Una cit­tà, due squa­dre e la ri­cet­ta ve­ne­zia­na per far vi­ve­re un so­gno

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Sport - di Da­nie­le Rea © RIPRODUZIONE RISERVATA

Pren­de­te una cit­tà «dop­pia» e an­che per que­sto dif­fi­ci­le co­me po­che; un sin­da­co che è an­che un uo­mo di sport; due pre­si­den­ti di club con en­tu­sia­smo, sguar­do lun­go, vo­glia di fa­re e — sì, an­che quel­li, ché ser­vo­no sem­pre — de­na­ri da met­te­re sul piat­to; mi­sce­la­te a do­ve­re, eli­mi­na­te gli ine­vi­ta­bi­li gru­mi che si pos­so­no crea­re lun­go la stra­da. Ver­sa­te, ser­vi­te, sor­seg­gia­te. Può es­se­re que­sta la ri­cet­ta per riu­sci­re a rea­liz­za­re qual­co­sa che, a pri­ma vi­sta, sem­bra­va ai più qua­si im­pos­si­bi­le? I fat­ti, fin qui, di­co­no di sì. La «cit­tà dop­pia», di ma­re e di ter­ra, è Ve­ne­zia. Il sin­da­co è Lui­gi Bru­gna­ro, i due pre­si­den­ti Joe Ta­co­pi­na e Ste­fa­no Se­re­na. Dal­la la­gu­na per­cor­ria­mo il pon­te del­la Li­ber­tà ver­so la ter­ra­fer­ma: do­me­ni­ca, do­po an­ni di at­te­sa, il Mestre è tor­na­to a gio­ca­re al­lo sta­dio Ba­rac­ca, a ca­sa. Qua­si due­mi­la spet­ta­to­ri, sold out per la par­ti­ta con l’Al­to­vi­cen­ti­no, tan­ta vo­glia di fa­re fe­sta. Squa­dra pri­ma, en­tu­sia­smo al­le stel­le ma, so­prat­tut­to, tan­to le­git­ti­mo or­go­glio. Se­re­na ci ha mes­so del suo, ha fat­to ri­vi­ve­re l’im­pian­to me­stri­no (nel­la fo­to Er­re­bi la par­ti­ta di ie­ri) e ha re­sti­tui­to a Mestre, ai suoi ti­fo­si e a tut­ti gli «or­fa­ni» del­la fu­sio­ne del 1987 la pos­si­bi­li­tà di ri­tro­var­si at­tor­no ad una sto­ria co­mu­ne. Cha­peau, e non so­lo per i ri­sul­ta­ti del suo Mestre, che pi­lo­ta­to da Mau­ro Zi­ro­nel­li ha la Le­ga Pro or­mai a due pas­si. Ora, ri­per­cor­ria­mo il pon­te in sen­so in­ver­so, tor­nia­mo in la­gu­na. Qui il Ve­ne­zia tar­ga­to Ta­co­pi­na e ti­mo­na­to da Pip­po In­za­ghi è sal­da­men­te pri­mo in Le­ga Pro e viag­gia ver­so il tra­guar­do del­la se­rie B: so­lo due an­ni fa, gli aran­cio­ne­ro­ver­di spro­fon­da­va­no do­po la fi­ne del­la ge­stio­ne Ko­ra­blin. Ora, ma­de in Usa, stan­no fa­cen­do vo­la­re il no­me e il brand Ve­ne­zia in tut­to il mon­do. E lo sta­dio? Il vec­chio e glo­rio­so Pen­zo po­treb­be an­da­re in pen­sio­ne a bre­ve: Bru­gna­ro ha an­nun­cia­to la par­ten­za del pro­get­to del­la nuo­va cit­tà del­lo sport a Tes­se­ra, Ta­co­pi­na ha ri­ba­di­to che en­tro il 2020 tut­to sa­rà pron­to per es­se­re inau­gu­ra­to. Due sta­di, due squa­dre, una (for­se, re­fe­ren­dum per­met­ten­do, an­co­ra per po­co) cit­tà. La cit­tà più bel­la e più dif­fi­ci­le al mon­do, che sta im­par­ten­do una sem­pli­ce le­zio­ne che in trop­pi han­no scor­da­to: se vuoi, puoi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.