LE COLPE SO­NO DI TUT­TI

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Ste­fa­no Al­lie­vi

Ca­ri sin­da­ci di Co­na e Ba­gno­li, ave­te ra­gio­ne. È da mol­to tem­po che de­nun­cia­te un pro­ble­ma rea­le. Og­gi è in­di­spen­sa­bi­le che sia la po­li­ti­ca che la so­cie­tà vi ascol­ti­no. Vi co­no­scia­mo per­so­nal­men­te, sap­pia­mo del­la vo­stra fa­ti­ca e del­la vo­stra cor­ret­tez­za. La vo­stra vi­ta è cam­bia­ta im­prov­vi­sa­men­te quan­do, nei vo­stri pic­co­li pae­si, in co­stan­te ca­lo de­mo­gra­fi­co, che vi era­va­te at­trez­za­ti ad am­mi­ni­stra­re sa­pen­do co­sa avre­ste do­vu­to fa­re, vi sie­te ri­tro­va­ti, da un gior­no all’al­tro, un quar­to o un ter­zo del­la po­po­la­zio­ne in più, e tutt’al­tri pro­ble­mi da af­fron­ta­re. Da voi, e so­lo da voi, a se­gui­to di pro­ces­si glo­ba­li im­pre­ve­di­bi­li per tut­ti, e dell’egoi­smo po­li­ti­ca­men­te in­te­res­sa­to di mol­ti vo­stri col­le­ghi, che fa­ce­va­no ir­ra­gio­ne­vo­li bar­ri­ca­te an­che per due o die­ci ri­chie­den­ti asi­lo, ri­fiu­tan­do un’ac­co­glien­za dif­fu­sa tran­quil­la­men­te ge­sti­bi­le per chiun­que, vi sie­te ri­tro­va­ti, an­che per l’im­prov­vi­sa­zio­ne de­gli or­ga­ni del­lo Sta­to, a ve­der sti­pa­re in ma­nie­ra in­de­cen­te es­se­ri uma­ni che voi ave­te in­con­tra­to e co­no­sciu­to, e che ri­spet­ta­te, sul vo­stro ter­ri­to­rio, in luo­ghi e in mo­di che non avreb­be­ro po­tu­to e do­vu­to con­te­ner­li: in si­tua­zio­ni af­fol­la­te e di­sa­ge­vo­li, per pe­rio­di trop­po pro­lun­ga­ti, sen­za al­cun ve­ro pro­get­to su di lo­ro.

Da su­bi­to vi sie­te at­ti­va­ti, cam­bian­do le vo­stre prio­ri­tà e la vo­stra vi­ta. E da su­bi­to ave­te te­mu­to che po­tes­se suc­ce­de­re qual­co­sa che fa­ces­se pre­ci­pi­ta­re la si­tua­zio­ne. Da­te le con­di­zio­ni, po­te­va an­da­re an­che mol­to peg­gio, ma quel qual­co­sa ora è suc­ces­so e i no­di de­vo­no es­se­re af­fron­ta­ti, sen­za ul­te­rio­ri rin­vii. Ave­te ra­gio­ne a chie­de­re a vo­ce al­ta al Mi­ni­stro dell’In­ter­no la chiu­su­ra dei cen­tri: co­sì con­ce­pi­ti e ge­sti­ti, so­no in­ci­vi­li per chi ci vi­ve, po­ten­zial­men­te pro­ble­ma­ti­ci per chi ci vi­ve in­tor­no, im­pro­dut­ti­vi ri­spet­to al­le lo­ro fi­na­li­tà. Al­cu­ni cen­tri più gran­di pos­so­no es­se­re ne­ces­sa­ri: ma co­me so­lu­zio­ni ef­fet­ti­va­men­te tem­po­ra­nee e di bre­ve ter­mi­ne, go­ver­na­te in ma­nie­ra di­ver­sa dagli en­ti che le ge­sti­sco­no, con con­trol­li strin­gen­ti del­la lo­ro at­ti­vi­tà, e con i do­vu­ti in­cen­ti­vi an­che per le am­mi­ni­stra­zio­ni che li ospi­ta­no. Ma bi­so­gna an­che che i vo­stri col­le­ghi sin­da­ci e le po­po­la­zio­ni di al­tri pae­si fac­cia­no la lo­ro par­te, at­tra­ver­so un’ac­co­glien­za dif­fu­sa e coor­di­na­ta, co­me av­vie­ne at­tra­ver­so i pro­get­ti Sprar. E so­prat­tut­to con un mi­ni­mo di com­pren­sio­ne dei pro­ces­si in at­to, che an­co­ra non c’è. L’ac­cen­no che fa­ce­vo all’ini­zio al ca­lo de­mo­gra­fi­co dei vo­stri pae­si va­le an­che per la re­gio­ne nel suo com­ples­so e per il pae­se, co­sì co­me le mo­di­fi­ca­zio­ni nel mercato del la­vo­ro che sem­pre più pro­du­co­no mo­bi­li­tà sia in en­tra­ta che in usci­ta, e ai li­vel­li sia al­ti che bas­si di istru­zio­ne e la­vo­ro. E bi­so­gna che la so­cie­tà ne ab­bia con­sa­pe­vo­lez­za. Do­po­di­ché ci so­no tut­ti gli sno­di che so­no di com­pe­ten­za na­zio­na­le, e che ri­guar­da­no gli ac­cor­di con i pae­si d’ori­gi­ne, il con­trol­lo dei flus­si e de­gli sbar­chi, le po­li­ti­che di rim­pa­trio, ma an­che le mo­da­li­tà di ri­co­no­sci­men­to e la ve­lo­ci­tà del­le pra­ti­che re­la­ti­ve, su cui il mi­ni­ste­ro si sta at­ti­van­do, ma i cui ri­tar­di ac­cu­mu­la­ti so­no in­ne­ga­bi­li. Quel­lo che è cer­to è che nes­su­no può più pen­sa­re che la po­li­ti­ca di ac­co­glien­za si pos­sa fa­re per im­po­si­zio­ne del­lo sta­to, o nel to­ta­le di­sin­te­res­se de­gli en­ti lo­ca­li, e at­tra­ver­so coo­pe­ra­ti­ve sen­za pro­get­ti e sen­za con­tat­ti con i co­mu­ni, che non han­no po­te­stà di in­ter­ven­to: per­ché il ri­sul­ta­to sa­reb­be quel­lo che voi vi sie­te do­vu­ti ge­sti­re. Non so­lo inac­cet­ta­bi­le, ma to­tal­men­te di­sfun­zio­na­le. Il che, det­to in al­tri ter­mi­ni, si­gni­fi­ca che oc­cor­re una col­la­bo­ra­zio­ne stret­ta tra que­sti sog­get­ti: nes­su­no, a nes­sun li­vel­lo (co­mu­na­le, re­gio­na­le, na­zio­na­le), può più per­met­ter­si di di­re che non è pro­ble­ma suo; e tut­ti han­no di­rit­to di pa­ro­la e di in­ter­ven­to. Sa­rà più co­sto­sa e fa­ti­co­sa, ma è l’uni­ca mo­da­li­tà che può pro­dur­re ri­sul­ta­ti ef­fi­ca­ci. Le colpe di que­sta man­ca­ta col­la­bo­ra­zio­ne so­no am­pia­men­te di­stri­bui­te a tut­ti i li­vel­li po­li­ti­ci e ter­ri­to­ria­li. È il mo­men­to di vol­ta­re pa­gi­na. Pri­ma che sia trop­po tar­di.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.