La lu­ce di Don­zel­li Il bian­co e ne­ro di una ter­ra so­spe­sa

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Spet­ta­co­li - Bar­ba­ra Co­do­gno © RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

Scri­ve­va Wil­liam Faul­k­ner: «Sco­po di ogni ar­ti­sta è ar­re­sta­re il mo­vi­men­to, che è vi­ta, con mez­zi ar­ti­fi­cia­li, e te­ner­lo fer­mo ma in tal mo­do che cent’an­ni do­po, tor­ni a muo­ver­si, per­ché è vi­ta». So­no co­sì gli scat­ti di Pie­tro Don­zel­li, fo­to­gra­fo mi­la­ne­se in­na­mo­ra­to del Po­le­si­ne, che sa­ran­no a Ro­vi­go a pa­laz­zo Ro­ve­rel­la fi­no al 18 giu­gno in una pre­zio­sa re­tro­spet­ti­va dal ti­to­lo: «Pie­tro Don­zel­li. Lu­ce» a cu­ra di Ro­ber­ta Val­tor­ta e or­ga­niz­za­ta dal­la Fon­da­zio­ne Cas­sa di Ri­spar­mio di Pa­do­va e Ro­vi­go. Ol­tre 200 fo­to­gra­fie in bian­co e ne­ro rac­con­ta­no la sto­ria, per sem­pre vi­va, di un ter­ri­to­rio so­spe­so tra ter­ra ac­qua e cie­lo. E che Don­zel­li ci rac­con­ta con oc­chio in­na­mo­ra­to. Per­ché il suo con il Po­le­si­ne fu amo­re a pri­ma vi­sta. Fu du­ran­te la se­con­da guer­ra mon­dia­le che il fo­to­gra­fo in­con­trò il Po. Ci tor­nò più vol­te, fi­no al 1961, per­cor­ren­do i sen­tie­ri di cam­pa­gna, gli ar­gi­ni, co­steg­gian­do i ca­na­li, cam­mi­nan­do luo­go le stra­de si­len­zio­se dei pae­si, fo­to­gra­fan­do la gen­te e i pae­sag­gi: il Po di Le­van­te, il Po di Vo­la­no, Adria, Go­ro, Ro­so­li­na, Me­so­la, Scar­do­va­ri, l’iso­la di Aria­no. Una ter­ra che lo con­qui­sta: «Sen­za vo­ler­lo – an­no­ta il fo­to­gra­fo - l’ave­vo scel­ta co­me pa­tria idea­le, co­me pro­te­zio­ne dal­la mi­nac­cia di sen­tir­mi per sem­pre un apo­li­de». Il ca­ta­lo­go bi­lin­gue (ita­lia­no - in­gle­se), edi­to da Sil­va­na Edi­to­ria­le, col­le­ga le im­ma­gi­ni, i te­sti di Don­zel­li stes­so e le poe­sie di Gi­no Pi­va, il poe­ta del Del­ta. In­fo: www.pa­laz­zo­ro­ve­rel­la.com

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.