«Il ter­ro­re ne­gli oc­chi di Ja­mir: chie­de­va aiu­to pri­ma del­lo schian­to»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - Mil­va­na Cit­ter © RIPRODUZIONE RISERVATA

CESSALTO (TRE­VI­SO) In quel viag­gio ver­so la mor­te Ja­mir ha pro­va­to a chie­de­re aiu­to, sbrac­cian­do­si con il ter­ro­re ne­gli oc­chi, men­tre ac­can­to a lei il ma­ri­to Cri­stia­no Di Pao­loan­to­nio gui­da­va a fol­le ve­lo­ci­tà il lo­ro fur­go­ne, an­dan­do pe­ri­co­lo­sa­men­te a zig-zag tra le au­to al­la ri­cer­ca di un mez­zo pe­san­te con­tro il qua­le schian­tar­si. Una ri­chie­sta di aiu­to di­spe­ra­ta e va­na, che tra­pe­la dai rac­con­ti re­si da al­cu­ni te­sti­mo­ni che han­no vi­sto la sce­na su­bi­to do­po lo schian­to di lu­ne­dì a San Gior­gio del­la Ri­chin­vel­da. Una cir­co­stan­za ag­ghiac­cian­te, che con­fer­me­reb­be l’ipo­te­si del­la pro­cu­ra di Por­de­no­ne di du­pli­ce omi­ci­dio vo­lon­ta­rio, pia­ni­fi­ca­to da Di Pao­loan­to­nio per uc­ci­der­si in­sie­me al­la mo­glie che lo sta­va la­scian­do. Un fol­le pia­no che è co­sta­to la vi­ta an­che a Flo­rin­do Car­rer, 52en­ne ca­mio­ni­sta di Cessalto. E og­gi è pro­prio il fra­tel­lo di Flo­rin­do, Fer­nan­do a chie­de­re a chi sa qual­co­sa di far­si avan­ti: «Al­cu­ni te­sti­mo­ni sul luo­go dell’in­ci­den­te han­no ri­fe­ri­to di un pas­sa­pa­ro­la fra ca­mio­ni­sti, sul­la pre­sen­za lun­go la pro­vin­cia­le, di un fur­go­ne lan­cia­to a fol­le ve­lo­ci­tà tra le au­to. Al­la gui­da c’era un uo­mo e ac­can­to a lui una don­na che si sbrac­cia­va ter­ro­riz­za­ta, co­me per chie­de­re aiu­to- con­ti­nua Pur­trop­po nes­su­no ha i no­mi di que­ste per­so­ne, la cui testimonianza sa­reb­be ora fon­da­men­ta­le per con­fer­ma­re quan­to pur­trop­po è già chia­ro, e cioè che mi fra­tel­lo è sta­to uc­ci­so». Dai quei rac­con­ti, tra­pe­la­no gli ul­ti­mi at­ti­mi di vi­ta di Ja­mir Te­m­jen­lel­mi­la, 37 an­ni, che ave­va pro­va­to a sal­var­si dal­la fol­lia di un ma­ri­to in­ca­pa­ce di ac­cet­ta­re la sua de­ci­sio­ne di se­pa­rar­si. Ci ha pro­va­to fi­no all’ul­ti­mo. Ma le sue ri­chie­ste di aiu­to agli en­ti pre­po­sti pri­ma, e quel­le brac­cia al­za­te men­tre an­da­va ver­so la mor­te, so­no sta­te va­ne. Ja­mir ave­va de­nun­cia­to il ma­ri­to, si era ri­vol­ta a un cen­tro an­ti­vio­len­za ed era pron­ta a ri­fu­giar­si in una strut­tu­ra pro­tet­ta con le fi­glie per­ché lui la mi­nac­cia­va: «Mi uc­ci­do ma tu vie­ni con me». Ma poi Di Pao­loan­to­nio era fi­ni­to in ospe­da­le, con un trat­ta­men­to sa­ni­ta­rio ob­bli­ga­to­rio. Un ri­co­ve­ro che po­te­va es­se­re la sal­vez­za del­la don­na, ma lui è sta­to di­mes­so e per lei è ini­zia­ta la fi­ne. Di Pao­loan­to­nio, for­se ha pro­va­to a uc­ci­der­la an­che do­me­ni­ca, quan­do al­la gui­da di un al­tro fur­go­ne con lei ac­can­to, si era schian­ta­to con­tro un mu­ro a Cap­pel­la Mag­gio­re. Lu­ne­dì l’at­to fi­na­le, con lui che va a pren­der­la in ospe­da­le a Tre­vi­so e lei che, pro­ba­bil­men­te co­stret­ta, sa­le sul fur­go­ne che l’ha por­ta­ta al­la mor­te. Ja­mir non ce l’ha fat­ta, e con lei, vit­ti­ma in­no­cen­te, an­che Flo­rin­do. Mor­ti che, se­con­do i fa­mi­lia­ri del ca­mio­ni­sta, si sa­reb­be­ro po­tu­te evi­ta­re: «Si par­la tan­to di fem­mi­ni­ci­dio e al­lo­ra ci chie­dia­mo per­ché, do­po tut­to que­sto, a quell’uo­mo non è sta­ta tol­ta la pa­ten­te do­po il Tso? O do­po il pri­mo in­ci­den­te? Per­ché non è sta­to fer­ma­to?».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.