L’im­pren­di­to­re uc­ci­so dal fi­glio

Un col­po al­la nu­ca con una ca­ra­bi­na: «Era uno scher­zo, non sa­pe­vo fos­se ca­ri­ca»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Ti­sbe Cio­cio­la

SEL­VAZ­ZA­NO (PA­DO­VA) Im­pren­di­to­re uc­ci­so, ar­re­sta­to il fi­glio di 16 an­ni. Ha con­fes­sa­to ie­ri di aver­gli spa­ra­to col fu­ci­le ru­ba­to al non­no ma ha an­che det­to che vo­le­va so­lo fa­re uno scher­zo. Vo­le­va spa­ven­tar­lo e non sa­pe­va che il fu­ci­le fos­se ca­ri­co. Poi avreb­be in­sce­na­to ur­la e do­lo­re do­po aver na­sco­sto per pau­ra l’ar­ma po­co lon­ta­no da ca­sa.

Ar­re­sta­to, è sta­to por­ta­to nel car­ce­re mi­no­ri­le di San­ta Bo­na a Tre­vi­so con l’ac­cu­sa di omi­ci­dio vo­lon­ta­rio.

SEL­VAZ­ZA­NO DEN­TRO (PA­DO­VA) Ha pran­za­to ed è sce­so in ta­ver­na. Si è tol­to le pan­to­fo­le, si è ste­so sul di­va­no e ha ac­ce­so la te­le­vi­sio­ne. Chis­sà se ha sen­ti­to i pas­si fel­pa­ti al­le spal­le, chis­sà se ha sen­ti­to il ru­mo­re del fu­ci­le che si ca­ri­ca. Un lam­po di lu­ce ha spen­to tut­to ed En­ri­co Bog­gian, 52 an­ni, im­pren­di­to­re di Sel­vaz­za­no Den­tro, non sa­prà mai che la ma­no che lo ha uc­ci­so è quel­la del suo pri­mo­ge­ni­to. Un fi­glio di 16 an­ni.

Un’ese­cu­zio­ne. An­zi no, uno scher­zo. Uno scher­zo fi­ni­to ma­le. Co­sì giu­ra que­sto ra­gaz­zo atle­ti­co che al ter­mi­ne di una lun­ga not­te di in­ter­ro­ga­to­ri ha con­fes­sa­to il suo fra­gi­le se­gre­to. E l’as­sen­za di un ve­ro mo­ven­te, di ten­sio­ni con­cla­ma­te o no­te in fa­mi­glia, sem­bra da­re una chan­ce al­la sua nuo­va ver­sio­ne.

I ca­ra­bi­nie­ri del nu­cleo in­ve­sti­ga­ti­vo di Pa­do­va han­no pres­sa­to con le lo­ro domande quel gio­va­ne che, ve­ner­dì se­ra, non li ave­va del tut­to con­vin­ti. Era sta­to lo stes­so ado­le­scen­te a da­re l’al­lar­me per la mor­te del pa­dre ve­ner­dì, nel pri­mo po­me­rig­gio: agli in­qui­ren­ti ha ri­fe­ri­to di es­ser­si sve­glia­to al­le 7,30 e, dal mo­men­to che ave­va un po’ di mal di pan­cia, ave­va pre­fe­ri­to non an­da­re a scuo­la. Do­po la co­la­zio­ne, è an­da­to a ca­sa dei non­ni pa­ter­ni, ad ap­pe­na 150 me­tri di di­stan­za dal­la sua vil­let­ta di via Mon­te San­to. Ha stu­dia­to un po’ e ha aiu­ta­to il non­no in giar­di­no. In­tor­no al­le 13,30 è tor­na­to a ca­sa do­ve ha pran­za­to con il pa­dre. «Fi­ni­to di man­gia­re, mi ha det­to che la sua bi­ci fa­ce­va un ru­mo­re stra­no – ha rac­con­ta­to una pri­ma vol­ta ai ca­ra­bi­nie­ri – co­sì mi ha sug­ge­ri­to di fa­re un gi­ret­to per con­trol­lar­la. So­no usci­to pri­ma del­le 14 e so­no tor­na­to una ven­ti­na di mi­nu­ti do­po». Ha ci­to­fo­na­to al­la vi­ci­na chie­den­do­le di apri­re il can­cel­lo: suo pa­dre, in­fat­ti, non ri­spon­de­va al cam­pa­nel­lo. A quel pun­to è sce­so in ta­ver­na e qui lo ha tro­va­to ri­ver­so, un fo­ro di pro­iet­ti­le sul­la nu­ca, il san­gue che ave­va or­mai in­tri­so i cu­sci­ni del di­va­no sul qua­le sta­va se­mi­di­ste­so. In ter­ra, a mez­zo me­tro dal di­va­no, un bos­so­lo. Uno dei vi­ci­ni, più tar­di, rac­con­te­rà ai ca­ra­bi­nie­ri di aver sen­ti­to uno spa­ro una man­cia­ta di mi­nu­ti pri­ma le 14. Il ra­gaz­zo, sot­to choc, ha ini­zia­to ad ur­la­re, ri­chia­man­do l’at­ten­zio­ne dei vi­ci­ni e dan­do di fat­to l’al­lar­me. In pre­da a un forte spa­ven­to, è sta­to ac­com­pa­gna­to dal­la ma­dre in ospe­da­le, da do­ve ne usci­to so­lo in se­ra­ta. E’ a quel pun­to, in­tor­no al­le 21, che i ca­ra­bi­nie­ri han­no po­tu­to sen­tir­lo con cal­ma. Del re­sto, era sta­to pro­prio il ra­gaz­zo l’ul­ti­mo a ve­der­lo vi­vo e il pri­mo a tro­var­lo da mor­to. E co­sì l’ado­le­scen­te ha tra­scor­so una not­te a par­la­re con i mi­li­ta­ri, ri­pe­ten­do lo stes­so rac­con­to. Una sto­ria fin trop­po pre­ci­sa ne­gli ora­ri: par­ti­co­la­re, que­sto, che ha fat­to in­so­spet­ti­re gli in­ve­sti­ga­to­ri. Ha sot­to­li­nea­to fin da su­bi­to che quan­do è sta­to spa­ra­to il col­po che ha uc­ci­so suo pa­dre, lui era fuo­ri ca­sa. C’era pe­rò an­che un’al­tra co­sa che non tor­na­va. Il ra­gaz­zo se­du­to da­van­ti agli uo­mi­ni in di­vi­sa era fred­do, di­stac­ca­to, co­me se ri­pe­tes­se un co­pio­ne im­pa­ra­to a me­mo­ria. Gli han­no co­sì chie­sto di rac­con­ta­re la sto­ria. An­co­ra e an­co­ra. E ogni vol­ta, la ri­pe­te­va con un mi­ni­mo di in­cer­tez­za in più.

Nel frat­tem­po, i ca­ra­bi­nie­ri han­no sco­per­to che in tut­ta la fa­mi­glia c’era so­la­men­te un’ar­ma, una ca­ra­bi­na ca­li­bro 22 re­go­lar­men­te de­te­nu­ta dal con­vi­ven­te del­la non­na pa­ter­na, quel­lo stes­so «non­no» con il qua­le il ra­gaz­zo ave­va tra­scor­so la mat­ti­na­ta, e che quel fu­ci­le era spa­ri­to pro­prio ve­ner­dì mat­ti­na dal­la ca­me­ra da let­to do­ve ve­ni­va in ge­ne­re ri­po­sto. «Non ho mai in­se­gna­to a mio ni­po­te ad usa­re il fu­ci­le – ha spie­ga­to l’an­zia­no agli in­qui­ren­ti -. Pe­rò cer­to, lui era cu­rio­so, qual­che do­man­da in pas­sa­to me l’ave­va fat­ta». Mes­so al­le stret­te, do­po qua­si 24 ore dal­la mor­te del pa­dre, il ra­gaz­zo non ce l’ha fat­ta più, è crol­la­to, è scop­pia­to a pian­ge­re e in­tor­no al­le 13,30 ha am­mes­so tut­to. «É sta­to uno scher­zo fi­ni­to ma­le. Vo­le­vo so­lo far­gli sen­ti­re il clic da die­tro per spa­ven­tar­lo. Non pen­sa­vo che il fu­ci­le del non­no aves­se il col­po in can­na...». E’ co­sì che si è giu­sti­fi­ca­to il ra­gaz­zo, as­si­sti­to dall’av­vo­ca­to Ni­co­la Cen­ci, da­van­ti al pub­bli­co mi­ni­ste­ro del­la Pro­cu­ra dei Mi­no­ri di Ve­ne­zia, Mo­ni­ca Maz­za, ar­ri­va­ta in so­sti­tu­zio­ne del col­le­ga padovano Ro­ber­to Pic­cio­ne quan­do ci si è re­si con­to del ruo­lo dell’ado­le­scen­te nell’omi­ci­dio.

Spa­ven­ta­to da quan­to ap­pe­na fat­to, ha sca­glia­to con for­za l’ar­ma in ter­ra, di­strug­gen­do­ne la can­na. Poi ha af­fer­ra­to il fu­ci­le, ha in­for­ca­to la bi­ci ed è cor­so a na­scon­der­lo in un ce­spu­glio di ro­vi nei cam­pi die­tro ca­sa. A quel pun­to, con una sto­ria plau­si­bi­le in men­te, è tor­na­to e ha fat­to il pos­si­bi­le per pren­de­re le di­stan­ze da quel­la mor­te co­sì tra­gi­ca. «Ha agi­to in que­sto mo­do per pau­ra – ha spie­ga­to l’av­vo­ca­to Cen­ci -. E’ un ra­gaz­zi­no spa­ven­ta­to che in quel mo­men­to non riu­sci­va ad ac­cet­ta­re la gra­vi­tà di ciò che ave­va ap­pe­na fat­to». Do­po ore di in­ter­ro­ga­to­rio, il pm ha de­ci­so il fer­mo con l’ac­cu­sa di omi­ci­dio vo­lon­ta­rio. So­lo due pa­ro­le che, ie­ri se­ra, han­no fat­to apri­re a un gio­va­ne che vo­le­va so­lo fa­re uno scher­zo le por­te del car­ce­re mi­no­ri­le di Tre­vi­so.

Ve­ner­dì Pa­pà di­ce­va che la bi­ci fa­ce­va ru­mo­re e so­no usci­to a pro­var­la Al rien­tro non ri­spon­de­va Sa­ba­to È sta­to uno scher­zo fi­ni­to ma­le, vo­le­vo so­lo far­gli sen­ti­re il clic da die­tro per far­gli pau­ra La pri­ma ver­sio­ne Ave­va in­sce­na­to ur­la e do­lo­re. Il suo le­ga­le: «Era spa­ven­ta­to e non riu­sci­va ad ac­cet­tar­lo»

Coniugi En­ri­co Bog­gian e la mo­glie, in una fo­to di po­co tem­po fa. Una vi­ta di­strut­ta in mo­do as­sur­do

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.