Rim­bor­si, mi­ni pro­ro­ga E la Re­gio­ne pa­ga i le­ga­li per chi fa cau­sa

Tran­sa­zio­ni, cin­que gior­ni in più per por­ta­re il sì al 70% Ve­ne­zia dà 500 mi­la eu­ro ai le­ga­li del­le as­so­cia­zio­ni

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Fe­de­ri­co Ni­co­let­ti

Ex po­po­la­ri, per i rim­bor­si ai so­ci az­ze­ra­ti una pro­ro­ga di cin­que gior­ni, per ar­ri­va­re al 70% di ade­sio­ni. In una par­ti­ta de­ci­si­va per il fu­tu­ro, con una trat­ta­ti­va sul­la ri­ca­pi­ta­liz­za­zio­ne in mez­zo al gua­do di una com­pli­ca­ta trat­ta­ti­va tra Fran­co­for­te e Bru­xel­les, do­ve il il rim­bor­so è sta­to ac­cet­ta­to fi­no­ra da 115 mi­la so­ci. Al­la fi­ne la mi­ni-pro­ro­ga già nell’aria e già de­ci­sa dai due cda, è sta­ta con­fer­ma­ta ie­ri da Po­po­la­re di Vi­cen­za e Ve­ne­to Ban­ca. Che han­no de­ci­so di pro­ro­ga­re il ter­mi­ne dell’of­fer­ta pub­bli­ca di tran­sa­zio­ne, in sca­den­za ie­ri se­ra, al­le 13.30 di mar­te­dì pros­si­mo. Ter­mi­ne a quel punto ul­ti­mo, vi­sto che il da­to fi­na­le sull’esi­to dell’ope­ra­zio­ne aper­ta il 9 gen­na­io do­vrà es­se­re co­mu­ni­ca­to nei cda del po­me­rig­gio, che do­vran­no chiu­de­re i bi­lan­ci 2016 (le per­di­te cu­mu­la­te tra le due ban­che so­no at­te­se in­tor­no ai 3 mi­liar­di di eu­ro) an­che con i da­ti sui pa­ga­men­ti ai so­ci e gli ac­can­to­na­men­ti sui ri­schi le­ga­li de­ri­va­ti a ca­sca­ta dall’ope­ra­zio­ne rim­bor­si.

L’obiet­ti­vo è di sfrut­ta­re l’in­da di ade­sio­ne de­gli ul­ti­mi gior­ni ( rad­dop­pia­to, in ter­mi­ni di azio­ni con­fe­ri­te in me­dia per gior­no, a Vi­cen­za dal 2 per cen­to al 4 de­gli ul­ti­mi gior­ni) per por­ta­re al 70% i sì ai rim­bor­si, che so­no ar­ri­va­ti fin qui da 115.200 so­ci, con un ca­pi­ta­le vi­ci­no al 65%. Nel det­ta­glio, a Vi­cen­za so­no sta­ti fin qui 63.300 i so­ci a di­re di sì, pa­ri al 64,04% del­le azio­ni in pe­ri­me­tro, che sa­le al 65,4% con­si­de­ran­do i so­ci ir­re­pe­ri­bi­li. I so­ci che han­no già fis­sa­to un ap­pun­ta­men­to so­no pa­ri al 4%, men­tre una pla­tea del 6% è an­co­ra in­de­ci­so. L’obiet­ti­vo di sa­li­re e su­pe­ra­re il 70% pa­re a por­ta­ta di ma­no.

Più in­die­tro in­ve­ce, al­la ve­ri­fi­ca di ie­ri a dif­fe­ren­za di quan­to co­mu­ni­ca­to nei gior­ni pre­ce­den­ti, Ve­ne­to Ban­ca. Il sì è giun­to da 51.900 so­ci, che han­no por­ta­to in ade­sio­ne all’of­fer­ta il 62% del­le azio­ni in pe­ri­me­tro, che sa­le al 64% con gli ir­re­pe­ri­bi­li. I so­ci che han­no già fis­sa­to l’ap­pun­ta­men­to per fir­ma­re il sì equi­va­le ad un al­tro 2%, men­tre gli in­de­ci­si han­no in ma­no un 9%.

In en­tram­bi i ca­si per fa­vo­ri­re l’ade­sio­ne all’of­fer­ta (9 eu­ro a Vi­cen­za e il 15% del prez­zo di ac­qui­sto del­le azio­ni nel ca­so di Mon­te­bel­lu­na, per le azio­ni ac­qui­sta­te dal 2007 in avan­ti) le fi­lia­li del­le due ban­che re­ste­ran­no aper­te di qui a lu­ne­dì pros­si­mo fi­no a al­le 18.45. Sa­ba­to un’al­tra gior­na­ta di aper­tu­ra straor­di­na­ria, con le fi­lia­li aper­te dal­le 9 al­le 13, men­tre mar­te­dì pros­si­mo le ade­sio­ni all’of­fer­ta si ri­ce­ve­ran­no fi­no al­le 13.30.

L’esi­to del­la par­ti­ta rim­bor­si co­me si sa è il pri­mo var­co de­ci­si­vo che le due ban­che de­vo­no at­tra­ver­sa­re per con­ti­nua­re sul­la stra­da del­le ri­ca­pi­ta­liz­za­zio­ne. I pia­ni in­du­stria­li che ten­do­no al­la fu­sio­ne so­no già sul ta­vo­lo del­la Bce a Fran­co­for­te, che li sta va­glian­do, per in­di­ca­re le ne­ces­si­tà di nuo­vo ca­pi­ta­le (at­te­so per 4,7 mi­liar­di di eu­ro) e ve­ri­fi­ca­re l’am­mis­si­bi­li­tà per le due ve­ne­te del­la ri­ca­pi­ta­liz­za­zio­ne pre­cau­zio­na­le con i fon­di sta­ta­li, che an­drà trat­ta­ta con la Com­mis­sio­ne eu­ro­pea: la com­mis­sa­ria al­la con­cor­ren­za, Mar­gre­the Ve­sta­ger, è tor­na­ta ad apri­re ie­ri al rim­bor­so dei ri­spar­mia­to­ri re­tail che han­no in ma­no ob­bli­ga­zio­ni su­bor­di­na­te, che an­dran­no con­ver­ti­te nell’au­men­to di ca­pi­ta­le.

Par­ti­ta com­pli­ca­ta e che pre­oc­cu­pa sem­pre più, per il tem­po che ri­schia di pren­de­re. Tem­po che le due ban­che, co­mun­que sot­to pres­sio­ne, non han­no. La mes­sa in si­cu­rez­za e il ri­lan­cio de­ve av­ve­ni­re in tem­pi ra­pi­di. Per evi­ta­re il ri­schio di un’im­plo­sio­ne. Un ap­pel­lo a far pre­sto nel­la ri­ca­pi­ta­liz­za­zio­ne è giun­to ie­ri dal pre­si­den­te del­la Re­gio­ne, Lu­ca Za­ia: «Di fron­te ad un ter­re­mo­to fi­nan­zia­rio che ha se­mi­na­to an­go­scia in cen­ti­na­ia di mi­glia­ia di fa­mi­glie e di azien­de e che ha in­fer­to al si­ste­ma dell’eco­no­mia ve­ne­ta per­di­te equi­pa­ra­bi­li a quel­le su­bi­te in una guer­ra – ha det­to – mi aspet­to ora che an­che lo Sta­to, at­tra­ver­so le sue mas­si­me isti­tu­zio­ni eco­no­mi­che e fi­nan­zia­rie e gli or­ga­ni di vi­gi­lan­za, fac­cia la pro­pria par­te e aiu­ti il si­ste­ma cre­di­ti­zio lo­ca­le a ri­pia­na­re le per­di­te e a re­cu­pe­ra­re cre­di­bi­li­tà e sol­vi­bi­li­tà».

Di­chia­ra­zio­ne giun­ta nel­la gior­na­ta in cui la giun­ta re­gio­na­le ha ap­pro­va­to un pla­fond di 500 mi­la eu­ro per so­ste­ne­re le spe­se di con­su­len­za e as­si­sten­za le­ga­le al­le as­so­cia­zio­ni im­pe­gna­te nei con­ten­zio­si le­ga­li con­tro le ban­che ri­spet­to al­le azio­ni az­ze­ra­te. «La Re­gio­ne è sta­ta di pa­ro­la e ga­ran­ti­sce a co­mi­ta­ti ed as­so­cia­zio­ni la pos­si­bi­li­tà di esi­ge­re ri­sar­ci­men­ti per mi­glia­ia di pic­co­li ri­spar­mia­to­ri dan­neg­gia­ti», ha det­to Za­ia. In un’azio­ne che di cer­to le due ex po­po­la­ri, im­pe­gna­te a por­ta­re a ca­sa il sì ai rim­bor­si, non ve­dran­no con fa­vo­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.