del­la pro­cu­ra di Zu­ri­go che si oc­cu­pa di rea­ti ses­sua­li. L’ac­cu­sa: se­con­do l’ipo­te­si del­la pro­cu­ra­tri­ce pub­bli­ca Fra­nçoi­se Sta­del­mann, La­ri­ble avreb­be ba­cia­to per tre vol­te una sua fan 14en­ne co­no­sciu­ta in un al­ber­go a Zu­ri­go. «Mo­le­sta­re una ra­gaz­zi­na di 14 an­ni? Non ci pen­so nem­me­no, la so­la don­na che ba­cio è la mia com­pa­gna», co­sì La­ri­ble ospi­te in di­ret­ta negli stu­di di Te­leZü­ri, te­le­vi­sio­ne lo­ca­le di Lu­ga­no, col suo le­ga­le Va­len­tin Land­mann a ri­ba­di­re che l’at­to­re avreb­be so­la­men­te «ab­brac­cia­to la ra­gaz­za, dan­do­le un ba­cio sul­la fron­te o sul­la guan­cia», co­me so­li­to fa­re nei con­fron­ti di una fan. At­to­re di fa­ma mon­dia­le, set­ti­ma ge­ne­ra­zio­ne di una fa­mi­glia di tra­di­zio­ne cir­cen­se, per La­ri­ble il fi­na­le del­lo spet­ta­co­lo di ve­ner­dì a San Gio­van­ni Lupatoto («un gra­di­to ri­tor­no do­po aver rea­liz­za­to il so­gno di aver­lo qui due an­ni fa», que­sta la pre­sen­ta­zio­ne de­gli or­ga­niz­za­to­ri) è di­ven­ta­to co­sì un mo­men­to per sé e il pub­bli­co: «Vi vor­rei sa­lu­ta­re con una can­zo­ne che amo mol­tis­si­mo, s’in­ti­to­la “Ar­ri­ve­der­ci” e par­la del de­si­de­rio di due per­so­ne di rin­con­trar­si e pas­sa­re an­co­ra del tem­po as­sie­me. E que­sto è esat­ta­men­te quel che io sen­to sta­se­ra ver­so di voi. Ho vo­glia di ve­der­vi e pas­sa­re an­co­ra del tem­po con voi».

Il ri­tor­no Da­vid La­ri­ble ie­ri sul pal­co nel Ve­ro­ne­se

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.