Mor­to in gi­ta, i le­ga­li: in­da­ga­te sei com­pa­gni

Ca­so Mau­ran­to­nio, la Pro­cu­ra vuole ar­chi­via­re ma da­van­ti al gip il col­po di sce­na

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Ni­co­la Mu­na­ro

Non si chiu­de il ca­so di Do­me­ni­co Mau­ran­to­nio, lo stu­den­te padovano mor­to in gi­ta, giù dal quin­to pia­no. I le­ga­li al gip: in­da­ga­te sei com­pa­gni di scuo­la.

Ora ci so­no an­che no­mi e co­gno­mi dei (pre­sun­ti) re­spon­sa­bi­li. So­no se­gre­ti e so­no tut­ti con­ser­va­ti nel fa­sci­co­lo in ma­no al giu­di­ce per le in­da­gi­ni pre­li­mi­na­ri di Mi­la­no, Pao­lo Gui­di. Ap­pe­na do­po Pa­squa se ne sa­prà di più: ov­ve­ro si co­no­sce­rà il de­sti­no dell’inchiesta sul­la mor­te di Do­me­ni­co Mau­ran­to­nio, lo stu­den­te padovano di 19 an­ni che il 10 mag­gio 2015 pre­ci­pi­tò dal quin­to pia­no dell’ho­tel «Da Vin­ci» nel qua­le al­log­gia­va in­sie­me ai suoi com­pa­gni di clas­se, in gi­ta sot­to la Ma­don­ni­na per l’Ex­po. Un fa­sci­co­lo per omi­ci­dio col­po­so con­tro igno­ti che i so­sti­tu­ti pro­cu­ra­to­ri me­ne­ghi­ni Al­ber­to No­bi­li e Gian­car­la Se­ra­fi­ni vo­glio­no ar­chi­via­re al­la vo­ce tra­ge­dia.

Do­me­ni­co era so­lo quan­do cad­de, pro­ba­bil­men­te per un ca­po­gi­ro, e lo han­no ri­pe­tu­to più vol­te ie­ri nell’udien­za a por­te chiu­se da­van­ti al gip. Ri­co­stru­zio­ne re­spin­ta punto su punto dal­la te­si dell’av­vo­ca­to Eral­do Ste­fa­ni, che rap­pre­sen­ta la fa­mi­glia del­lo stu­den­te e che ie­ri è tor­na­to al­la ca­ri­ca chie­den­do nuo­ve in­da­gi­ni. A ir­ro­bu­sti­re la pro­pria ipo­te­si, il le­ga­le dei Mau­ran­to­nio ha mes­so sul ta­vo­lo sei no­mi di al­tret­tan­ti com­pa­gni di scuo­la di Do­me­ni­co, in­di­can­do­li co­me pre­sun­ti re­spon­sa­bi­li di quan­to ac­ca­du­to. È la pri­ma vol­ta che l’av­vo­ca­to dei pa­ren­ti del di­cian­no­ven­ne fa no­mi e co­gno­mi: pro­ba­bil­men­te un as­so te­nu­to nel­la ma­ni­ca e gio­ca­to quan­do la par­ti­ta era ar­ri­va­ta al­la svolta de­ci­si­va. Ste­fa­ni in­fat­ti chie­de che si com­pa­ri un pro­fi­lo ge­ne­ti­co tro­va­to sul­la ma­no del ra­gaz­zo.

Nell’ipo­te­si del le­ga­le quel­la not­te Mau­ran­to­nio era nel cor­ri­do­io dell’al­ber­go in­sie­me ad al­tri com­pa­gni di clas­se, sa­reb­be sta­to sol­le­va­to for­se per gio­co e te­nu­to a te­sta in giù fuo­ri dal­la fi­ne­stra per la gam­be da al­cu­ni ra­gaz­zi e sa­reb­be poi pre­ci­pi­ta­to. Tan­to che nel­la ri­co­stru­zio­ne dell’av­vo­ca­to del­la fa­mi­glia si punta su un’impronta di una ma­no tro­va­ta all’ester­no del da­van­za­le, che in­di­che­reb­be «l’estre­mo ten­ta­ti­vo di Do­me­ni­co di ag­grap­par­si». Per gli in­qui­ren­ti rap­pre­sen­te­reb­be una sor­ta di «fre­na­ta» con un ma­no, al­la ri­cer­ca di un ap­pi­glio do­po il ma­lo­re. Da­gli ac­cer­ta­men­ti era emer­so, in­fat­ti, che il ra­gaz­zo quel­la se­ra ave­va be­vu­to mol­to fi­no a tar­da not­te e si sa­reb­be sen­ti­to ma­le in ca­me­ra, sa­reb­be usci­to dal­la stan­za e si sa­reb­be tro­va­to nel cor­ri­do­io da so­lo (so­no sta­te tro­va­te lì an­che trac­ce di fe­ci). Si sa­reb­be spor­to dal­la fi­ne­stra e sa­reb­be ca­du­to ac­ci­den­tal­men­te, pro­ba­bil­men­te per un ma­lo­re.

La­co­ni­co il com­men­to di Ma­ria Grazia Ru­bi­ni, ex pre­si­de del li­ceo Nie­vo di Pa­do­va — fre­quen­ta­to da Do­me­ni­co — in pen­sio­ne da set­tem­bre: «Ho mol­ta fi­du­cia nel­la giu­sti­zia ita­lia­na, la­scia­mo fa­re al­la ma­gi­stra­tu­ra. Non pos­so ag­giun­ge­re al­tro, io non c’ero e non so nul­la in più di ciò che è già sta­to det­to e scrit­to. I fa­mi­lia­ri? Non ho più avu­to mo­do di in­con­trar­li e non sta cer­to a me fa­re va­lu­ta­zio­ni sul­la lo­ro istan­za di op­po­si­zio­ne all’archiviazione”.

La vit­ti­ma Do­me­ni­co Mau­ran­to­nio, il li­cea­le padovano di 19 an­ni che è pre­ci­pi­ta­to da una fi­ne­stra dell’ho­tel «Da Vin­ci» di Mi­la­no. Si apre il gial­lo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.