Lu­ca Clau­dio si scu­sa con il pm per l’in­ter­vi­sta con­ces­sa dai do­mi­ci­lia­ri «Ma ora fa­te­mi usci­re»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - © RIPRODUZIONE RISERVATA

zan­ti. E quel­la di ie­ri è sta­ta l’en­ne­si­ma da­ta da con­se­gna­re al­la sto­ria nel­la nar­ra­zio­ne dell’epo­pea clau­dia­na. In po­co me­no di un’ora di fac­cia a fac­cia con il pub­bli­co mi­ni­ste­ro Fe­de­ri­ca Bac­ca­gli­ni, ti­to­la­re del­le in­da­gi­ni sull’ex sin­da­co, Lu­ca Clau­dio ha chie­sto scu­sa. Per que­sto nei gior­ni scor­si lui, per boc­ca de­gli av­vo­ca­ti Fer­di­nan­do Bo­non e Gio­van­ni Ca­ru­so, ave­va chie­sto di in­con­tra­re la pro­cu­ra. Un in­con­tro che ha avu­to co­me unico ar­go- quell’in­ter­vi­sta che l’ha ri­por­ta­to in car­ce­re per aver vio­la­to la pre­scri­zio­ne im­po­sta dal giu­di­ce di non par­la­re con chi fos­se estra­neo al­la sua più stret­ta cer­chia di fa­mi­lia­ri. Clau­dio ha spie­ga­to al pm la sua co­ster­na­zio­ne per quan­to suc­ces­so. Ha det­to di es­se­ri fat­to sor­pren­de­re e di es­ser­si la­scia­to an­da­re quan­do gli è sta­to chie­sto co­me si sen­tis­se e co­sa pen­sas­se dell’in­chie­sta. Un’in­da­gi­ne, or­mai ve­ri­tà pro­ces­sua­le, su cui Clau­dio ha pat­teg­gia­to il 20 di­cem­bre scor­so e sui cui si era di­chia­ra­to in­no­cen­te nell’in­ter­vi­sta, no­no­stan­te lui stes­so aves­se am­mes­so in un me­mo­ria­le del giu­gno scor­so par­te del­la sua col­pe­vo­lez­za, no­no­stan­te quan­to det­to nell’in­ter­vi­sta: “Il mio unico er­ro­re è sta­ta la pre­sun­zio­ne di pen­sa­re che ce l’avrei fat­ta an­che da so­lo. Col ca­vo­lo! Mi han­no di­strut­to. Io ave­vo dal­la mia il po­po­lo ma il po­po­lo ha aspet­ta­to il Mes­sia, lo ha am­maz­za­to e poi lo ha fat­to san­to”. Quel­lo che Clau­dio ha vo­lu­to chia­ri­re è che quan­to det­to al­la stam­pa non era par­te di un di­se­gno po­li­ti­co: non c’era­no, in­som­ma, mes­sag­gi da man­da­re a chic­ches­sia né tan­to­me­no le sue pa­ro­le (“so­no in­no­cen­te”) ave­va­no co­me fi­ne ul­ti­mo quel­lo di met­te­re in dub­bio le in­da­gi­ni e l’in­chie­sta del­la pro­cu­ra.

L’ex sin­da­co Non vo­le­vo in­via­re mes­sag­gi né du­bi­ta­re del­le in­da­gi­ni So­no co­ster­na­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.