Bi­del­la la­vo­ra 4 ore e poi sta a ca­sa tre me­si

Vi­gon­za, il ca­so in una scuo­la me­dia. La pre­si­de: «Im­pos­si­bi­le ga­ran­ti­re il ser­vi­zio»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - Ales­san­dro Mac­ciò

Ha la­vo­ra­to un so­lo gior­no, per quat­tro ore. Poi, tra un cer­ti­fi­ca­to me­di­co e l’al­tro, non si è vi­sta per più di tre me­si. E in­tan­to ha con­ti­nua­to a per­ce­pi­re lo sti­pen­dio (al 30% dal se­con­do me­se si as­sen­za).

Al­le scuole me­die di Vi­gon­za (Pa­do­va) c’è una col­la­bo­ra­tri­ce sco­la­sti­ca re­si­den­te al Cen­tro­sud che ogni set­ti­ma­na di­ce di am­ma­lar­si o di ave­re il fi­glio pic­co­lo ma­la­to pro­prio nei tre gior­ni di ser­vi­zio: il ca­so è emer­so da una chat che riu­ni­sce 1.800 in­se­gnan­ti ed è fi­ni­to sul ta­vo­lo di Fe­der­con­tri­buen­ti, fa­cen­do scat­ta­re la se­gna­la­zio­ne.

Stan­do al­le ri­co­stru­zio­ni del­la scuo­la, tut­to ini­zia a no­vem­bre quan­do l’isti­tu­to si at­ti­va per co­pri­re 18 ore di ser­vi­zio set­ti­ma­na­le nei gior­ni di mer­co­le­dì, gio­ve­dì e sa­ba­to. Na­dia Vi­da­le, la pre­si­de, pe­sca dal­la gra­dua­to­ria e chia­ma una don­na che vi­ve a sei­cen­to chi­lo­me­tri da Pa­do­va: la bi­del­la si pre­sen­ta al sa­ba­to e as­si­cu­ra che tro­ve­rà una si­ste­ma­zio­ne in zo­na. Mer­co­le­dì pe­rò il fi­glio si am­ma­la, la don­na tra­smet­te il cer­ti­fi­ca­to del pe­dia­tra e si pren­de due gior­ni di per­mes­so, co­me pre­vi­sto dal­le di­spo­si­zio­ni in ma­te­ria di tu­te­la e so­ste­gno del­la ma­ter­ni­tà. Sa­ba­to in­ve­ce è lei ad am­ma­lar­si: la scuo­la ri­ce­ve il cer­ti­fi­ca­to del­la guar­dia me­di­ca con pro­gno­si di un gior­no e chie­de all’Uls di ese­gui­re una vi­si­ta fi­sca­le, ma nes­su­no prov­ve­de. Lo sche­ma si ri­pe­te per do­di­ci set­ti­ma­ne: mer­co­le­dì il bim­bo va dal pe­dia­tra, sa­ba­to la don­na si ri­vol­ge al­la guar­dia me­di­ca. La scuo­la sol­le­ci­ta più vol­te l’Usl, che pe­rò in­ter­vie­ne so­lo il lu­ne­dì.

Do­po un me­se, la pre­si­de chie­de spie­ga­zio­ni: la bi­del­la ri­spon­de che la ba­by­sit­ter si è in­for­tu­na­ta do­po il pri­mo gior­no di la­vo­ro, per cui non sa a chi la­scia­re il fi­glio. La di­ri­gen­te, al­lo­ra, le chie­de di re­ce­de­re dal con­trat­to per la­scia­re il po­sto a un’al­tra per­so­na ma la bi­del­la vuole re­sta­re in ser­vi­zio per ac­cu­mu­la­re pun­ti. Ri­sul­ta­to: ol­tre 200 ore di as­sen­za e mi­glia­ia di eu­ro sot­trat­ti al­lo Sta­to.

Il ca­so fa il pa­io con quel­lo dell’isti­tu­to Se­ve­ri, do­ve a gen­na­io la pre­si­de (sem­pre la Vi­da­le) ave­va se­gna­la­to un do­cen­te-com­mer­cia­li­sta di Be­ne­ven­to tor­na­to in clas­se do­po me­si di as­sen­za so­lo per chie­de­re un nuo­vo con­ge­do: «Si trat­ta di isti­tu­ti giu­ri­di­ci le­git­ti­mi che tu­te­la­no il di­rit­to del la­vo­ra­to­re all’as­sen­za ma han­no co­me esi­to l’im­pos­si­bi­li­tà di ero­ga­re il ser­vi­zio – spie­ga la pre­si­de -. Il cer­ti­fi­ca­to del pe­dia­tra è un pro­ble­ma, per­ché ai fi­gli dei di­pen­den­ti non è pos­si­bi­le in­via­re la vi­si­ta fi­sca­le. Quan­do sa­ran­no ag­gior­na­te le gra­dua­to­rie, inol­tre, que­sta per­so­na po­trà ve­der­si ri­co­no­sciu­to il pe­rio­do co­me se aves­se pre­sta­to ser­vi­zio».

«Sia­mo di fron­te a un ca­so-li­mi­te - com­men­ta Gian­na Mar­co­ne, di Fe­nal­ca scuo­la - che cre­do nes­sun sin­da­ca­to avrà il co­rag­gio di tu­te­la­re nel ca­so la scuo­la scel­ga di scor­re­re la gra­dua­to­ria. Ser­ve più au­to­no­mia ai di­ri­gen­ti, al­tri­men­ti l’uso inap­pro­pria­to de­gli isti­tu­ti giu­ri­di­ci di­ven­ta abu­so e pe­na­liz­za chi ha ef­fet­ti­ve ne­ces­si­tà».

Col­la­bo­ra­tri­ce sco­la­sti­ca As­sun­ta per la­vo­ra­re co­me col­la­bo­ra­tri­ce sco­la­sti­ca al­le me­die di Vi­gon­za, una don­na ha la­vo­ra­to un so­lo gior­no, poi una raf­fi­ca di per­mes­si

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.