Il ri­tor­no dei Lit­fi­ba con un bra­no de­di­ca­to al­la So­le­sin

IL CON­CER­TO La band mer­co­le­dì a Pa­do­va con il nuo­vo al­bum. «Sia­mo pa­ci­fi­sti Dedicheremo “In no­me di Dio” a Va­le­ria So­le­sin, si è tro­va­ta nel po­sto sba­glia­to al mo­men­to sba­glia­to. Sa­rà uno show di­ver­so da tut­ti quel­li del pas­sa­to»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Ver­ni

«Sa­rà uno spet­ta­co­lo mol­to di­ver­so, una co­sa che i Lit­fi­ba non han­no mai fat­to», as­si­cu­ra Ghi­go Ren­zul­li. «Sa­rà mol­to più che in­cen­dia­rio, as­si­ste­re­te d uno show che vi stu­pi­rà», al­za l’asti­cel­la Pie­ro Pe­lù. I Lit­fi­ba so­no tor­na­ti con un al­bum, «Eutòpia», e una tour­née che ini­zie­rà uf­fi­cial­men­te mer­co­le­dì dal­la Kioe­ne Are­na di Pa­do­va (ore 21, in­fo www.zed­li­ve.com) e che tor­ne­rà in Ve­ne­to il 23 lu­glio al ca­stel­lo Sca­li­ge­ro di Vil­la­fran­ca di Ve­ro­na (ore 21, in­fo www.even­ti­ve­ro­na.it).

Nel­la ti­tle track can­ta «Se Eutòpia è lot­ta io vo­glio con­ti­nua­re a lot­ta­re». Og­gi per che co­sa lot­ta­te?

Pie­ro Pe­lù: «Per la so­prav­vi­ven­za. Ci so­no 15mi­lio­ni di ita­lia­ni che vi­vo­no sot­to la so­glia del­la po­ver­tà. Co­me di­co in Eutòpia “ac­co­glien­za e bas­sa di­spa­ri­tà”: se fos­se ve­ra­men­te co­sì sta­rem­mo tut­ti mol­to me­glio».

Ghi­go: «L’im­por­tan­te è non al­za­re i mu­ri co­me sta fa­cen­do Trump».

«Eutòpia» è una di­sco più di lot­ta o di spe­ran­za?

G: «Più di spe­ran­za. Ci ve­do tan­ta po­si­ti­vi­tà. Con la vo­lon­tà si può fa­re tut­to, è una filosofia di vi­ta fon­da­men­ta­le».

PP: «Tut­ti e due. So­lo con la spe­ran­za si va po­co lon­ta­no, per que­sto bi­so­gna es­se­re an­che lot­ta­to­ri. Le co­se van­no con­qui­sta­te. Nien­te è im­pos­si­bi­le».

La mu­si­ca può an­co­ra cam­bia­re il mon­do?

G: «Ci pro­va, la vo­lon­tà c’è, an­che se è mol­to dif­fi­ci­le».

PP: «Pic­co­le co­se si pos­so­no ot­te­ne­re, ma i mas­si­mi si­ste­mi è dif­fi­ci­li cam­biar­li».

«In no­me di Dio» è de­di­ca­ta al­la vit­ti­me del Ba­ta­clan. La suo­ne­re­te a Pa­do­va?

PP: «As­so­lu­ta­men­te e sa­rà de­di­ca­ta a Va­le­ria So­le­sin. Pur­trop­po si è tro­va­ta nel po­sto

sba­glia­to al mo­men­to sba­glia­to. Gli Ea­gles of dea­th me­tal non han­no mai fat­to scon­ti a nes­su­no in fat­to di raz­zi­smo e, pur­trop­po, quan­do si inneggia al­la vio­len­za, si rischia sem­pre. Ov­via­men­te i ra­gaz­zi era­no an­da­ti là per di­ver­tir­si, non c’en­tra­no as­so­lu­ta­men­te nul­la. Ma è giu­sto ri­cor­da­re che i Lit­fi­ba so­no sem­pre sta­ti e ri­man­go­no una band pa­ci­fi­sta».

Che co­sa è ri­ma­sto ugua­le in que­sti ol­tre 35 an­ni di rock?

G: «Quel­lo che è ri­ma­sto inal­te­ra­to è lo spi­ri­to rock».

PP: «La vo­glia di suo­na­re, di­ver­tir­si, con­di­vi­de­re que­sta gio­ia con il pub­bli­co. Fa­re mu­si­ca è la co­sa più bel­la che ci sia al mon­do, è co­me fa­re all’amo­re tut­to il gior­no».

C’è un al­bum che vi ha cam­bia­to la vi­ta?

G: «“Pa­ra­noid” dei Black Sab­ba­th. Se­gnò il pas­sag­gio da ra­gaz­zi­no frui­to­re di San­re­mo ad ap­pas­sio­na­to di rock: da lì so­no ri­ma­sto sem­pre nel rock».

PP: «Nell’or­di­ne, “Re­vol­ver” dei Bea­tles, “Pa­ra­noid” dei Sab­ba­th e “Ne­ver mind the bol­locks” dei Sex Pi­stols».

Il Ve­ne­to nei vo­stri tour non man­ca mai. Quan­do ci pen­sa­te che co­sa vi vie­ne in men­te?

G: «So­no ve­ra­men­te mol­to le­ga­to al Ve­ne­to, ho per­fi­no fat­to il mi­li­ta­re a Mot­ta di Li­ven­za».

PP: «Ho un ac­cor­do con un or­ga­niz­za­to­re del­le vo­stre par­ti: io gli for­ni­sco olio to­sca­no e lui mi pro­cu­ra ‘fra­go­li­no’ di pri­ma scel­ta. Scam­bi cul­tu­ra­li che van­no col­ti­va­ti».

Eroi nel ven­to Da si­ni­stra, Pie­ro Pe­lù e Ghi­go Ren­zul­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.