Il fi­glio ha spa­ra­to men­tre il pa­pà dor­mi­va

Pa­do­va Fa­mi­glia e com­pa­gni del ra­gaz­zo: sia­mo con te

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Mu­na­ro

PA­DO­VA Ha pun­ta­to la ca­ra­bi­na ca­li­bro 22 del non­no dal bas­so ver­so l’al­to e l’ha av­vi­ci­na­ta al­la te­sta del pa­dre En­ri- co Bog­gian, mez­zo ad­dor­men­ta­to da­van­ti al­la tv e nel più to­ta­le relax do­po una mat­ti­na­ta di la­vo­ro. Poi ha spa­ra­to. E’ quan­to ha rac­con­ta­to il fi­glio al pm, ri­pe­ten­do la sua ver­sio­ne: «Era uno scher­zo». Il ra­gaz­zo ha ri­ce­vu­to in car­ce­re la vi­si­ta del­la ma­dre, e mol­ti mes- sag­gi dei com­pa­gni.a pa­gi­na

PA­DO­VA Per spie­gar­si me­glio a un cer­to pun­to dell’in­ter­ro­ga­to­rio si è al­za­to dal­la se­dia e ha mi­ma­to il ge­sto. Ha spie­ga­to che la ca­ra­bi­na ca­li­bro 22 del non­no la te­ne­va pun­ta­ta dal bas­so ver­so l’al­to e l’ave­va av­vi­ci­na­ta al­la te­sta del pa­dre En­ri­co Bog­gian, mez­zo ad­dor­men­ta­to da­van­ti al­la tv e nel più to­ta­le relax do­po una mat­ti­na­ta di la­vo­ro, ve­ner­dì po­co do­po pran­zo, nel­la lo­ro ca­sa di Sel­vaz­za­no. A quel pun­to, ma «era so­lo uno scher­zo» per lui e per la fa­mi­glia (che gli cre­de), ha ti­ra­to il gril­let­to del fucile pre­so dal­la ca­me­ra del non­no la mat­ti­na e già ar­ma­to, so­stie­ne la Pro­cu­ra, che lo ac­cu­sa di omi­ci­dio vo­lon­ta­rio, e ha spa­ra­to da non più di 50 cen­ti­me­tri. Non si aspet­ta­va che den­tro ci fos­se una car­tuc­cia pron­ta a uc­ci­de­re: è la te­si che ha so­ste­nu­to da­van­ti ai ca­ra­bi­nie­ri nel­la not­te tra sa­ba­to e do­me­ni­ca e che ha ri­pe­tu­to ie­ri di fron­te al giu­di­ce del mi­no­ri Va­le­ria Zan­can. Sa­pe­va be­nis­si­mo quel­lo che fa­ce­va: è l’im­pian­to ac­cu­sa­to­rio del pm Mo­ni­ca Maz­za, spo­sa­to an­che dal gip. Che, pu­re, è an­da­ta ol­tre. Nel di­spor­re la cu­sto­dia in car­ce­re a Tre­vi­so, il giu­di­ce Zan­can ha di fatto de­scrit­to il se­di­cen­ne ac­cu­sa­to di aver spa­ra­to al pa­dre co­me un kil­ler: po­treb­be uc­ci­de­re an­co­ra e per que­sto de­ve sta­re in cel­la, ha scritto il gip.

Il so­spet­to è che En­ri­co Bog­gian po­tes­se es­se­re sal­va­to se il fi­glio non si fos­se pre­oc­cu­pa­to co­me pri­ma co­sa di far spa­ri­re l’ar­ma, get­tan­do­la in una sie­pe die­tro ca­sa, poi di crear­si un ali­bi fa­cen­do­si ve­de­re dal­la vicina men­tre rien­tra­va at­tor­no al­le 14.40 da un gi­ro in bi­ci­clet­ta. Il dub­bio che fos­se tut­to già di­se­gna­to non è an­co­ra un’ac­cu­sa for­ma­le: la chia­ve per la giu­sta let­tu­ra dei fat­ti ar­ri­ve­rà a fi­ne set­ti­ma­na, quan­do la dot­to­res­sa Ales­sia Vie­ro avrà con­clu­so l’au­top­sia, di cui è sta­ta in­ca­ri­ca­ta ie­ri mat­ti­na dal­la Pro­cu­ra dei Mi­no­ri.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.