«Vai in ma­ter­ni­tà? Al­lo­ra pa­ga­ci il tuo so­sti­tu­to»

Tre­vi­so, la Cgil de­nun­cia l’as­sur­da pras­si di un im­pren­di­to­re: «La di­pen­den­te non era ar­rab­bia­ta le sem­bra­va so­lo stra­no». L’in­ter­ven­to ha evi­ta­to la bef­fa: «In trop­pi ca­val­ca­no la di­spe­ra­zio­ne»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Sil­via Ma­diot­to

TRE­VI­SO Ap­pren­di­sta in un’azien­da ar­ti­gia­na, si è sen­ti­ta pro­por­re dal ti­to­la­re que­sta «so­lu­zio­ne» per la pros­si­ma ma­ter­ni­tà: «I sol­di per il tuo so­sti­tu­to ce li met­ti tu. Al­tri­men­ti ti di­met­ti».

TRE­VI­SO Non si è nem­me­no ar­rab­bia­ta. Stu­pi­ta, cer­to, ma non ar­rab­bia­ta. Co­me se fos­se qua­si scon­ta­to, co­me se po­tes­se an­da­re peg­gio di co­sì. Quan­do il ti­to­la­re le ha det­to che sa­reb­be sta­ta lei, in­cin­ta di po­chi me­si, a do­ver pa­ga­re lo sti­pen­dio del suo so­sti­tu­to per la du­ra­ta del­la ma­ter­ni­tà, e quan­do le ha det­to che in man­can­za di que­sta ga­ran­zia avreb­be do­vu­to ras­se­gna­re le di­mis­sio­ni, ci ha pen­sa­to un po’ e ha so­spet­ta­to che qual­co­sa non an­das­se. È sta­to il sin­da­ca­to a cui si era ri­vol­ta, la Cgil di Tre­vi­so, a dir­le che non era­no ipo­te­si ac­cet­ta­bi­li e che avreb­be di­fe­so lei e il suo di­rit­to di mam­ma la­vo­ra­tri­ce. Ma rischia di es­se­re so­lo la pun­ta di un ice­berg per­ché emer­ge un ca­so non uni­co e nem­me­no co­sì ra­ro.

La sto­ria è di quel­le che la­scia­no un fon­do di ama­rez­za ben­ché si sia ri­sol­ta nel mi­glio­re dei mo­di. Si svol­ge in una pic­co­la azien­da ar­ti­gia­na del set­to­re car­to­gra­fi­co del­la Mar­ca, due di­pen­den­ti, la fa­mi­glia coin­vol­ta nel­la ge­stio­ne e nel­la pro­du­zio­ne: una sin­te­si di rap­por­ti uma­ni e pro­fes­sio­na­li pa­ra­dig­ma­ti­ca nell’im­pren­di­to­ria del Nor­de­st. Fra i di­pen­den­ti c’è an­che una ven­ti­cin­quen­ne ap­pren­di­sta che, qual­che gior­no fa, co­mu­ni­ca al ti­to­la­re di es­se­re in­cin­ta. È una no­ti­zia che riem­pie di gio­ia una don­na ma che, con­sa­pe­vol­men­te, po­ne an­che dei dub­bi su qua­le sa­rà la rea­zio­ne del da­to­re di la­vo­ro. Quan­te se ne sen­to­no, in gi­ro, fra di­mis­sio­ni in bian­co e con­trat­ti non rin­no­va­ti a cau­sa di un pan­cio­ne. La gio­va­ne ne par­la quin­di al ti­to­la­re che la po­ne su­bi­to da­van­ti a un bivio: «Mi ha pro­po­sto che, du­ran­te la ma­ter­ni­tà, dia io a lo­ro i sol­di per pa­ga­re il mio so­sti­tu­to – ha rac­con­ta­to al sin­da­ca­to -. Mi è par­so stra­no, ma se non lo fac­cio vo­glio­no che mi di­met­ta. Al­tri­men­ti te­mo che mi li­cen­zie­ran­no lo­ro». Il suo da­to­re di la­vo­ro in­fat­ti ha op­po­sto la spe­sa che avreb­be do­vu­to so­ste­ne­re per an­ti­ci­pa­re l’Inps, un co­sto ri­te­nu­to in­so­ste­ni­bi­le per l’at­ti­vi­tà.

Ni­co­la Atal­mi, mem­bro del­la se­gre­te­ria del­la Cgil, do­po il con­tat­to con la ra­gaz­za ha sgra­na­to gli oc­chi e chie­sto su­bi­to un in­con­tro con l’ar­ti­gia­no. «La sto­ria ha avu­to un hap­py en­ding, l’azien­da as­su­me­rà un so­sti­tu­to che pa­ghe­rà men­tre la ma­ter­ni­tà sa­rà, co­me da pras­si, so­ste­nu­ta dall’Inps. La co­sa che mi ha sor­pre­so di più è che la la­vo­ra­tri­ce non fos­se scan­da­liz­za­ta, lo tro­va­va sem­pli­ce­men­te stra­no – spie­ga -. Il suo con­trat­to di ap­pren­di­sta­to, con­clu­so il pe­rio­do di pro­va, le da­va il di­rit­to al­la ma­ter­ni­tà ma lei non lo sa­pe­va. E non è un ca­so uni­co». E con­ti­nua: «Ti­to­la­ri che avan­za­no ri­chie­ste inau­di­te, non so­lo nei ca­si di ma­ter­ni­tà, e pen­sa­no che tut­ti i ra­gaz­zi sia­no di­spe­ra­ti al pun­to da con­si­de­ra­re un’op­por­tu­ni­tà di la­vo­ro co­me un fa­vo­re. Chie­do­no al di­pen­den­te di li­cen­ziar­si vo­lon­ta­ria­men­te per non so­ste­ne­re ul­te­rio­ri spe­se. Ma ven­go­no da noi gio­va­ni bi­so­gno­si di una mas­sic­cia edu­ca­zio­ne ci­vi­ca sui di­rit­ti e sul la­vo­ro. La ra­gaz­za in que­stio­ne non sa­pe­va che una don­na in­cin­ta non può es­se­re li­cen­zia­ta ed è fran­ca­men­te inac­cet­ta­bi­le».

C’è un al­tro ele­men­to che Atal­mi evi­den­zia a par­ti­re da que­sto ca­so: «Non vo­le­va che usas­si­mo to­ni trop­po du­ri per non in­cri­na­re il rap­por­to con l’azien­da. Le ho fat­to no­ta­re che se era­no ar­ri­va­ti al pun­to di vo­ler­la li­cen­zia­re, il ti­mo­re di in­cri­na­re an­co­ra di più il rap­por­to era sur­rea­le. Suc­ce­de spes­so che i la­vo­ra­to­ri non vo­glio­no ar­ri­va­re al­le ver­ten­ze per lo stes­so mo­ti­vo, co­me se i di­rit­ti ve­nis­se­ro do­po i rap­por­ti con l’azien­da».

Scuo­te la te­sta Ma­rio Poz­za, pre­si­den­te del­la Ca­me­ra di Com­mer­cio di Tre­vi­so e Bel­lu­no e im­pren­di­to­re ar­ti­gia­no: «Non cre­do che sia­no ca­si dif­fu­si, mi sem­bra più un ca­so li­mi­te. Non cre­do che il mon­do dell’im­pren­di­to­ria sia an­co­ra co­sì ar­re­tra­to. Pe­rò è ve­ro che per la pic­co­la azien­da, che si trat­ti di ar­ti­gia­na­to o di ser­vi­zi, una ma­ter­ni­tà tal­vol­ta è un pro­ble­ma, al di là del co­sto in sé che poi vie­ne re­cu­pe­ra­to e com­pen­sa­to. Per quei sei me­si, o per l’an­no di aspet­ta­ti­va, i più for­tu­na­ti in­se­ri­sco­no qual­cu­no che già co­no­sce il me­stie­re, ma non è fa­ci­le. Spes­so il so­sti­tu­to va for­ma­to e sul più bel­lo, quan­do ha im­pa­ra­to, de­ve tor­na­re a ca­sa». Lan­cia quin­di una pro­po­sta: «Po­treb­be­ro es­se­re uti­li del­le agen­zie spe­cia­liz­za­te nel crea­re fi­gu­re pro­fes­sio­na­li “mu­let­to” nei set­to­ri che han­no mag­gio­re ne­ces­si­tà. C’è bi­so­gno di spe­cia­liz­za­zio­ne».

Atal­mi I la­vo­ra­to­ri co­no­sco­no po­co i lo­ro di­rit­ti e non vo­glio­no ver­ten­ze

In gra­vi­dan­za Una don­na in­cin­ta si è sen­ti­ta chie­de­re dal da­to­re di la­vo­ro il pa­ga­men­to del­la sua so­sti­tu­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.