Quel­la vio­len­za che uc­ci­de Il li­bro del po­li­ziot­to-scrit­to­re

Sto­rie (ve­re) di don­ne vio­la­te, i rac­con­ti del di­ret­to­re del­la Scuo­la di Po­li­zia di Pe­schie­ra di­ven­ta­no un per­cor­so di edu­ca­zio­ne sen­ti­men­ta­le per i ra­gaz­zi dei licei. «Bi­so­gna in­se­gna­re pa­ri­tà e ri­spet­to nel­le re­la­zio­ni»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Cultura & Spettacoli - di Fran­ce­sca Vi­sen­tin © RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

«So­no duri i miei scar­po­ni ve­ro? Pen­sa che li ho mes­si pen­san­do pro­prio di riem­pir­ti di cal­ci...Pos­so ba­cia­re i tuoi li­vi­di? Non avrei vo­lu­to col­pir­ti... ma se ci pen­si be­ne da que­sto si ca­pi­sce quanto ti amo... Ma co­me, mi vuoi de­nun­cia­re? E per co­sa poi? Per trop­po amo­re?» Squar­ci dell’in­fer­no che ha co­no­sciu­to La­vi­nia, 29 an­ni, pri­ma di fi­ni­re bru­cia­ta viva dall’ex fi­dan­za­to Gio­van­ni. Un’al­ta­le­na di mi­nac­ce, bot­te e ri­chie­ste di per­do­no. In­sul­ti e pa­ro­li­ne dol­ci, vol­ga­ri­tà e di­chia­ra­zio­ni d’amo­re. Una di­na­mi­ca ti­pi­ca nel­la vio­len­za con­tro le don­ne. Ri­co­strui­ta con ana­li­ti­ca pre­ci­sio­ne nel nuo­vo li­bro di Gian­pao­lo Tre­vi­si, per lun­go tem­po al ver­ti­ce del­la Squa­dra Mobile, in pri­ma li­nea con­tro i fem­mi­ni­ci­di, ora di­ret­to­re del­la Scuo­la di Po­li­zia di Pe­schie­ra. In L’amo­re che non è (Gabrielli edi­to­re) Tre­vi­si rac­co­glie rac­con­ti (di de­nun­cia) sul te­ma del­la vio­len­za con­tro le don­ne. Sto­rie di cro­na­ca, dram­ma­ti­che, tut­te ve­re, nar­ra­te co­me mi­ni-ro­man­zi, mol­te in­cro­cia­te pro­prio da Tre­vi­si nel­la sua at­ti­vi­tà di po­li­ziot­to. Al­cu­ne con un lie­to fi­ne, la sal­vez­za e la ri­na­sci­ta, al­tre in­ve­ce in cui l’epi­lo­go è la mor­te: pu­gna­la­te, bru­cia­te, stran­go­la­te, col­pi­te fi­no al­lo stre­mo. La vio­len­za in ogni sua for­ma, è al cen­tro dell’ana­li­si dell’au­to­re e del­la sua nar­ra­zio­ne. Dal­la ven­det­ta che scor­re sul fi­lo del web con il vi­deo pri­va­to di un mo­men­to d’amo­re, po­sta­to per spre­gio e af­fi­da­to al­le ma­glie mon­dia­li del­la Re­te, di­strug­gen­do co­sì la vi­ta di una ra­gaz­za. Al pa­dre che «per sal­va­re l’ono­re» del­la fi­glia «trop­po oc­ci­den­ta­liz­za­ta» la pu­gna­la a mor­te. Fi­no al­lo stal­king che non dà tre­gua e al­la vio­len­za psi­co­lo­gi­ca, più sub­do­la, dif­fi­ci­le da ri­co­no­sce­re e di­mo­stra­re, ma che ugual­men­te uc­ci­de ogni gior­no co­me goc­ce di ve­le­no.

Tre­di­ci rac­con­ti fir­ma­ti da Gian­pao­lo Tre­vi­si, con la pre­fa­zio­ne di El­vi­ra Vi­tul­li (so­sti­tu­to pro­cu­ra­to­re a Ve­ro­na) e con­tri­bu­ti di An­to­nia De Vi­ta (do­cen­te di pe­da­go­gia all’Uni­ver­si­tà di Ve­ro­na), una nar­ra­zio­ne coin­vol­gen­te, che in­di­gna, com­muo­ve, fa ri­flet­te­re. «C’è tan­to da fa­re. Non c’è an­co­ra suf­fi­cien­te tem­pe­sti­vi­tà e coor­di­na­men­to per pro­teg­ge­re le don­ne che de­nun­cia­no di­ce Gian­pao­lo Tre­vi­si - . L’espe­rien­za del­la si­ner­gia di pro­cu­ra e for­ze dell’or­di­ne di Ve­ro­na è ot­ti­ma, ef­fi­cien­te, fun­zio­na con tem­pe­sti­vi­tà. Ma non è co­sì ovun­que. Bi­so­gna fa­re di più, in­ter­ve­ni­re nel­la for­ma­zio­ne. Non sem­pre chi è chia­ma­to a de­ci­de­re ha la sen­si­bi­li­tà e la pre­pa­ra­zio­ne ne­ces­sa­ria. Dal­la ri­ce­zio­ne del­le de­nun­ce agli in­ter­ven­ti dei pm, è fon­da­men­ta­le sen­si­bi­li­tà e pre­pa­ra­zio­ne».

Il pro­get­to di Tre­vi­si guar­da ol­tre il li­bro, la sua vo­lon­tà di cam­bia­re le co­se è con­cre­ta. Per que­sto por­te­rà L’amo­re che non è nel­le scuo­le me­die e su­pe­rio­ri, in­con­tre­rà ra­gaz­zi­ni e ado­le­scen­ti per af­fron­ta­re que­sti te­mi, sen­si­bi­liz­za­re a una nuo­va cul­tu­ra del ri­spet­to e del­la re­la­zio­ne. «La for­ma­zio­ne del­le nuo­ve ge­ne­ra­zio­ni, la mo­di­fi­ca de­gli ste­reo­ti­pi di ge­ne­re, l’edu­ca­zio­ne al­la pa­ri­tà e al­la con­di­vi­sio­ne so­no l’uni­co mo­do per cam­bia­re ve­ra­men­te le co­se - ri­ba­di­sce Gian­pao­lo Tre­vi­si - . An­co­ra og­gi i ra­gaz­zi­ni con­fon­do­no il con­trol­lo, il pos­ses­so, con l’amo­re. E mi spa­ven­ta in­con­tra­re ra­gaz­ze di 17 an­ni con un oc­chio ne­ro, che mi di­co­no: “ma è per­ché lui mi ama trop­po...” o che con­si­de­ra­no “amo­re” le de­ci­ne di sms di con­trol­lo al gior­no del fi­dan­za­ti­no... la cul­tu­ra de­ve cam­bia­re». Pa­dre di due bim­bi, ma­ri­to di una po­li­ziot­ta, Tre­vi­si non ha pro­ble­mi ad am­met­te­re: «Cer­co di es­se­re pre­sen­te il più pos­si­bi­le con i miei fi­gli, di com­bat­te­re già ora che so­no pic­co­li gli ste­reo­ti­pi di ge­ne­re che af­fib­bia­no “ruo­li” a ma­schio e fem­mi­na. E ri­co­no­sco che mia mo­glie tra fa­mi­glia e pro­fes­sio­ne la­vo­ra quat­tro vol­te più di me». Il ro­man­zo L’amo­re che non è sa­rà pre­sen­ta­to mer­co­le­dì al­la li­bre­ria Fel­tri­nel­li di Ve­ro­na (ore 18), al­la pre­sen­za dell’au­to­re.

Au­to­re

Gian­pao­lo Tre­vi­si e il suo li­bro

Il cor­po vio­la­to Uno dei qua­dri di Die­go Te­sto­lin, ar­ti­sta e agen­te del­la Po­li­zia Scien­ti­fi­ca del Tri­ve­ne­to «àne­sis» ( 80x80 olio su te­la)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.