SE È SEM­PRE ME­GLIO PRO­MET­TE­RE

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Cor­ra­do Po­li

«Per chi vo­ti»? «Non so, sen­nò a che ser­vo­no le cam­pa­gne elet­to­ra­li»? Do­po una cam­pa­gna elet­to­ra­le, nul­la è più co­me pri­ma, né per gli elet­to­ri né per chi par­te­ci­pa in pri­ma per­so­na all’ago­ne po­li­ti­co. Le elezioni so­no un mo­men­to to­pi­co del­la co­mu­ni­ca­zio­ne di mas­sa, di con­tra­stan­ti ten­ta­ti­vi di con­vin­zio­ne in com­pe­ti­zio­ne l’un l’al­tro. Mus­so­li­ni le di­sprez­za­va de­fi­nen­do­le «lu­di car­ta­cei». Ave­va tor­to, ma an­che un po’ di ra­gio­ne. In ef­fet­ti la cam­pa­gna elet­to­ra­le – gli ame­ri­ca­ni la chia­ma­no per l’ap­pun­to «cor­sa» – so­mi­glia dav­ve­ro a una ga­ra spor­ti­va. Per que­sto af­fa­sci­na chi vi par­te­ci­pa e coin­vol­ge chi sta­bi­li­sce il ri­sul­ta­to con il vo­to pur re­stan­do su­gli spal­ti. Il gio­co im­pli­ca qual­che fur­ba­ta tol­le­ra­bi­le: una vol­ta si usci­va di not­te a co­pri­re i ma­ni­fe­sti dei can­di­da­ti av­ver­si con i pro­pri. Ades­so ci si in­se­ri­sce sul­le pa­gi­ne dei so­cial net­work. Fal­li e si­mu­la­zio­ni di fal­li fan­no par­te del gio­co e, in un pae­se an­co­ra ci­vi­le co­me l’Ita­lia, si evi­ta­no op­por­tu­na­men­te i car­tel­li­ni ros­si. Nel­le elezioni lo­ca­li, an­che di cit­tà me­die qua­li Pa­do­va e Ve­ro­na chia­ma­te que­st’an­no a rin­no­va­re le am­mi­ni­stra­zio­ni, il coin­vol­gi­men­to del cit­ta­di­no è an­co­ra piut­to­sto di­ret­to. Più è pic­co­la la cir­co­scri­zio­ne, più il vo­to di­ven­ta una re­la­zio­ne per­so­na­le tra can­di­da­to ed elet­to­re. Di que­sto ne so­no con­sci i can­di­da­ti a Sin­da­co che cer­ca­no di con­tat­ta­re di­ret­ta­men­te quan­ti più elet­to­ri pos­so­no. Nel­le cit­tà più gran­di si fan­no so­ste­ne­re da più li­ste in mo­do da ave­re a di­spo­si­zio­ne cen­ti­na­ia di can­di­da­ti che, chie­den­do il vo­to per sé, lo tra­sfe­ri­sco­no poi al can­di­da­to sin­da­co.

La com­pe­ti­zio­ne è una del­le po­che ga­ran­zie che i cit­ta­di­ni han­no con­tro la ma­ni­po­la­zio­ne dell’informazione. Gli scet­ti­ci pen­sa­no che i po­li­ti­ci fac­cia­no so­lo “pro­mes­se che nes­su­no man­tie­ne”! È una stu­pi­dag­gi­ne: il so­lo fa­re una pro­mes­sa si­gni­fi­ca man­da­re un mes­sag­gio, in­di­ca­re la via che si in­ten­de per­cor­re­re. Apre la men­te (e il cuo­re) dei cit­ta­di­ni a nuo­ve pos­si­bi­li­tà. Il bra­vo po­li­ti­co promette an­che se sa che non po­trà man­te­ne­re tut­to, ma ope­ra coe­ren­te­men­te nel­la di­re­zio­ne in­di­ca­ta. Se rie­sce a rea­liz­za­re tut­to quel che ha pro­mes­so, vuol di­re che si è li­mi­ta­to al­la me­dio­cri­tà del­la nor­ma­le am­mi­ni­stra­zio­ne sen­za ave­re in­vi­ta­to a guar­da­re ol­tre: “un Sin­da­co per la de­ca­den­za” po­treb­be es­se­re il suo slo­gan. Gli elet­to­ri lo san­no e il più del­le vol­te pre­mia­no chi ha un pro­get­to ri­spet­to a chi di­ce “non si può fa­re”! Per­ché le pa­ro­le con­ta­no in po­li­ti­ca e il so­lo fat­to di an­nun­cia­re qual­co­sa (sen­za esa­ge­ra­zio­ni) crea aspet­ta­ti­ve e fa ra­gio­na­re in mo­do di­ver­so. Per que­sto le cam­pa­gne elet­to­ra­li non la­scia­no nul­la co­me pri­ma. E du­ran­te le cam­pa­gne – men­tre si sca­te­na­no pas­sio­ni e in­te­res­si – si crea­no nuo­ve al­lean­ze, re­la­zio­ni, si co­no­sco­no per­so­ne, si strin­go­no o rom­po­no rap­por­ti, ci si odia e ci si ama. Si par­la tan­tis­si­mo agli al­tri e a se stes­si per cer­ca­re di ca­pi­re, di far ca­pi­re e di con­vin­ce­re. Lin­coln dis­se che un can­di­da­to “può in­gan­na­re al­cu­ni sem­pre e tut­ti qual­che vol­ta, ma mai tut­ti sem­pre”. In ef­fet­ti la com­pe­ti­zio­ne elet­to­ra­le è un mo­men­to di ta­le in­ten­si­tà per cui al­la fi­ne emer­ge la ve­ra per­so­na­li­tà di ognu­no. So­lo agli spe­cia­li­sti del­la co­mu­ni­ca­zio­ne, che og­gi spes­so af­fian­ca­no i can­di­da­ti, spet­ta con­ser­va­re un po’ di ra­zio­na­li­tà nel ma­re di pas­sio­ni uma­ne ec­ci­ta­te dal­la ri­chie­sta di un vo­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.